Eugene Dennis

Eugene Dennis


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Francis Xavier Waldron (in seguito cambiò il suo nome in Eugene Dennis) nacque a Seattle, Washington, il 10 agosto 1905. Lavorò in vari mestieri ed era attivo nell'Industrial Workers of the World (IWW).

Dennis si unì al Partito Comunista Americano nel 1926 e fu coinvolto nell'organizzazione dei lavoratori in California. Fu arrestato più volte e nel 1929, dopo aver saltato la cauzione, fuggì in Unione Sovietica. Tornò nel 1935 e divenne un fedele sostenitore del nuovo leader, Earl Browder.

La leadership del Partito Comunista Americano rimase fedele alla politica estera dell'Unione Sovietica. Si sosteneva che questo fosse il modo migliore per sconfiggere il fascismo. Tuttavia, questa visione subì un duro colpo quando il 28 agosto 1939 Joseph Stalin firmò un'alleanza militare con Adolf Hitler. Dennis e altri leader del partito decisero di sostenere il patto nazi-sovietico.

Nel 1944 Earl Browder annunciò polemicamente che capitalismo e comunismo potevano coesistere pacificamente. Come ha sottolineato John Gates nel suo libro, La storia di un comunista americano (1959): "Browder aveva sviluppato diverse idee audaci che erano state stimolate dalla situazione senza precedenti, e ora procedeva a metterle in atto. In un congresso nazionale nel 1944, il Partito Comunista degli Stati Uniti si sciolse e si riformò nel Partito Comunista Associazione politica”. Ring Lardner, un altro membro del partito, ha spiegato: "Il cambiamento sembrava solo portare la nomenclatura in linea con la realtà. Le nostre attività politiche, a quel punto, erano praticamente identiche a quelle dei nostri amici liberali". Dennis ha anche sostenuto le idee di Browder.

Earl Browder era il candidato del Partito Comunista Americano alle elezioni presidenziali del 1940, ma il governo impose un ordine del tribunale che gli vietava di viaggiare all'interno del paese. I suoi sforzi per la campagna si sono limitati all'emissione di dichiarazioni scritte e alla distribuzione di discorsi registrati. Nelle elezioni ha vinto solo 46.251 voti. Nello stesso anno fu riconosciuto colpevole di irregolarità nel passaporto e condannato al carcere per quattro anni. Quando gli Stati Uniti si unirono alla seconda guerra mondiale e si allearono con l'Unione Sovietica, l'atteggiamento nei confronti del comunismo cambiò e Browder fu scarcerato dopo aver scontato solo 14 mesi della sua condanna. Anche i membri del partito sono saliti a 75.000.

Ad eccezione di William Z. Foster e Benjamin Davis, i leader del Partito Comunista Americano sostennero all'unanimità Browder. Tuttavia, nel 1945, Jacques Duclos, un membro di spicco del Partito comunista francese e considerato il principale portavoce di Joseph Stalin, attaccò ferocemente le idee di Earl Browder. Come ha sottolineato John Gates: "I leader dei comunisti americani, che, ad eccezione di Foster e un altro, avevano sostenuto all'unanimità Browder, ora sono cambiati durante la notte e, tranne uno o due con riserve, hanno offerto il loro sostegno a Foster. Un'emergenza convenzione nel luglio 1945, ripudiò le idee di Browder, lo rimosse dalla leadership e ricostituì il Partito Comunista in un'atmosfera di isteria e umiliante percosse senza precedenti nella storia comunista".

William Z. Foster ora è diventato il nuovo presidente e Dennis il segretario generale. Due anni dopo, dopo essere stato criticato dai leader dell'Unione Sovietica, Earl Browder fu espulso dal Partito Comunista Americano. In seguito avrebbe sostenuto: "I comunisti americani avevano prosperato come campioni di riforme interne. Ma quando i comunisti abbandonarono le riforme e sostennero un'Unione Sovietica apertamente sprezzante nei confronti dell'America mentre prevedeva il suo rapido crollo, lo stesso partito perse tutta la sua influenza conquistata a fatica. Divenne semplicemente una parolaccia nella lingua americana".

Dopo la seconda guerra mondiale si decise di utilizzare l'Alien Registration Act contro il Partito Comunista Americano. La mattina del 20 luglio 1948, Eugene Dennis e altri undici leader del partito, tra cui William Z. Foster, Benjamin Davis, John Gates, Robert G. Thompson, Gus Hall, Benjamin Davis, Henry M. Winston e Gil Green furono arrestato e accusato ai sensi dell'Alien Registration Act. Questa legge, approvata dal Congresso nel 1940, rese illegale per chiunque negli Stati Uniti "sostenere, incoraggiare o insegnare l'opportunità di rovesciare il governo".

Il processo iniziò il 17 gennaio 1949. Come fece notare John Gates: "C'erano undici imputati, il dodicesimo, Foster, essendo stato separato dal caso a causa della sua grave malattia cardiaca cronica". Gli uomini furono difesi da George W. Crockett.

È stato difficile per l'accusa dimostrare che gli undici uomini avevano violato l'Alien Registration Act, poiché nessuno degli imputati aveva mai apertamente invocato la violenza o era stato coinvolto nell'accumulo di armi per una proposta di rivoluzione. L'accusa si è quindi basata su brani dell'opera di Karl Marx e di altre figure rivoluzionarie del passato. Quando John Gates si è rifiutato di rispondere a una domanda che coinvolgeva altre persone, è stato condannato dal giudice Harold Medina a 30 giorni di carcere. Quando Henry M. Winston e Gus Hall hanno protestato, sono stati anche mandati in prigione.

L'accusa ha anche usato la testimonianza di ex membri del Partito Comunista Americano per aiutare a dimostrare che Dennis ei suoi compagni avevano sostenuto privatamente il rovesciamento del governo. Il testimone più importante contro i dirigenti del partito è stato Louis Budenz, ex caporedattore del giornale del partito, Il lavoratore quotidiano.

Un'altra strategia dell'accusa è stata quella di porre agli imputati domande su altri membri del partito. Non volendo fornire informazioni sui compagni, sono stati messi in prigione e accusati di oltraggio alla corte. Il processo si trascinò per undici mesi e alla fine il giudice Harold Medina, che non fece alcun tentativo di mascherare i propri sentimenti nei confronti degli imputati, mandò in prigione gli avvocati del partito per oltraggio alla corte.

Dopo un processo di nove mesi, i leader del Partito comunista americano sono stati giudicati colpevoli di aver violato l'Alien Registration Act e condannati a cinque anni di carcere e una multa di 10.000 dollari. Robert G. Thompson, a causa del suo record di guerra, ha ricevuto solo tre anni. Hanno fatto appello alla Corte Suprema ma il 4 giugno 1951 i giudici hanno stabilito, 6-2, che la condanna era legale.

Il giudice Felix Frankfurter ha sostenuto: Le circostanze particolari di questo caso mi costringono a concludere che il giudice del processo non avrebbe dovuto combinare in sé le funzioni di accusatore e giudice. Perché le sue accuse non erano impersonali. Riguardavano questioni in cui era personalmente impegnato... Nessun giudice dovrebbe sedere in un caso in cui è coinvolto personalmente... A intervalli frequenti nel corso del processo i suoi commenti rivelano chiaramente sentimenti personali contro gli avvocati... La verità obbliga a constatare, per quanto doloroso a dirsi, che i quindici volumi di testimonianze orali nel processo principale registrano numerosi episodi che coinvolgono il giudice e l'avvocato difensore, che fanno pensare più a una società di dibattito indisciplinata che al silenzio e alla solennità di una corte di giustizia. Troppo spesso gli avvocati sono stati incoraggiati a competere con la corte nella dialettica, nel botta e risposta, in discorsi così copiosi da arrestare inevitabilmente lo slancio del processo e indebolire le restrizioni di rispetto che un giudice dovrebbe generare negli avvocati... procedimento... non ha esercitato l'autorità morale di una corte di grande tradizione.

Il giudice William Douglas ha concordato: "Sono d'accordo con il signor Justice Frankfurter che chi legge il verbale avrà difficoltà a determinare se i membri dell'ordine degli avvocati hanno cospirato per cacciare un giudice dal banco o se il giudice ha usato l'autorità del banco per segare il avvocati, per schernirli e tentarli, e per crearsi il ruolo del perseguitato.Ho concluso a malincuore che nessuno dei due è irreprensibile, che ci sono colpe da entrambe le parti, che abbiamo qui lo spettacolo del banco e del bar che usano il aula di tribunale per una discussione sconveniente e di cattiva volontà e irascibilità."

