Otto nuovi siti archeologici in Messico

Otto nuovi siti archeologici in Messico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Nella Sierra Mayor, situata a sud di Mexicali, in Baja California, sono stati scoperti otto siti archeologici risalente tra fa 400 e 7000 anni e che sono legati alla cultura Cucapá.

Gli autori di questa scoperta sono stati specialisti appartenenti al Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) che hanno trovato una moltitudine di ossa di animali (alcune delle quali già estinte), ceramiche e altri oggetti, nonché luoghi in cui l'ossido di ferro veniva utilizzato come pigmento per il corpo e la pittura murale.

Il primo di essi è stato ritrovato dall'archeologo Antonio Porcayo Michelini, responsabile del progetto sotto il nome di «Registrazione e salvataggio di siti archeologici in Bassa California - Fase: Municipalità di Mexicali«. Lui stesso è stato colui che nel 2008 ha iniziato a lavorare in Sierra Mayor per incorporare nuove ricerche sul luogo nel registro INAH.

Sierra Mayor È una regione dal clima arido che raggiunge temperature fino a 50 gradi Celsius, in questo luogo è esposto lo strato argilloso delle colline e ad occhio nudo si possono vedere i depositi di ossido di ferro e importanti momenti geologici che si sono succeduti in tutto della formazione della penisola.

Ci sono prove che c'erano altri gruppi nomadi oltre ai Cucapá. Le zone sono costituite da strutture rocciose note come "box"Che sono stati usati come basi. Ogni campo ha circa sette o otto corralitos, il che indica che c'erano diverse famiglie che vivevano temporaneamente. Due dei corralitos avevano centinaia di resti di ossa di animali che venivano usati come cibo poiché alcuni di essi hanno tracce di smantellamento, altri, invece, erano usati come strumenti.

Gli archeologi inizialmente pensavano che fossero solo aree in cui hanno trascorso la notte, ma ora ci sono prove che fossero anche luoghi in cui sono stati collocati forni per cucinare e che in seguito furono ricoperti di terra per usare il calore del suolo per riscaldare i loro corpi durante l'inverno.

Un altro aspetto da notare del luogo è che sono stati trovati resti di pesci d'acqua dolce e salata il che conferma il fatto che i Cucapá erano dediti alla pesca. Tra i resti di pesce c'è il matalot gobbo (Xyrauchen texanus), una specie che si è estinta all'inizio del XIX secolo, simile alla trota e che sopravvive solo in piccole popolazioni vicino al Grand Canyon.

Sono nato a Madrid il 27 agosto 1988 e da allora ho iniziato un lavoro di cui non c'è esempio. Affascinato sia dai numeri che dalle lettere e amante dell'ignoto, ecco perché sono un futuro laureato in Economia e Giornalismo, interessato a comprendere la vita e le forze che l'hanno plasmata. Tutto è più facile, più utile e più emozionante se, guardando al nostro passato, possiamo migliorare il nostro futuro e per questo… Storia.


Video: Incas, vita, misteri e segreti di una civiltà - Documentario


Commenti:

  1. Gore

    Mi piace questa frase :)

  2. Akijind

    Stessa strada

  3. Tupi

    Lascia che sarà la tua strada. Fare, come vuole.



Scrivi un messaggio