Frammenti dei Rotoli del Mar Morto in vendita

Frammenti dei Rotoli del Mar Morto in vendita


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

AP. Dopo 70 anni dalla scoperta del manoscritti biblici più antichi del mondo, la famiglia palestinese che originariamente li vendeva a istituti di studio, ora li sta tranquillamente commercializzando.

La maggior parte dei resti sono a malapena dimensioni di un francobollo e alcuni di essi sono vuoti. Nonostante ciò, negli ultimi anni collezionisti e istituzioni cristiane hanno offerto enormi somme di denaro per possedere un pezzo di questo tesoro archeologico. Il Autorità del governo israeliano per le antichità ha mostrato la sua rabbia per questi eventi, poiché ritiene che ciascuno dei frammenti debba essere considerato come un bene culturale e non come un semplice oggetto offerto in vendita, e minaccia di confiscare qualcuno di essi che raggiungerà il mercato.

La famiglia ha offerto i frammenti all'Israel Antiquities Authority ma secondo loro non potevano pagarli, quindi ora si dice che se compare una parte interessata saranno venduti.

Il mondo di terra Santa è pieno di rapine e inganni, di cui i Rotoli del Mar Morto devono essere un'eccezione. La sua scoperta è stata fatta nel 1947 nel grotte del Mar Morto ad est di Gerusalemme diventando uno degli eventi più importanti del XX secolo. Mentre i governi di Giordania e Palestina discutono sulle loro rivendicazioni di proprietà, il significato di questi documenti rimane controverso nel dibattito accademico.

Scritto in scorre Realizzati in pelle di animale circa 2.000 anni fa, questi manoscritti sono i più antichi trovati nella Bibbia ebraica e costituiscono la più antica prova della nascita del giudaismo e del cristianesimo.

I rotoli erano ben protetti nelle grotte, ma con il passare del tempo la maggior parte si è disintegrata in frammenti molto piccoli.

Israele si riferisce ai rotoli come un tesoro nazionale e conduce ricerche nei suoi laboratori climatizzati presso il Museo di Israele. I resti trovati sono così numerosi che la squadra investigativa non è ancora riuscita a finire di contarli tutti. Israele è stato criticato per il controllo dell'accesso da parte di esperti, ma ha collaborato con Google per caricare online le immagini della pergamena.

Il storia della scoperta di questi rotoli Inizia quando un pastore beduino ha gettato una pietra in una grotta buia, sentendo qualcosa che si rompe, è entrato trovando vasi di terracotta e rotoli di pergamene.

Totale sette sono stati trovati, tre dei quali sono stati venduti ad un antiquario appartenente all'Università Ebraica e quattro al padre di Willian Kando, calzolaio cristiano di Betlemme che a sua volta li ha venduti a un arcivescovo della Chiesa Ortodossa Assira.

Dopo il 1948 Guerra arabo-israeliana, cadde nelle mani dell'eroe di guerra Yigael Yadin e in seguito uno dei più eminenti archeologi in Israele.

Durante il decennio successivo gli archeologi si trasferirono alla scoperta delle grotte migliaia di frammenti in più e hanno cominciato a metterli insieme come un puzzle al Museo Archeologico Rockefeller di Gerusalemme.

Nel 1993 hanno iniziato ricercare i manoscritti erano nelle mani di Israele ed è diventato il momento perfetto per commerciare con loro. Un uomo d'affari norvegese, Martin Schoyen, acquistò il suo primo frammento un anno dopo, raccogliendo infine circa 115 frammenti.

Nel 2009 l'Università Asuza Pacifico vicino a Los Angeles ha acquistato cinque frammenti. Tra il 2009 e il 2011 il Seminario Teologico del Texas ha negoziato con Kandoo per l'acquisizione di otto frammenti.

I resti sono stati passati da una mano all'altra senza un controllo esaustivo, il che renderà difficile l'acquisizione sia da parte di Israele che della Giordania, che negli ultimi anni hanno già condotto indagini per ritrovarli e tenerli sotto il loro controllo.

Molti gli ingressi delle grotte sono coperti dalla vegetazione e frane, molti dei resti sono probabilmente all'interno, in attesa di essere scoperti.

Sono nato a Madrid il 27 agosto 1988 e da allora ho iniziato un lavoro di cui non c'è esempio. Affascinato sia dai numeri che dalle lettere e amante dell'ignoto, ecco perché sono un futuro laureato in Economia e Giornalismo, interessato a comprendere la vita e le forze che l'hanno plasmata. Tutto è più facile, più utile e più emozionante se, guardando al nostro passato, possiamo migliorare il nostro futuro e per questo… Storia.


Video: Qumran Geo u0026 Geo 27 Marzo 2012.mov


Commenti:

  1. Osmin

    La vergogna e la vergogna!

  2. Taber

    Mi unisco. Quindi succede.

  3. Chancey

    È interessante. Dove posso trovare maggiori informazioni su questo problema?

  4. Esquevelle

    Mi scuso, ma secondo me ammetti l'errore. Scrivimi in PM.



Scrivi un messaggio