Nella sua autobiografia, Essere rossi, l'autore, Howard Fast ha commentato: "Che la giuria si sia presa gioco dei mesi di prove e sia giunta al suo verdetto di colpevolezza quasi istantaneamente dice più sulla natura di questo processo che un centinaio di pagine di prove legali. Quello che è successo a noi - e per noi intendo quelli di noi nel campo delle arti - era la questione di cosa si poteva fare nelle nuove condizioni di propaganda anticomunista create dal processo Non erano solo i dodici imputati di Foley Square ad essere attaccati; in ogni sindacato dove il Partito Comunista aveva qualche influenza, comunisti e presunti comunisti venivano attaccati e cacciati dalle loro posizioni dirigenziali, dal sindacato e dai loro posti di lavoro.In questo, gli anticomunisti (molti di loro al lavoro perché del lavoro e del coraggio degli organizzatori comunisti) nell'AFL e il CIO si voltò e condusse la caccia contro i comunisti".

Come ha sottolineato John Gates nel suo libro, La storia di un comunista americano (1959): "Per molti nella dirigenza, questo significava che gli Stati Uniti erano indiscutibilmente alle soglie del fascismo. Il primo passo di Hitler non era stato quello di mettere fuorilegge il Partito Comunista? Abbiamo visto un parallelo quasi esatto".

Nell'aprile 1956 Eugene Dennis pubblicò un rapporto sul Partito Comunista Americano. John Gates ha affermato che "è stata una critica devastante delle politiche del partito per un intero decennio. Come tutti i rapporti, non era solo suo, ma era stato discusso e approvato in anticipo dai membri del Comitato nazionale. Dennis ha caratterizzato le politiche del partito come super-sinistra e settaria, gretta e inflessibile, dogmatica e irrealistica". William Z. Foster, Benjamin Davis e Robert G. Thompson, costituivano una minoranza della leadership che guidò l'attacco a Dennis.

Secondo Joe North, Dennis non era facile con le persone. Howard Fast incontrò Dennis per la prima volta nel 1956. "Si sedette dietro la sua scrivania; non si alzò né offrì la mano. Né sorrise. Né mi chiese di sedermi. Né indicò che era sia contento o dispiaciuto di incontrarmi... Ora questo è il leader nazionale del Partito Comunista degli Stati Uniti. Eccomi qui, uno degli scrittori più importanti e - a quel tempo - più onorati del paese... Ma Dennis non mi ha mai chiesto di incontrarlo, e ora che ero nel suo ufficio, mi ha guardato come un giudice potrebbe guardare un prigioniero prima di emettere una sentenza".

Dennis continuò come segretario generale del Partito comunista americano fino al 1957. Eugene Dennis fu anche presidente nazionale del partito dal 1959 fino alla sua morte, avvenuta il 31 gennaio 1961.

Noi undici imputati dimostreremo che proprio nel momento in cui abbiamo presumibilmente iniziato questa minacciosa cospirazione stavamo in realtà sostenendo e organizzando un sostegno totale al governo degli Stati Uniti. Dimostreremo che tutti noi abbiamo insegnato il dovere di sostenere il governo degli Stati Uniti e di intensificare lo sforzo bellico contro l'Asse e noi imputati metteremo in evidenza l'onorevole stato di guerra dei 15.000 comunisti americani che, in accordo con ciò che abbiamo insegnato e sostenuto, servito con le forze armate nella difesa militare del nostro paese.

Mostreremo con quale intento pacifico abbiamo insegnato e sostenuto, tra l'altro, di opporsi al sostegno americano alla guerra ingiusta e criminale contro il popolo cinese condotta dal miserabile Chiang Kai-shek, di opporsi alla guerra civile contro i greci, condotta da il burattino monarchico-fascista dei padroni americani, con il popolo americano che paga il conto, per opporsi ai signori del petrolio anglo-americani contro il nuovo Stato di Israele, e il popolo dell'Indonesia, e per opporsi alla restaurazione dei monopoli tedeschi e giapponesi e potenziale bellico sotto la nuova gestione dei cartelli americani.

Vedrai che la nostra Costituzione del Partito Comunista riconosce non solo che impariamo da Marx e Lenin, ma che dobbiamo molto e impariamo dagli insegnamenti di uomini come Thomas Jefferson, Abraham Lincoln, Frederick Douglass, William Sylvis ed Eugene V. Debs.

L'accusa chiede a questa giuria quella che equivale a una condanna preventiva, in modo che noi leader comunisti possiamo essere posti sotto quella che i nazisti chiamavano custodia protettiva. Chiedo alla giuria di soppesare la causa dell'accusa con la prova che noi imputati offriremo per stabilire che abbiamo insegnato e sostenuto il dovere e la necessità di prevenire la forza e la violenza del fascismo, degli imperialisti della guerra e dell'Iynching e dell'antisemitismo. Vi chiedo di valutare attentamente la nostra sincera offerta di prova che dimostri che noi comunisti non siamo secondi a nessuno nella nostra devozione al nostro popolo e al nostro paese, e che insegniamo, difendiamo e pratichiamo un programma di pace, democrazia, uguaglianza, economia sicurezza e progresso sociale.

Il Partito Comunista si basa sul cosiddetto socialismo scientifico, la teoria e la pratica del cosiddetto socialismo scientifico come appare negli scritti di Marx, Engels, Lenin e Stalin, quindi come interpretati da Lenin e Stalin che hanno interpretato specificamente il socialismo scientifico per significare che il socialismo può essere raggiunto solo con la violenta distruzione dello Stato capitalista e l'instaurazione di una dittatura del proletariato con la forza e la violenza al posto di quello Stato. Negli Stati Uniti ciò significherebbe che il Partito Comunista degli Stati Uniti è sostanzialmente impegnato nel rovesciamento del governo degli Stati Uniti come stabilito dalla Costituzione degli Stati Uniti.

Se il contenuto del libro e questi altri opuscoli e documenti di un tipo o dell'altro, che sono stati distribuiti, e alla gente è stato detto di studiarli e di insegnare ad altre persone cosa fare, e come dovevano andare in giro e fare le cose che qui sono stati testimoniati. Non riesco a credere che stia provando un libro. sta processando quelle persone che hanno usato il libro e altri mezzi per commettere un presunto crimine, e questo fa parte dell'armamentario del crimine.

Innanzitutto voglio sottolineare qual è il crimine coinvolto in questo caso e cosa non lo è. Questi firmatari non sono stati accusati di tentativo di rovesciare il governo. Non sono stati accusati di atti palesi di alcun tipo volti a rovesciare il governo. Non sono stati nemmeno accusati di aver detto o scritto qualcosa per rovesciare il governo. L'accusa era che si accordassero per riunirsi, parlare e pubblicare alcune idee in un secondo momento. L'accusa è di aver cospirato per organizzare il Partito Comunista e per utilizzare in futuro discorsi o giornali e altre pubblicazioni per insegnare e sostenere il rovesciamento forzato del governo. Non importa come sia formulata, questa è una forma virulenta di censura preventiva della parola e della stampa, che credo il Primo Emendamento vieti.

Ma supponiamo, contrariamente a tutte le idee costituzionali di equa procedura penale, che i ricorrenti, sebbene non incriminati per il reato di patrocinio effettivo, possano essere puniti per questo. Anche su questo presupposto radicale, le altre opinioni in questo caso mostrano che l'unico modo per affermare queste convinzioni è quello di ripudiare direttamente o indirettamente la regola stabilita del "pericolo chiaro e presente". La Corte lo fa in un modo che limita notevolmente le tutele offerte dal Primo Emendamento. I pareri di affermazione indicano che la ragione principale per abbandonare la regola è il timore espresso che la difesa della dottrina comunista metta in pericolo la sicurezza della Repubblica. Indubbiamente, una politica governativa di libera comunicazione delle idee comporta dei pericoli. Per i Fondatori di questa Nazione, tuttavia, i benefici derivati ​​dalla libera espressione valevano il rischio. Ho sempre creduto che il Primo Emendamento sia la chiave di volta del nostro governo, che le libertà che garantisce forniscano la migliore assicurazione contro la distruzione di ogni libertà.

Finché questa Corte esercita il potere di controllo giurisdizionale della legislazione, non posso accettare che il Primo Emendamento ci permetta di sostenere leggi che sopprimono la libertà di parola e di stampa sulla base del Congresso o delle nostre nozioni di mera "ragionevolezza". Tale dottrina annacqua il Primo Emendamento in modo tale da equivalere a poco più di un monito al Congresso. L'Emendamento così interpretato non è in grado di proteggere nessuno se non quelle opinioni "sicure" o ortodosse che raramente necessitano della sua protezione.

Essendo l'opinione pubblica quella che è ora, pochi protesteranno contro la condanna di questi firmatari comunisti. C'è speranza, tuttavia, che in tempi più calmi, quando le pressioni, le passioni e le paure presenti si placano, questa o qualche Corte successiva ripristinerà le libertà del Primo Emendamento nel luogo privilegiato a cui appartengono in una società libera.

