Trovano lo strumento musicale più antico

Trovano lo strumento musicale più antico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Non si stava già dipingendo la facciahomo sapiens sapiens? Non decorava il suo corpo con disegni e ornamenti realizzati con i materiali offerti dal suo ambiente naturale, a cui conferiva qualità magiche e significati artistici? Perché allora non dovrei fare musica?

Alcuni ricercatori e archeologi hanno cercato di rispondere a questa domanda, soprattutto dopo la scoperta nel 2009 nella Germania sud-occidentale del strumenti musicali più vecchi. Riguarda Flauti intagliati in osso e avorio di 35.000 annibasato sui risultati dell'analisi del radiocarbonio.

Di questi, il più elaborato è lungo circa nove pollici (circa 23 cm.) Ed è realizzato con osso dell'ala dell'avvoltoio. Come ogni flauto moderno, è costituito da linee sottili scolpite nell'osso per posizionare le dita e regolarle in modo appropriato, e un'apertura a forma di V a un'estremità attraverso la quale il suono sarebbe soffiato.

Il valore storico di questi oggetti è impressionante, dato questo confermare la possibile esistenza di intenzioni artistiche ed espressive musicali già ai tempi dei nostri più diretti antenati. Insomma, una nuova forma di svago e trasmissione artistica anche quando la mera sopravvivenza occupava la maggior parte del tempo di queste popolazioni. Gli strumenti sono stati trovati in una grotta, tra scheletri di mammut e orsi e lastre di pietra focaia.

Insieme a questi risultati, sono stati trovati altri tipi di opere d'arte, come scultura di una donna nuda scolpita in avorio mammut, confermando la produzione di sofisticate opere artistiche. In questo tipo di oggetti decorativi, senza un'apparente funzione se non quella artistica e ornamentale, sebbene spesso carichi di connotazioni religiose, è dove alcuni ricercatori vedono il legame tra il modo di pensare e corrente degli antichi ominidi e quello dell'uomo attuale.

Come affermato dall'antropologo Edward Hagen della Washington State University di Vancouver,“Emotivamente, puoi vedere e riconoscere questo oggetto; puoi vedere che è un flauto; immagina di suonarlo da solo, immagina di farlo da solo. In sostanza, è una connessione tra noi e le persone che vivevano 35.000 anni fa.

Ci sono moltitudine di teorie su quando è apparsa la musica. Darwin pensava già che la musica fosse un modo per dare agli individui maggiori opportunità di attrarre relazioni e riprodursi. Altri credono che abbia origine come un modo per dimostrare la forza e l'unità del gruppo. E anche quella musica è un sottoprodotto dello sviluppo di altre abilità cognitive come il linguaggio.

Secondo l'opinione del professor Nicholas Conrad dell'Università di Tubinga, uno dei ricercatori di questi gadget musicali, la musica servirebbe come fonte di rafforzamento dei legami sociali e della comunicazione e questi strumenti sarebbero un ulteriore esempio del talento innovativo degli ultimi ominidi.

Non solo questo tipo di utensili per fare musica sono stati trovati in Germania, ma anche in altri luoghi in Europa come Francia e Austria, sebbene quelli trovati qui non superano i 30.000 anni. Un altro campione che in realtà non siamo poi così diversi da quelli, senza dubbio poco primitivi, degli uomini della Preistoria.

Romantico, nel senso artistico del termine. Nella mia adolescenza, sia la famiglia che gli amici mi hanno ricordato più e più volte che ero un umanista incallito, poiché passavo il tempo a fare ciò che forse gli altri non tanto, credendo di essere Bécquer, immerso nelle mie fantasie artistiche, nei libri e nei film, desiderando costantemente viaggiare e esplorare il mondo, ammirato per il mio passato storico e per le meravigliose produzioni dell'essere umano. Per questo ho deciso di studiare Storia e di abbinarla alla Storia dell'Arte, perché mi è sembrato il modo più appropriato per svolgere le capacità e le passioni che mi caratterizzano: leggere, scrivere, viaggiare, ricercare, conoscere, far conoscere, educare. La divulgazione è un'altra delle mie motivazioni, poiché capisco che non esiste parola che abbia un valore reale se non è perché è stata trasmessa in modo efficace. E con questo, sono determinato che tutto ciò che faccio nella mia vita abbia uno scopo educativo.


Video: Come scegliere lo strumento da imparare a suonare


Commenti:

  1. Worton

    A mio parere, hanno torto. Abbiamo bisogno di discutere. Scrivimi in PM, parla.

  2. Selik

    già visto

  3. Yozshule

    Ovviamente. Era anche con me.

  4. Babei

    Quale parola significa?



Scrivi un messaggio