Demistificazione dell'American Chronicle di Bernal a favore di Cortés

Demistificazione dell'American Chronicle di Bernal a favore di Cortés


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il francese Christian duverger, storico, antropologo e archeologo specializzato in civiltà mesoamericane, è l'autore del saggio in forma di romanzo (azione per attirare un maggior numero di lettori) "Cronaca dell'eternità. Chi ha scritto la vera storia della conquista della Nuova Spagna?”.

In esso, Duverger afferma, dopo 400 anni dalla stesura del conquista dell'America di Bernal Díaz del Castillo, che cosa questo non è che Hernán Cortés, che possiede il "licenza”Della cronaca che racconta tale conquista. Lo storico si basa sul fatto che Bernal, che considera "un'espressione del genio popolare"E a cui aggiunge:"Non dubito della sua esistenza, ma dubito che sia stato l'autentico cronista della conquista dell'America”, Chi ha scritto la sua cronaca all'età di 84 anni, mezzo secolo dopo la conquista, porta l'autore a porsi domande del tipo: come può ricordare la conquista in così tanti dettagli dopo tanti anni? Come potrebbe, secondo il tuo racconto, essere accanto a Hernán Cortés e Carlos V e non apparire in nessuna lettera o registrazione? Come poteva un soldato come lui, senza alcuna formazione, scrivere letteralmente la cronaca della conquista?

Di fronte a tali domande, Duverger basa la sua teoria su questo il vero cronista è cortese, sostenendo nella sua opera che Hernán era un uomo colto e colto, autore di opere letterarie e conoscitore dei classici, che ha scritto il manoscritto della sua versione della conquista con tale veridicità che (il manoscritto, trovato in Guatemala da uno dei figli di Bernal Díaz e immediatamente consegnato a suo padre) in questi 400 anni ha prevalso la mitizzazione e l'immagine dell'eroe cronista di Bernal.

Ora, il francese in un primo momento dubitava se pubblicare il suo romanzo su questa questione, vista la conquista dell'America "un argomento molto delicato", Soprattutto per spagnoli e messicani, soprattutto considerando questo Hernán Cortés è sottovalutato e ha un'immagine negativa in molte parti del mondo.

Hernán Cortés è considerato "il cattivo della storia", Colpevole, insieme a Pizarro, dell'estinzione degli indigeni e responsabile di un bagno di sangue. Al che Duverger lo sostiene è un'immagine totalmente falsa, che ci furono maggiori bagni di sangue nelle guerre europee, che nel XVI secolo l '"equilibrio dei poteri" era a favore di Cortés e non della Corona e che nel XVIII secolo era considerato in Messico "il padre dell'indipendenza"Dai paesi dell'America Latina.

Queste indipendenze messicane non andarono bene con gli Stati Uniti nel 19 ° secolo e iniziarono a diffondersi documenti falsi sulla performance di Cortés nella conquista, oscurando seriamente la sua immagine.", Chiarisce anche l'autore francese. Inoltre, Cortés era già un autore proibito e doveva scrivere in modo anonimo, come privato, il suo manoscritto sulla versione della conquista.

A differenza di Cortés, Bernal Díaz del Castillo è un "eroe" in Messico, un eroe che ha raccontato il risultato più universale del paese e che appare nei libri di testo.

Per tutto questo Duverger ammette la difficoltà che in Messico e nel resto del mondo, un personaggio mitizzato per 400 anni, svanisca improvvisamente per lasciare il posto a un altro personaggio considerato assetato di sangue.

Anche così, Duverger non si dispera, non sfugge alle polemiche e afferma che: "È difficile bandire idee che sono state presenti da quattro secoli e facile che nuove vengano rifiutate, ma con il tempo e un grande cambiamento mentale, le mie tesi gradualmente prenderanno piede.”.

Quasi laureato in Marketing presso l'Università Rey Juan Carlos, una laurea scelta per vocazione come buon appassionato di comunicazione e grande tossicodipendente per analizzare continuamente ogni spot che mi viene presentato. Molto perfezionista ... molto creativo ... e molto, molto irrequieto. Vivo dall'immaginazione, quindi posso portare idee e punti di vista diversi.Adoro il disegno e tutto ciò che ha a che fare con il design, artista frustrato. Curioso di tutto ciò che è antico e amante dell'egittologia da quando posso ricordare; L'Egitto ha segnato sulla mia pelle. Pur non essendo uno storico, Red Historia mi dà l'opportunità di condividere questa passione e di farti sentire la stessa preoccupazione che provo io.


Video: Moctezuma and Cortés


Commenti:

  1. Ollin

    Più facile a dirsi che a farsi.

  2. Jarrett

    Il messaggio intelligibile

  3. Quany

    Mi congratulo, l'idea ottima e puntuale

  4. Kayden

    È gradevole, il pensiero ammirevole

  5. Griflet

    Non ha nulla da dire: stai zitto per non impantanare la questione.

  6. Iason

    UR !!!! Abbiamo vinto :)

  7. Arabei

    Questo è solo un argomento impareggiato.

  8. Fareed

    D'accordo, idea molto utile



Scrivi un messaggio