Un ruolo particolare in questa crisi fu svolto da due redattori del Daily Worker, Joseph Clark (che fu nostro corrispondente a Mosca dal 1950 al 1953) e Joseph Starobin, che era stato di stanza a Parigi dall'inizio del 1951, e poi era andato a Pechino , dove è stato il primo corrispondente americano a trascorrere un anno nella Nuova Cina, e da cui ha anche ottenuto uno "scoop" visitando i fronti di battaglia della guerra indo-cinese dalla parte di Ho Chi Minh. Fu il primo corrispondente occidentale ad averlo fatto dal 1946. Entrambi questi uomini erano veterani del partito e avevano ricoperto incarichi di fiducia oltre il puramente giornalistico; Clark era stato un organizzatore della YCL a Detroit e Starobin aveva diretto le attività di pace del partito nel 1949-51. Ognuno di loro aveva raggiunto in modo del tutto indipendente dall'altro conclusioni radicali mentre si trovava all'estero. Sentivano che il partito aveva perso il contatto con le realtà americane. Insistevano nelle loro lettere che la situazione internazionale veniva giudicata male, e avevano cominciato ad avere dubbi su molte politiche russe. A loro avviso, era essenziale un drastico riorientamento lontano dalle imitazioni del movimento comunista mondiale, e cercarono di suggerirlo al loro ritorno nell'estate del 1953, tre anni prima del rapporto Krusciov.

Entrambi sono stati accolti con sospetto e ostilità dal gruppo di Foster, che ha insistito affinché rimanessero in silenzio. Quando si sono rifiutati di farlo, Foster ha cercato di estrometterli dal Daily Worker. Starobin lasciò il giornale in segno di protesta, si rifiutò di registrarsi nuovamente e i suoi rapporti con il partito divennero tenui. Aveva cercato nel suo libro, Parigi a Pechino, di suggerire alcune delle cose che aveva in mente; il libro è stato per molti lettori un'anticipazione della crisi. I memorandum di Clark sulla politica del partito divennero una cause celeberrima nella massima leadership. Alan Max, il caporedattore, e il suo socio, Milton Howard, si rifiutarono di acconsentire alle richieste di Foster di rimuovere Clark, ritenendo che le sue opinioni avrebbero dovuto almeno essere ascoltate e non respinte.

Sia Eugene Dennis che io abbiamo incontrato questi colleghi non appena abbiamo lasciato Atlanta. Era evidente che avevano cercato di dire qualcosa di importante sul corso e sul futuro del partito.Quando Dennis ed io abbiamo fatto il nostro ritorno politico, in una riunione di massa alla Carnegie Hall per l'anniversario del Daily Worker, nel gennaio 1956 (ben prima del XX Congresso sovietico), abbiamo deciso di riflettere la nostra consapevolezza di questo stato d'animo prevalente e di prefigurare importanti cambiamenti. Dennis, nel discorso principale, ha suscitato il più grande applauso, e ha anche sollevato molte sopracciglia, quando ha affermato che il partito avrebbe riesaminato alla prima occasione tutte le sue politiche, comprese quelle proposte teoriche che l'esperienza aveva superato. Le mie osservazioni erano incentrate sull'importanza nazionale della lotta per la democrazia nel Sud, che era stata una delle mie principali concentrazioni di studio durante la prigionia. Dissi che la sfida al governo degli Stati Uniti da parte della cospirazione di Dixiecrat era una minaccia di ribellione e costituiva la principale minaccia per la nazione.

Gli uffici (del Partito Comunista Americano) erano in un edificio di nove piani tra University Place e Broadway, un edificio che ospitava anche The Daily Worker e la leadership del Partito Comunista. Le persone ai vertici del partito, il segretario generale ei membri del Comitato nazionale, erano alloggiate al nono piano e, riferendosi ad esse, si parlava spesso semplicemente di "nono piano". Il segretario generale del partito a quel tempo, Gene Dennis, era un uomo alto e bello che aveva assunto la guida del partito da Earl Browder...

Non avevo mai incontrato Gene Dennis e non mi ero mai avventurato alle sacrosante altezze del nono piano, e avendo il dovuto rispetto per i leader di un'organizzazione che ero arrivato a rispettare e onorare, andai prima da Joe North negli uffici più familiari di Le nuove messe. Mi avrebbe organizzato un incontro con Gene Dennis? Avevo forse un senso esagerato dell'importanza di portare un messaggio dal Partito Comunista dell'India settentrionale al Partito Comunista degli Stati Uniti, ma in realtà, un appello da un Partito Comunista all'altro era importante e da trattare con rispetto. Joe fu d'accordo con me, prese il telefono e gli fu detto che Dennis mi avrebbe visto. Presi l'ascensore fino al nono piano, fui accompagnato nell'ufficio di Dennis. Si sedette dietro la sua scrivania; non si alzò né tese la mano. Né ha indicato di essere contento o dispiaciuto di incontrarmi.

Ora questo è il leader nazionale del Partito Comunista degli Stati Uniti. Eccomi qui, uno degli scrittori più importanti e - a quel tempo - più onorati del paese. Il partito si è fatto il culo per farmi entrare nel movimento. Mi ha riempito di lodi, mi ha attirato con la felicità è stato sufficiente, e mi sono portato negli uffici di Le nuove messe sulla East Twelfth Street. le sue persone più vincenti, roba ristampata dai miei libri in Le nuove messe, e mi abbracciò. Ma Dennis non mi ha mai chiesto di incontrarlo, e ora che ero nel suo ufficio, mi ha guardato come un giudice potrebbe guardare un prigioniero prima di emettere una sentenza.

Dal momento che non mi ha chiesto perché ero lì, ho consegnato il mio messaggio senza invito. Ho parlato molto brevemente della crisi in India, e poi gli ho ripetuto quello che aveva detto il leader comunista indiano. Ha ascoltato, e poi ha annuito - un segnale per me di andare.

Sono pazzo? mi sono chiesto. O è una specie di scherzo? Ma Dennis è stato l'ultimo uomo sulla terra a mostrare umorismo. Non mi avrebbe chiesto cosa avevo visto? Non mi avrebbe chiesto della situazione politica? Avevo parlato del più grande paese coloniale del mondo. Non era interessato? Ho aspettato. Mi ha detto che potevo andare. Mi sono voltato e me ne sono andato.

Poi sono andato dall'ufficio di Dennis a Joe North e gli ho parlato della reazione di Dennis a me e del mio messaggio dall'India. Joe disse che quello era Dennis, e che Dennis era Dennis, e che non era facile con le persone. Mi sembrava che ciò con cui un leader di partito si occupasse di più fosse la gente, e come diavolo è arrivato a diventare il segretario generale del Partito Comunista? Joe ha ammesso che Dennis non era il più grande, che avrebbe dovuto essere Bill Foster, il grande vecchio di sinistra, ma Foster aveva il cuore cattivo ed era troppo vecchio. Dato che non era passato molto più di un anno da quando mi ero unito al partito, Joe sentiva che dovevo trattenere il giudizio.

Esaminiamo alcune delle implicazioni del verdetto. Gli uomini furono incriminati ai sensi dello Smith Act, che fu approvato nel 1940. Passò al Senato senza appello nominale e solo quattro voti furono registrati contro di esso alla Camera. Il verdetto della corte del giudice Medina sarà messo alla prova davanti alla Corte Suprema, e quell'organo dovrà cercare di determinare i limiti costituzionali che possono essere posti alla difesa del cambiamento attraverso la violenza.

Ci sono alcune cose che si possono concludere dal verdetto: se cospiri, poiché questi uomini sono stati condannati per cospirazione, allora affronti una pena detentiva e una possibile multa. Il verdetto significa che ci sarà una decisa campagna dei comunisti per cercare di vendere al Paese le questioni perse nel processo. Vuol dire che gli undici dirigenti comunisti non saranno disponibili per un po' di tempo a dirigere gli affari del partito. Sorge la domanda se gli uomini che li sostituiranno saranno anche colpevoli di infrangere la legge. Non potevano essere automaticamente giudicati colpevoli in virtù della loro appartenenza o posizione ufficiale nel Partito Comunista. Il governo dovrebbe produrre prove, testimoni, documenti e portarli davanti a una giuria come hanno fatto in questo caso. Il verdetto significa senza dubbio gli sforzi della propaganda russa per screditare il nostro sistema di giustizia. Ma il verdetto dimostra che sotto quel sistema di giustizia, gli accusati possono ottenere un processo di nove mesi, più una giuria per esaminare il caso - anche se sono, come ha affermato il procuratore McGohey, "rivoluzionari di professione".

