I paleontologi recuperano l'unica coda di dinosauro completa trovata in Messico

I paleontologi recuperano l'unica coda di dinosauro completa trovata in Messico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Dopo 20 giorni di lavoro nel deserto di Coahuilla a El Ejido, i paleontologi dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) e dell'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) con l'aiuto delle autorità locali, hanno scoperto 50 vertebre complete di il solo la coda di dinosauro scoperta finora in questo paese.

Lentamente e con attenzione Per non deteriorare ciò che la natura ha mantenuto intatto per 72 milioni di anni, i paleontologi estraggono i sedimenti che ricoprono le vertebre dell'animale e scoprono lo scheletro di una coda lunga cinque metri appartenente a un adrosauro.

Il 50 vertebre rimangono uniti com'erano quando questo dinosauro abitava la Terra. A causa di recenti studi biologici, è possibile confermare che la coda apparteneva a un dinosauro con 50-70 vertebre.

Nel 20 giorni di scavo, sono state scoperte grandi ossa oltre a quelle dell'anca insieme allo scheletro della coda. Le caratteristiche delle vertebre e del sacro hanno permesso ai paleontologi di identificare il dinosauro come un adrosauro o becco d'anatra crestato (scientificamente noto come Lambeosaurinae). Questa informazione proviene da Felisa Aguilar, paleontologa del Centro INAH di Coahuilla, che guida gli scavi insieme al suo collega dell'UNAM Rene Hernández.

Lo ha spiegato lo specialista la coda è uguale alla metà dello scheletro, il che significa che metà dello scheletro articolato è stato conservato. Si stima che misurasse 12 metri in totale.

Ulteriore, Felisa aguilar Ha aggiunto che nello scavo sono state trovate le ossa degli arti, quindi si ritiene che sotto la coda si possa trovare il resto dello scheletro. Felisa Aguilar ha riferito che la scoperta di questo scheletro è iniziata il 2 luglio e che questo processo ha richiesto estrema cura per non danneggiare l'articolazione delle ossa.

Per fare ciò, hanno utilizzato la tecnica nota come cava, consistente nell'estrazione dei sedimenti dal fossile seguendo uno strato per strati orizzontale. Durante il processo sono state scattate foto e sono stati realizzati disegni in modo da non perdere i dettagli delle articolazioni. Prima di rimuovere le ossa, verrà eseguita una copia e uno stampo per determinare la posizione dell'animale al momento della morte. Il laboratorio aprirà le sue porte in modo che i cittadini possano conoscere il processo di preparazione, conservazione e identificazione di questi reperti.

Attualmente sto studiando Giornalismo e Comunicazione Audiovisiva presso l'Università Rey Juan Carlos, che mi ha fatto propendere per la sezione internazionale, compreso lo studio delle lingue. Per questo non escludo di dedicarmi all'insegnamento. Mi piace anche fare esercizio fisico e trascorrere piacevoli momenti chiacchierando con i miei conoscenti e con nuove persone. Infine mi piace viaggiare per conoscere la cultura autentica di ogni regione del mondo, anche se lo ammetto prima Ho bisogno di scoprire il più possibile sul luogo che andrò a visitare, per godermi appieno l'esperienza.


Video: Il dinosauro Ciro rinvenuto qualche anno prima del 1980 a Pietraroja BN


Commenti:

  1. Tojakasa

    Grazie per il vostro supporto, come posso ringraziarvi?

  2. Abdimelech

    Accade ... tale coincidenza accidentale

  3. Eadger

    Sono stupito dall'ingegno e dalla fantasia dell'autore rispettato!

  4. Kele

    Complimenti, che parole ti servono..., ottima idea



Scrivi un messaggio