Gli archeologi scoprono una tomba di 1.500 anni in Messico

Gli archeologi scoprono una tomba di 1.500 anni in Messico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli archeologi dell'Istituto nazionale di antropologia e storia del Messico hanno trovato nelle vicinanze di Villa de Álvarez, nello stato messicano di Colima, una tomba scavata nella roccia di 1.500 anni in cui la statua di a sciamano dai lineamenti lunghi che porta un'arma, come protezione spirituale del recinto funerario.

La grotta è stata scavata in un recinto coperto da tepetate (uno strato di residui di roccia vulcanica comune in America) e su entrambi i lati sono apparsi resti di ossa umane che potrebbero appartenere a uno o due corpi diversi che furono sepolti prima della sepoltura principale, che si trova in uno strato inferiore.

Questa disposizione dei cadaveri ha portato alla teoria che gli antichi coloni hanno capito le tombe come le residenze dei loro antenati, quindi li hanno usati per seppellire altri membri dello stesso clan.

I corpi furono sepolti insieme a uno straordinario corredo, che comprende, oltre alla figura di uno sciamano protettivo, alto mezzo metro, sei pezzi di ceramica di varie dimensioni e tecomati, vasi sferici comuni in molte zone della Mesoamerica fatti di argilla o con buccia di zucca o altri frutti.

Romantico, nel senso artistico del termine. Nella mia adolescenza, sia la famiglia che gli amici mi hanno ricordato più e più volte che ero un umanista incallito, poiché passavo il tempo a fare ciò che forse gli altri non tanto, credendo di essere Bécquer, immerso nelle mie fantasie artistiche, nei libri e nei film, desiderando costantemente viaggiare e esplorare il mondo, ammirato per il mio passato storico e per le meravigliose produzioni dell'essere umano. Per questo ho deciso di studiare Storia e di abbinarla alla Storia dell'Arte, perché mi è sembrato il modo più appropriato per svolgere le competenze e le passioni che mi caratterizzano: leggere, scrivere, viaggiare, ricercare, conoscere, far conoscere, educare. La divulgazione è un'altra delle mie motivazioni, perché capisco che non c'è parola che abbia un valore reale se non è perché è stata trasmessa in modo efficace. E con questo, sono determinato che tutto ciò che faccio nella mia vita abbia uno scopo educativo.


Video: Visita al cimitero abbandonato da 100 anni


Commenti:

  1. Svend

    Rispondo alla tua richiesta - nessun problema.

  2. Vigar

    È notevole, una frase molto utile

  3. Egon

    È una variante eccellente

  4. Joaquin

    Credo che tu abbia torto. Propongo di discuterne.



Scrivi un messaggio