Ma ci sono alcune cose che questo verdetto non significa. Ciò non significa che l'appartenenza al Partito Comunista in quanto tale sia illegale. La festa non è fuorilegge. Il verdetto non significa che devi leggere libri specifici, parlare come vuoi o riunirti pacificamente per qualsiasi scopo diverso da quello di cospirare per rovesciare il governo con la forza e la violenza. Ciò non significa che tu sia soggetto ad azioni legali per aver detto cose favorevoli al Partito Comunista. Nulla in questo verdetto limita il diritto del cittadino, con mezzi pacifici e legali, di sostenere cambiamenti nella Costituzione, di pronunciare e pubblicare lodi della Russia, critiche a qualsiasi nostra personalità politica o partito. Potete, in breve, impegnarvi in ​​qualsiasi azione o agitazione eccetto quella volta a insegnare oa sostenere il rovesciamento del governo con la violenza.

Se questo verdetto viene confermato dalla Corte Suprema, potrebbero seguire procedimenti simili. Ma in ogni singolo caso sarà necessario che il governo dimostri, non solo che gli imputati erano membri del Partito Comunista, ma che hanno cospirato per rovesciare il governo, e lo hanno fatto consapevolmente e volontariamente.

Un risultato del verdetto potrebbe essere quello di convincere un certo numero di persone che i comunisti non sono solo un altro partito politico. In considerazione della massa di prove prodotte nella corte del giudice Medina, sarà piuttosto difficile in futuro per chiunque sostenere che si è iscritto e ha lavorato per il Partito Comunista senza sapere veramente che sosteneva la rivoluzione violenta. Ci sono state molte proposte serie per controllare, contenere o bandire il Partito Comunista in questo paese, sforzi per legarli senza strangolare le nostre libertà con l'estremità libera della corda. È un affare delicato e pericoloso. Non possiamo legiferare sulla lealtà. Tuttavia, la questione del controllo della sovversione è una delle più importanti che deve affrontare questo paese.

Il rapporto principale di Eugene Dennis (nell'aprile 1956) fu una critica devastante delle politiche del partito per un intero decennio. Dennis ha caratterizzato le politiche del partito come di estrema sinistra e settarie, di mentalità ristretta e inflessibili, dogmatiche e irrealistiche.

Ha individuato la questione cruciale del "pericolo di guerra" e, in effetti, ha ammesso che gran parte di ciò che il partito aveva fatto dai tempi di Browder si era basato su un'interpretazione errata della realtà mondiale e interna. Sebbene il nome di Foster non fosse menzionato e l'intera leadership fosse incriminata, l'inferenza era inequivocabile. Dennis proiettò l'idea di sostituire il partito con un "partito unito e di massa del socialismo", la cui base dottrinale doveva essere necessariamente molto più ampia della nostra, e che doveva essere formato con molti americani di mentalità socialista al di fuori dei nostri ranghi.

Dennis con attenzione, e in modo caratteristico, evitò di mettere il dito sulla ragione fondamentale per i fallimenti del partito, vale a dire, la nostra relazione adorante e imitativa con l'Unione Sovietica. D'altra parte, Max Weiss, l'allora direttore educativo nazionale, che non era mai stato accusato di tendenze non dogmatiche, fece il rapporto sul XX Congresso e concluse inequivocabilmente che i nostri rapporti con i comunisti sovietici erano stati sbagliati, diseguali, uno -laterale e dannoso.

William Z. Foster era presente a questo incontro decisivo e si oppose con veemenza ai rapporti di Dennis e Weiss. A suo avviso, il partito era stato guidato nel miglior modo possibile e la storia avrebbe rivendicato la sua leadership. Foster era un uomo straordinario, un lavoratore che si era formato da solo. Era stato uno dei migliori sindacalisti d'America. Samuel Gompers, John L. Lewis e Philip Murray gli avevano tutti reso questo tributo...

Foster rimase solo a questa riunione, eccetto per il tiepido sostegno di Benjamin J. Davis, l'ex consigliere di New York, che era stato (con Thompson) uno degli artefici della debacle del Partito; Davis era l'uomo che aveva detto in una riunione all'aperto nel 1949 che "avrebbe preferito essere un lampione a Mosca che il presidente degli Stati Uniti". Foster ha votato contro la relazione Dennis e Davis si è astenuto.

Le mie osservazioni a questo incontro erano diverse da qualsiasi discorso che avevo fatto in precedenza. Ho sentito che era giunto il momento per il partito di conoscere le profonde differenze nella leadership che avevano prevalso per un decennio. Ovviamente, il punto di vista di Foster era in irriducibile opposizione alla maggioranza: era tempo di far conoscere onestamente i fatti ai membri. Altri hanno parlato in modo simile. Eppure l'occasione è stata persa, e ancora una volta i fatti sono stati tenuti nascosti all'adesione. Senza dubbio ciò contribuì molto alla perdita di fiducia nei ranghi, che quasi subito dopo cominciarono a diradarsi.

In questo stesso incontro, ho avuto uno scambio curioso ma rivelatore con Foster. Avevo parlato delle sue numerose opere monumentali che erano state elogiate dai leader del partito, ma nessuno di noi si era preoccupato di scoprire perché così pochi americani leggessero questi libri e perché avessero così poca influenza; troppo spesso erano stati semplicemente scaricati sulle organizzazioni del partito inferiore, ma non erano stati letti o venduti. Qualcuno mi ha rimproverato di essere stato scortese con un uomo così vecchio, con un passato così venerabile. Sono andato oltre e ho detto che speravo si rendesse conto che non c'era nulla di personale in questa critica. Al che rispose, molto cordialmente, che non ne era minimamente infastidito.

"Perché", esclamò. "I miei libri sono stati tradotti in tutto il mondo. In russo, cinese e molte altre lingue". Sono rimasto colpito dal completo divorzio di Foster dall'interesse per l'America. Non sembrava importare che pochi americani fossero stati influenzati dal suo lavoro, fintanto che i comunisti stranieri lo tenevano in alta reputazione, o almeno così credeva. Si vedeva una figura mondiale. Viveva in un mondo di fantasia tutto suo e, sebbene più tipicamente "americano" della maggior parte dei leader di partito, era anche stranamente lontano dalla sua terra e dalla sua gente.


Eugene Dennis - Storia

Necrologio: Palms, Dennis Eugene (1945 - 2020)

Cognomi: Palms, Vetter. Stank, Schattner, Dutze, Sims, Seager, Davis, Cooper, Lawson, Erickson, Iello, Mc Glenn

----Fonte: Clark County Press (Neillsville, Clark Co., WI) 9/09/2020

Palms, Dennis Eugene (20 agosto 1945 – 6 settembre 2020)

Dennis E. Palms è morto pacificamente il 6 settembre 2020 al Maple Ridge Assisted Living a Plover.

Una celebrazione della vita di Dennis si terrà sabato 12 giugno 2021 alle 11:00 presso la Gesche Funeral Home, Neillsville.

Dennis è nato il 20 agosto 1945 a Neillsville, figlio di Roy e Phyllis (Vetter) Palms. Ha sposato Faye (Stank) Schattner e hanno avuto tre figli, Craig, Lisa e Brenda. Questo matrimonio finì con un divorzio. In seguito ha sposato Sharon (Dutze) Sims e ha cresciuto i figli Scott, Randy e Shay.

Dennis ha dedicato la sua vita a lavorare presso Klements Sausage, Fiat Allis, Culligan, Rank Video e Iner-Tractor. Amava pescare, cacciare cervi e fare il tifo per i Green Bay Packers. Dennis era di cuore tenero e aveva un'anima gentile, con un grande senso dell'umorismo. Dopo la morte di sua moglie Sharon nel 2010, si è trasferito dal Lago di Ginevra a Marshfield, per essere più vicino alla famiglia. Era amato così tanto e mancherà alla famiglia e agli amici.

Dennis lascia i suoi figli: Craig Palms (Hustisford), Tom (Lisa) Seager (Racine) e Brenda Davis (Madison), Step-figli: Scott Sims (Linda) (Fox Lake, IL), Randy (Julie) Sims (San Diego, CA) e Chris (Shay) Cooper (Elmhurst, IL). Dennis aveva 13 nipoti e 11 pronipoti. Fratelli: Barry Palms, Keith (Susan) Palms e Jeff (Laura) Palms. Cognati: John (Nancie) Dutze, David (Anne) Dutze. Cognata: Carol Lawson (Ricca), Zie: Wilma Erickson, Iva Palms, Pat Iello, Amica speciale: Doris Mc Glenn e molte nipoti, nipoti e cugine.

Pre-deceduto dalla moglie Sharon, dai genitori, dai fratelli Craig e Skip e da numerosi zii, zie e cugini.

Grazie a tutti a Maple Ridge per la cura che avete dato a Dennis e un ringraziamento speciale a Jamie Palms per la cura nella sua transizione. Grazie a Gesche Funeral Home per la vostra cura e supporto in questo momento difficile.

Le condoglianze online possono essere fatte su www.geschefh.com. Gesche Funeral Home and Cremation Service sta assistendo la famiglia di Dennis nell'organizzazione del funerale.

Necrologio: Palms, Dennis Eugene #2 (1945 - 2020)

Contatto: Dolores (Mohr) Kenyon
E-mail: [email protected]

----Fonte: Gesche Funeral Home and Cremation (Neillsville, Clark Co., WI) 5/27/2021

Palms, Dennis Eugene (20 agosto 1945 – 6 settembre 2020)

Una celebrazione della vita di Dennis si terrà sabato 12 giugno 2021 alle 11:00 presso la Gesche Funeral Home, Neillsville. A officiare sarà il pastore Terry Marg. La visita si terrà sabato 12 giugno dalle ore 10.00 alle ore 11.00 prima del servizio presso l'impresa di pompe funebri.

Le condoglianze online possono essere fatte su www.geschefh.com. Gesche Funeral Home and Cremation Service sta assistendo la famiglia di Dennis nell'organizzazione del funerale.

Per inviare una composizione floreale o per piantare alberi in memoria di Dennis Eugene Palms, clicca qui per visitare il nostro Sympathy Store.

Mostra il tuo apprezzamento per queste informazioni fornite gratuitamente non copiandole su nessun altro sito senza il nostro permesso.

Un sito creato e gestito dagli appassionati di storia della contea di Clark
e sostenuto dalle vostre generose donazioni.


Cinquanta anni fa

Le ultime proteste nazionali contro la guerra del Vietnam avvennero 50 anni fa, alla fine di aprile 1971: 500.000 manifestanti si radunarono a Washington D.C. e 200.000 a San Francisco per chiedere il ritiro immediato e incondizionato delle truppe americane dal Vietnam.

Quella stessa settimana, 800 membri del Vietnam Veterans Against the War (VVAW) hanno lanciato le loro medaglie militari sui gradini del Campidoglio per dimostrare la loro opposizione alla guerra.

Il 3 maggio, la polizia di Washington ha incarcerato quasi 12.000 manifestanti contro la guerra per essersi seduti per strada nel tentativo di disturbare il governo federale.

Contemporaneamente, centinaia di manifestazioni contro la guerra "Out Now" sono state organizzate in tutto il paese.

A quel tempo, noi tre eravamo studenti dell'Università dell'Oregon. Facevamo parte del Comitato di coordinamento dell'azione di primavera, una coalizione di studenti, docenti, clero, veterani e leader della comunità che ha organizzato una settimana di azioni di protesta per il Primo maggio.

Il 1° maggio 1971, 2.000 oppositori contro la guerra si radunarono pacificamente nel centro di Eugene. Il 5 maggio, diverse centinaia di manifestanti hanno marciato sull'edificio del ROTC (addestramento ufficiali) del campus e poi hanno continuato in centro per bloccare gli ingressi e chiudere il servizio selettivo, il reclutamento dell'esercito e gli uffici dell'IRS.

Quella settimana, la facoltà universitaria ha votato per il ritiro completo delle truppe americane entro il 31 dicembre. Alla fine di maggio, il 58 percento degli elettori di Eugene ha approvato un referendum elettorale chiedendo il ritiro delle truppe entro la fine dell'anno.

La maggior parte degli studenti attivisti (inclusi noi stessi) si era rivoltata contro la guerra del Vietnam anni prima. Avevamo organizzato una serie di proteste prevalentemente non violente: resistenza alla leva, insegnamenti educativi, marce, veglie e disobbedienza civile uno sciopero studentesco (nel maggio 1970 dopo l'invasione della Cambogia) assistenza ai soldati che hanno disertato e sono fuggiti in Canada dopo essere stati ordinati in Vietnam e nel 1968 il sostegno ai candidati presidenziali contro la guerra, i senatori democratici Eugene McCarthy e Robert Kennedy, nonché i senatori in carica dell'Oregon Wayne Morse e Mark Hatfield. Entrambi erano espliciti critici della guerra.

Mezzo secolo dopo, come valutare il movimento contro la guerra in Vietnam?

Secondo il recente libro dello storico Christian Appy Resa dei conti americana: la guerra del Vietnam e la nostra identità nazionale, il movimento ha contribuito a plasmare l'opinione pubblica e a spostare l'opposizione alla guerra dai margini politici al mainstream. Un sondaggio Gallup del 1965 ha rilevato che solo il 24% degli americani credeva che il nostro intervento militare fosse sbagliato. Nel 1971, il 61 per cento degli americani si dichiarava favorevole al ritiro entro la fine dell'anno.

Le critiche contro la guerra all'intervento americano alla fine hanno screditato l'ideologia anticomunista della "Guerra Fredda" utilizzata per giustificare il coinvolgimento americano. Il movimento ha infranto il mito americano come una "città splendente sulla collina" e una forza universale per il bene, "scelta da Dio" per esportare il nostro sistema politico-economico nelle nazioni meno sviluppate.

I leader dei diritti civili afroamericani Martin Luther King Jr. e Malcolm X hanno sottolineato che l'intervento americano è stato guidato dal razzismo anti-asiatico, profondamente radicato negli stereotipi del "pericolo giallo" del XIX secolo.

Il movimento contro la guerra e la copertura dei notiziari televisivi hanno messo in luce le pervasive atrocità militari e violazioni dei diritti umani degli Stati Uniti, come il massacro di My Lai del 1968 di centinaia di donne, bambini e uomini anziani disarmati. Secondo i ricercatori dell'Università di Washington e della Harvard Medical School, le missioni di "bombardamento a tappeto" (che includeva il defoliante tossico Agent Orange) e di "ricerca e distruzione" nelle campagne del Vietnam del Sud hanno causato circa 2 milioni di morti civili.

All'inizio degli anni '70, il movimento contro la guerra convergeva con le proteste dei soldati in servizio attivo sia in Vietnam che negli Stati Uniti. Il morale crollò, le diserzioni salirono alle stelle, interi plotoni si rifiutarono di ingaggiare il nemico in combattimento. "Fragging" - attacchi contro ufficiali entusiasti - è aumentato drammaticamente. A casa, migliaia di soldati e veterani in servizio attivo si sono uniti alle marce contro la guerra e le truppe hanno letto avidamente i giornali sotterranei contro la guerra curati dai soldati.

Alla fine, il segretario alla Difesa Melvin Laird ha avvertito che la rivolta dei soldati potrebbe avvicinarsi a "proporzioni di crisi" se le truppe non fossero state immediatamente ritirate.

Secondo Appy e altri storici, il movimento contro la guerra non pose fine alla guerra, ma l'aumento dell'opinione pubblica negativa fece pressione sul presidente Lyndon Johnson per fermare i bombardamenti e iniziare i negoziati nel 1968. Quindi costrinse il presidente Richard Nixon a cercare un cessate il fuoco e accordo negoziato nel 1972, molto prima di quanto avrebbe altrimenti fatto.

L'evidenza storica suggerisce che il movimento contro la guerra abbia trattenuto i politici e sventato importanti escalation. Nel 1968 il presidente Johnson ha negato la richiesta dei militari di aumentare i livelli di truppe americane da 536.000 a 736.000. Nel 1969 e nel 1972, il presidente Nixon prese in considerazione l'uso di armi nucleari contro il Vietnam del Nord, ma alla fine si tirò indietro.

Spinte dall'opinione pubblica contraria alla guerra e dalla ribellione dei GI, le maggioranze bipartisan del Senato e della Camera nel 1972 minacciarono di tagliare i fondi per la guerra. Nel marzo 1973, Nixon fu costretto a firmare un accordo di pace, fermare i bombardamenti del Vietnam del Nord e ritirare tutte le truppe da combattimento americane.

Il coautore e ricercatore disilluso della Rand Corporation, Daniel Ellsberg, ha fatto trapelare ai giornali statunitensi i Pentagon Papers, un rapporto segreto del Dipartimento della Difesa sulla guerra. Lo studio, pubblicato per la prima volta dal New York Times nel giugno 1971, rivelò che entrambe le amministrazioni democratiche e repubblicane avevano sistematicamente mentito sulla guerra e avevano tentato di sopprimere la crescita dell'opinione pubblica contraria alla guerra. Nel 1972, un record del 65% degli intervistati ha affermato che la guerra era "moralmente sbagliata".

Negli anni '60, i giovani hanno fornito la guida dei movimenti contro la guerra, per i diritti civili e delle donne per frenare l'intervento americano in Vietnam e rendere l'America una società più giusta ed equa. Oggi, ancora una volta, con l'esplosione di movimenti di massa come Black Lives Matter, Climate Justice, Gun control, Fight for $15 e LGBTQ rights, i giovani sono in prima linea.

Non dobbiamo dimenticare l'eredità duratura del movimento contro la guerra del Vietnam e come i cittadini organizzati abbiano influenzato l'opinione pubblica, controllato il potere della presidenza imperiale e giocato un ruolo importante nel porre fine alla guerra.

Dennis Gilbert è istruttore di fisica al Lane Community College. Martin Bennett è istruttore emerito di storia americana al Santa Rosa Junior College di Sonoma County, California. Paul Gratz è un educatore di sanità pubblica in pensione nella contea di Santa Cruz, in California.


Ortodossia

Mentre studiava con Alan Watts all'American Academy of Asian Studies dopo essersi laureato al Pomona College nel 1956, Eugene scoprì gli scritti di Ren'233 Guenon. Attraverso gli scritti di Guenon, Eugene è stato ispirato a cercare una tradizione di fede spirituale autentica e radicata. Nell'estate del 1955, tra gli anni da junior e da senior al college, Eugene incontrò Jon Gregerson, nato in Finlandia, attraverso il quale entrò in contatto iniziale con la fede ortodossa. Eugene si è dichiarato omosessuale con un caro amico del college dopo che sua madre ha scoperto le lettere scritte tra suo figlio e Walter Pomeroy, un amico del liceo. Gregerson, un cristiano ortodosso russo praticante all'epoca, introdusse Eugenio all'Ortodossia. Proprio mentre Gregerson stava scegliendo di abbandonare la sua Ortodossia, Eugene fu ispirato a saperne di più sulla fede. Eugene in seguito perse la sua identità di uomo gay mentre accettò lentamente l'Ortodossia, finendo per terminare la sua lunga relazione con Gregerson.[1] Ciò culminò nella decisione di Eugenio di entrare nella Chiesa, essendo ricevuto nella Chiesa ortodossa russa fuori dalla Russia attraverso la cresima nel 1962.

Eugene e un altro cristiano ortodosso, Gleb Podmoshensky, in seguito formarono una comunità di librai ed editori ortodossi chiamata St. Herman of Alaska Brotherhood, con la benedizione di san Giovanni Maximovitch, arcivescovo di San Francisco nella Chiesa ortodossa russa fuori dalla Russia. La comunità alla fine decise di fuggire dalla modernità urbana nel deserto della California settentrionale per diventare monaci nel 1966. Alla sua tonsura nel 1970, Eugenio prese il nome di "Seraphim" da San Serafino di Sarov.

Dopo la sua ordinazione a ieromonaco, p. Seraphim iniziò a scrivere diversi libri, tra cui L'ortodossia e la religione del futuro, e L'anima dopo la morte. Uno dei suoi libri più noti, La rivelazione di Dio al cuore umano, è stato originariamente tenuto come conferenza a una classe di studi religiosi presso l'UC-Santa Cruz nel 1981 e pubblicato in forma di libro dopo il suo riposo. Ha anche fondato la rivista La parola ortodossa, pubblicato ancora oggi dalla Confraternita. Il corpus collettivo di lavoro che p. Seraphim pubblicato rapidamente proliferato in tutta l'America su p. Seraphim e più tardi in Russia e nell'Europa orientale dopo la caduta del comunismo ateo in quei paesi, sebbene copie dattiloscritte di alcuni dei suoi libri fossero state distribuite sottoterra per molti anni prima.

Da laico a San Francisco, il futuro p. Seraphim sviluppò una stretta relazione con il suo padre spirituale e mentore, San Giovanni Maximovitch (+1966), allora arcivescovo di San Francisco per la Chiesa russa all'estero.


Diventare un porto commerciale

All'inizio degli anni '30 divenne chiaro che la visione del vecchio Bard di un porto commerciale non era un sogno illusorio. Continuando gli sforzi di suo padre, Richard avrebbe influenzato gli eventi e guidato l'area nell'era moderna e lui, più di chiunque altro, avrebbe portato la visione di un porto di mare a Hueneme. Bard e gli agricoltori della zona hanno chiesto un prestito PWA di $ 1.600.000 per costruire Port Hueneme. Hanno fatto del loro meglio per dimostrare il suono del progetto — sia agli ingegneri del governo che agli economisti del governo. Agli ingegneri citarono la presenza delle Isole del Canale, diciotto miglia a ovest delle distese fangose ​​dove doveva essere situato il porto. Le isole, dissero, formavano una diga naturale. Hanno spiegato come Hueneme Canyon (che da solo farebbe risparmiare $ 1.500.000 in costi di dragaggio) è arrivato a meno di 300 piedi dal canale proposto e come una falda acquifera sotterranea manterrebbe il canale privo di limo. Per gli economisti hanno citato le cifre: a poca distanza da Hueneme c'erano il 25% delle barbabietole da zucchero della California, la metà delle noci e delle mandorle, il 60% del cotone, praticamente tutto il borace e il potassio e gli agrumi. I giacimenti petroliferi di Ventura erano a sole dodici miglia di distanza. I promotori hanno condotto un camion dall'incrocio di Castaic, punto di spartizione del traffico della San Joaquin Valley meridionale, prima al porto di Los Angeles, poi a Hueneme. Il percorso per Hueneme era più corto di ventotto miglia, aveva 432 incroci stradali in meno e nessun attraversamento ferroviario elettrico.

Ma Harold Ickes, capo della PWA, ha stabilito che il progetto non aveva senso. Man mano che la caparbietà dei contadini cresceva, decisero di costruire il porto da soli — Il giorno delle elezioni, il 29 aprile 1937, guidati da Richard Bard, la tenacia dei cittadini di Oxnard, Hueneme e Ventura County fu premiata con la creazione del Distretto del porto di Oxnard.

I primi tre commissari del distretto furono Eugene H. Agee, un uomo d'affari di Oxnard, Elmer O. Green un banchiere di Hueneme e Fred M. Aggen, un allevatore di Somis. Frustrati dall'incapacità o dalla riluttanza di Washington D.C. di finanziare la costruzione del porto, questi uomini proposero un'emissione di obbligazioni per un importo di $ 1.750.000 per finanziare il progetto. Il 5 maggio 1938, in meno di quindici minuti dall'apertura della vendita, l'intero prestito obbligazionario fu interamente sottoscritto. Forse per la prima volta nella storia americana un porto sarebbe stato costruito senza un centesimo dei soldi del governo federale. A quel tempo fu proposto e accettato dalla città di Oxnard che la proprietà portuale che aveva precedentemente annesso fosse rilasciata al distretto portuale e che non dovesse mai far parte di alcuna città incorporata.


Eugene Dennis - Storia

McAdams è nato l'11 febbraio 1924 in Colombia, Mo., da Arthur e Helen Simonson McAdams. Ha sposato Gerry Schmieding il 10 febbraio 1945.

Ha vissuto a Seattle nei primi anni '30 e a Mesa, in Arizona, dal 1973 al 1998.

Ha lavorato con camion e ricambi auto.

È stato membro degli Elks per 30 anni. I suoi interessi includevano le corse automobilistiche e la ferrovia.

I sopravvissuti includono sua moglie, un figlio, Mike, di Elmira e due nipoti.

McAmis è nato il 6 marzo 1917 in Arkansas da William e Donna Rose Bane. Ha sposato Robert McAmis in California il 2 agosto 1944. In seguito è morto.

Era una casalinga e amava cucire e fare giardinaggio. McAmis è stato membro della Self-Realization Fellowship per 30 anni. Ha vissuto a Eugene per 10 anni prima di vivere a Salinas e Santa Cruz, in California. È tornata a Eugene nel 2001.

I sopravvissuti includono una figlia, Carmelita Thomson di Eugene, quattro nipoti e sei pronipoti.

I funerali per Joseph W. McArthur, ex sovrintendente dell'Eugene Water Board, si terranno lunedì alle 10:30 presso la Fairmount Presbyterian Church, con il Rev. John Van Lierop e il Rev. R. E. Clark officianti. La sepoltura avverrà al West Lawn Memorial Cemetery.

Sopravvivono una sorella, la signora C. H. Hyer di Eugene, e un fratello, Clarence McBee di Lowell.

Era nato il 16 settembre 1908 a Oakley, nell'Idaho, da James e Sadie White McBride. Ha sposato Lola Davis in California nel 1934. È morta nel 1976. Ha sposato June Mary Rhodes Briggs a Reno, Nev., il 20 marzo 1990.

McBride era un falegname che svolgeva lavori residenziali e, negli ultimi anni, lavorò per la città di Los Angeles. Ha vissuto in California la maggior parte della sua vita e si è trasferito a Eugene da Elko, Nevada, 12 anni fa.

Gli piaceva il golf, i cruciverba, i puzzle e guardare la TV. Era un membro della Open Bible Church.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Richard di Spring Creek, Nev., e Robert of Sparks, Nev. una figlia, Carol McClain di Buena Park, California un figliastro, Victor Briggs di Eugene una sorella, Thelda Walters di Burley, Idaho 10 nipoti 11 pronipoti e un pronipote.

McBurney è nato l'8 ottobre 1915 a Salt Lake City da Lynn ed Elizabeth Crandall. Ha sposato John McBurney a Idaho Falls, Idaho, il 7 maggio 1941.

Si è laureata all'Università di Washington e ha conseguito un master alla Boston School of Dietetics. Ha lavorato per il Providence-Biltmore Hotel di Boston prima del suo matrimonio. Lei e suo marito si trasferirono a Eugene nel 1947.

McBurney era una casalinga e si divertiva a cucinare, cucire e giocare a bridge. È stata membro del P.E.O. Sisterhood, il Fortnightly Club, l'Eugene Country Club e la Central Presbyterian Church di Eugene.

I sopravvissuti includono suo marito, un figlio, Michael di Mill Valley, in California, un fratello, David Crandall di Salt Lake City e un nipote. Una figlia, Nancy McBurney, è morta in precedenza.

Il servizio di lunedì si terrà alle 14:00. presso la Chiesa Presbiteriana Centrale. Inurnment sarà al Rest-Haven Memorial Park a Eugene. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McCaffrey è nato il 23 settembre 1918 a Devils Lake, N.D., da Eugene e Annie Brady Durbin. Ha sposato Walter McCaffrey a Devils Lake il 29 settembre 1938. Morì nel 1993.

McCaffrey ha lavorato 20 anni come segretaria medica e contabile. I suoi interessi includevano il cucito, il ricamo, il giardinaggio e guardare le partite di basket dei Portland Trail Blazers. Apparteneva alla chiesa cattolica di St. Paul.

I sopravvissuti includono un figlio, Larry di Ketchikan tre fratelli, Vincent Durbin di Eugene, Robert Durbin di Devils Lake e Jerome Durbin di Gig Harbor, Washington. due nipoti e un pronipote.

La visita sarà lunedì prima delle 22:00. messa funebre presso la chiesa cattolica di San Paolo. La sepoltura sarà al cimitero del Monte Calvario a Eugene. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McCaffrey è nato il 23 settembre 1918 a Devils Lake, N.D., da Eugene e Annie Brady Durbin.

Ha sposato Walter McCaffrey a Devils Lake il 29 settembre 1938. Morì nel 1993.

McCaffrey ha lavorato 20 anni come segretaria medica e contabile.

I suoi interessi includevano il cucito, il ricamo, il giardinaggio e guardare le partite di basket dei Portland Trailblazer.

Apparteneva alla chiesa cattolica di St. Paul.

I sopravvissuti includono un figlio, Larry di Ketchikan, tre fratelli dell'Alaska, Vincent Durbin di Eugene, Robert Durbin di Devils Lake e Jerome Durbin di Gig Harbor, Washington, due nipoti e un pronipote.

La visita si terrà lunedì prima della messa funebre delle 10 nella chiesa cattolica di St. Paul. La sepoltura sarà al cimitero di Mount Calvary a Eugene. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

Daniel Ray McCarthy, 66 anni, di Springfield, è morto per insufficienza cardiaca.

È nato a Yakima, nello stato di Washington, da Daniel ed Elsie (McCaslin) McCarthy.

Si diplomò alla Springfield High School nel 1955 e prestò servizio nelle Riserve navali degli Stati Uniti. Ha lavorato alla General Trailer come progettista di rimorchi per attrezzature pesanti. Ha vissuto in questa zona per 64 anni.

Gli piaceva cacciare, giocare a cribbage e cercare l'oro. Era un membro dell'Associazione dei minatori della Boemia.

I sopravvissuti includono sua madre: Elsie di Springfield, una sorella: Carol McCarthy di Eugene e un fratello: Michael McCarthy di Springfield.

McCartney è nato il 28 febbraio 1947 a San Mateo, in California, da Scott e Margaret Ehly McCartney. Ha sposato Judy Steitz a Lake Tahoe, Nevada, il 20 ottobre 1979.

Ha completato il liceo in California. Ha vissuto a Pacifica, California, Cupertino, California, e Billings, Mont., prima di trasferirsi a Eugene 16 anni fa.

Era un falegname lavoratore autonomo. I suoi hobby includevano la lavorazione del legno, il giardinaggio e la costruzione di case delle bambole.

Oltre a sua moglie, lascia sua madre due figli, John of Eugene e Gary of Billings due figlie, Mary Ann McCartney e Karen McCartney, entrambi di Billings due fratelli, James of Marysville, Tenn., e John of Antioch, California una sorella, Janet Murphy di Cupertino e due nipoti.

La visita sarà dalle 10.00 alle 17.00. oggi al Lane Memorial Funeral Home di Eugene. Il servizio di lunedì sarà alle 13:00. presso l'impresa di pompe funebri, con sepoltura a Lane Memorial Gardens.

Avviso dal dipartimento della marina che il loro figlio, il tenente John Arthur McChesney, 26 anni, pilota aereo della marina, era stato ucciso in azione su Okinawa, ha raggiunto il signor e la signora A.C. McChesney di Springfield martedì mattina. Un messaggio dalla signora J.A. Anche McChesney, che ha vissuto a Miami, in Florida, con la loro bambina di quattro mesi, è stata ricevuta, affermando che sarebbe venuta qui.

Nato ad Albany, il 15 agosto 1918, il tenente McChesney si era diplomato al liceo di Springfield. Ha frequentato l'Università dell'Oregon per un anno e si è laureato al Salinas junior college in California. Entrò in servizio nel gennaio 1942, ricevette il suo incarico come guardiamarina nella riserva navale di Corpus Christi, in Texas, nell'autunno del 1943, ed era stato portato al suo grado attuale lo scorso dicembre.

Il tenente McChesney era il maggiore di quattro fratelli che sono stati in servizio nell'area del Pacifico. Gli altri sono Cpl. Robert McChesney, tecnico radar, nelle Filippine Keith McChesney, yeoman 2/c, in un'unità di servizio di portaerei e James Malcolm McChesney, segnalatore, in marina dal 1941, su un mezzo anfibio.

McClaughry è nato il 22 settembre 1925 a Warner, Okla., da John e Leber Evans Austin. Ha sposato Duane McClaughry il 13 marzo 1959 a Stevenson, nello stato di Washington.

Era una casalinga e amava la musica, la lettura, il giardinaggio, giocare a carte e giochi di parole. Ha fatto parte del Consiglio della Scuola Elementare Alpina per 12 anni. Era una sostenitrice del Monroe Booster Club e di molti altri programmi atletici e accademici locali. Era un membro della Rebekah Lodge.

I sopravvissuti includono suo marito tre figlie, Twyla Abell di Alpine, Leona Deckard-Dias di Monroe e Bobbye Rainey di Alpine cinque figli, Ron di Monroe, Michael di Campbell, California, Steve e Ken, entrambi di Alpine, e John di Junction City tre fratelli, Bus Austin, Chuck Austin e John Austin, tutti di Modesto, California, una sorella, Carra Foreman dell'Oklahoma e 13 nipoti.

McClellan è nato il 24 aprile 1969 a Oroville, in California, da Douglass R. Davison e Kathleen McClellan.

Ha lavorato come saldatore nel settore edile ed era un appassionato di attività all'aria aperta che amava la pesca, il campeggio, le motociclette e le corse motociclistiche. Ha vissuto a Springfield per 31 anni.

I sopravvissuti includono suo padre, di Rapid City, S.D. sua madre di Springfield un figlio, Nicholas Davison di Springfield una sorella, Amanda McClellan di Eugene e due nonne, Barbara Ayres di Springfield e Doris Davison di College Place, Washington.

McClellan è nato il 24 aprile 1969 a Oroville, in California, da Douglass R. Davison e Kathleen McClellan.

Ha lavorato come saldatore nel settore edile ed era un appassionato di attività all'aria aperta che amava la pesca, il campeggio, le moto e le corse motociclistiche.

Ha vissuto a Springfield per 31 anni.

I sopravvissuti includono suo padre, di Rapid City, S.D. sua madre di Springfield un figlio, Nicholas McClellan di Springfield una sorella, Amanda McClellan di Eugene e due nonne, Barbara Ayres di Springfield e Doris Davison di College Place, Washington.

McClennen è nato il 30 maggio 1943 a Springfield da William e Melba Keeler McClennen. Ha sposato Patricia Hinton a Springfield il 12 settembre 1964. In seguito hanno divorziato. Ha sposato Frances Bennett a Reno, Nevada, il 2 agosto 1992. Si sono separati nel maggio del 2000.

Si è diplomato alla Thurston High School nel 1963. Ha vissuto anche a Eugene, Philomath, Corvallis e Salem.

Ha lavorato come supervisore alla manutenzione di macchine industriali presso Weyerhaeuser a Springfield per 28 anni prima di andare in pensione nel 1986.

Era un grande appassionato di Harley Davidson e amava il motociclismo, la caccia, la pesca e il baseball. Era un membro degli Elks, dell'American Motorcycle Association e della National Rifle Association. È stato riconosciuto dal dipartimento di polizia di Springfield per il suo servizio alla comunità.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Brad di Corvallis e David di Springfield quattro fratelli, Darrell di Redding, California, Bill of Placentia, California, Mike di Springfield e Greg di Phoenix, Ariz una sorella, Karen Osborne di Salem e due nipoti.

Il servizio di lunedì si terrà alle 11:00 allo Springfield Elks Lodge. La Major Family Funeral Home di Springfield si occupa degli arrangiamenti. I contributi commemorativi possono essere versati all'OHSU Heart Donor Program, 3183 Sam Jackson Park Road, Portland, OR 97201.

Il signor McClure risiedeva nell'area di Alvadore da quindici anni. Era un membro della chiesa cristiana di Alvadore e anche membro della Magnolia Lodge #626 di St. Louis, Mo.

Gli sopravvivono la moglie Helen, due figli: Donald e Thomas di Alvadore, una figlia Jean e due fratelli, Bruce di Elmira e C. Douglas di Eugene.

Era un macchinista e aveva lavorato per la U.S. Plywood Co. Eugene.

I servizi si terranno presso la McGaffey's Eugene Memorial Chapel il mercoledì. 20 settembre 1961 alle 14:00.

Il reverendo Willett Jessee condurrà il servizio e la sepoltura avrà luogo a Lane Memorial Gardens.

La pioniera il cui nome fa capo a questo avviso morì a casa di suo genero, Palmer Ayres, dall'altra parte del fiume rispetto a Eugene, venerdì 20 gennaio 1899, all'età di 70 anni, 4 mesi e 24 giorni.

La signora McClure nacque nel Kentucky il 27 agosto 1819 e con i suoi genitori si trasferì nel Missouri nel primo insediamento di quello stato. Nel 1850 la febbre dei pionieri fece sì che la sua gente si spostasse verso ovest e trascorse l'inverno del 1850-1 a Salt Lake City. Nel 1851 ripresero il viaggio e con il suo primo marito, Benson, si stabilirono nella rivendicazione due miglia a nord di Eugene dove morì. Dopo la morte del suo primo marito sposò Vincent McClure che la precedette su quell'altra sponda nel marzo 1893. Le nacquero sei figli, ma due dei quali sono in vita. Lascia due sorelle, la signora J. C. Bushnell e la signora Francis Harlow, e due fratelli W. S e R. R. Tandy.

La signora McClure è nata il 14 agosto 1938 a Klamath Falls da Earl e Urith (Rutter) Killitz.

Ha sposato Douglas McClure il 17 dicembre 1955 a Reno, Nevada.

Faceva la cuoca in ristoranti e case di cura.

Lascia il marito, le figlie di Doug, Wendi McClure Larson di Tigard e Lorrie Jackson di Salt Lake City, Utah, un fratello, Archie Rutter di Roseburg sei nipoti e tre pronipoti.

Al posto dei fiori, per favore, fai una donazione a suo nome alla Breast Cancer Society.

Vincent S. McClure è morto nella residenza di famiglia, martedì sera, 16 maggio, alle 7, dopo una lunga e dolorosa malattia, derivante da un cancro allo stomaco, all'età di quasi 75 anni.

Vincent S. McClure nacque nella contea di Knox, nell'Indiana, il 20 agosto 1815, dove crebbe fino a diventare un patrimonio dell'uomo e risiedette in una fattoria, ricevendo allo stesso tempo l'istruzione offerta dalle scuole di quel periodo. Il 13 novembre 1834 sposò in matrimonio Sarah Bruce, che morì nella contea di Lane, il 26 aprile 1858. Con la sua famiglia il signor McClure attraversò le pianure con squadre di buoi attraverso Laramie, Fort Hall, ecc. Malheur, deviando dalla vecchia strada - quattro famiglie, tra cui suo fratello, James F. McClure, e i Bond, Allen e William, entrambi di questa contea - tentarono una nuova via sulle montagne delle Cascade attraverso il bivio centrale della Willamette. Ora le difficoltà si sono susseguite in rapida successione tali pericoli che sono incredibili per coloro che vivono in casa nel lusso e negli agi. Il nostro gruppo fu condotto in uno stretto così stretto che fu costretto a sacrificare le sue mucche per procurarsi il cibo. Ogni giorno ricorrente vedevano diminuire la loro scorta di generi alimentari: l'ultimo animale veniva mangiato senza un pizzico di sale, mentre gli altri necessari ma troppo sicuramente svanivano. Finalmente giunsero il felice giorno in cui attraversarono la vetta delle Cascate. Videro la splendente valle di Willamette a cui dà il nome, seguirono il suo corso infallibile, alla fine si trovarono nella bellissima prateria che ha Eugene per suo centro, e il signor McClure si stabilì a circa otto miglia a nord-ovest da qui. Accettò una richiesta di donazione, vi apportò molti miglioramenti e vi dimorò fino al 1862. Nel frattempo, il 16 ottobre 1859, sposò la signora Sarah Scott Benson, e con lei, nel 1862, si stabilì nella sua proprietà situato a due miglia e mezzo a nord di Eugene.

Fu eletto alla legislatura dell'Oregon, nel 1862, per un mandato. I suoi amici erano molti e consideravano la sua integrità, onore e virtù cristiana di prim'ordine.

Un uomo di nome McCoy ucciso da un albero che gli cade addosso

La signora Fern Edna McCley, 40 anni, è morta improvvisamente verso le 5 di giovedì mattina nella sua casa sulla Route 3, Junction City. È nata il 12 agosto 1890 a Junction City, Kansas, per poi trasferirsi a River Sioux, Iowa, dove è stata sposata con Robert H. McColley.

La famiglia è arrivata in Oregon nel 1917, vivendo per un periodo a Brookings, Portland e Bay City, poi andando in California per diversi anni. Arrivarono nella contea di Lane nel 1924.

Oltre al suo vedovo, la signora McCley lascia un figlio, Francis McCley, a casa: una sorella, la signora Amy Porter di Edna, Wash: e una nipote, la signora Ruth Large di Klamath Falls. I funerali si terranno lunedì pomeriggio all'una nella cappella Walker-Poole. La sepoltura avverrà nel nuovo cimitero dell'I.O.O.F.

La signora McCollum nacque il 21 dicembre 1892 a Vida, che da lei prese il nome. Viveva nella zona di Elkton dal 1935. Suo marito, John W. McCollum, l'ha preceduta nella morte nel 1966.

Sopravvivono una figlia, Phyllis L. Hedden di Orleans, California, un figlio, Kenneth P. McCollum di Elkton due fratelli, Amie Pepiot di Veneta e Ray Pepiot di Sutherlin tre sorelle, Eva Richards di Roseburg, Pearl Thronton di Oakland, Oregon. e Margaret Moore di Sutherlin due nipoti e 3 pronipoti.

McCormick è nato il 4 gennaio 1917 a Halfway da Charles e Viola Oliver Lee. Ha sposato Joe Harrison a Lakeview nel 1943. In seguito hanno divorziato. Ha sposato Wayne McCormick a Prineville nel 1968. Morì il 15 marzo 1979.

Si è diplomata al liceo a Halfway. McCormick faceva la casalinga e lavorava come cameriera al Timber Bowl Restaurant di Springfield e allo Stockman's a Halfway. I suoi interessi includevano la scrittura di poesie e racconti. McCormick una volta vinse un tosaerba in un concorso di poesia in una stazione radio di Springfield.

Le piaceva anche dipingere con acquerelli, cucire, musica, ballare, cacciare le rocce e fare giardinaggio. Le piaceva particolarmente la sua vita familiare e passare il tempo con i suoi nipoti e le sue sorelle. Era un membro di una loggia degli Eagles.

I sopravvissuti includono il suo ex marito di Baker City un figlio, Wayne Harrison di Springfield una figlia, Linda Fountain di Springfield due sorelle, Marge Sagers di Halfway e Jeanne Daniels di Las Vegas due nipoti e sei pronipoti.

La celebrazione della vita si terrà alle 13:00. 22 giugno al Wild Bill's Cafe di Halfway. Inurnment sarà al cimitero di Pine Haven a Halfway. La Pine Valley Funeral Home di Tami a Halfway si occupa degli arrangiamenti.

McCornack nacque il 16 agosto 1915 a Woodburn da John e Lora Hayes Ramage, discendenti di famiglie di pionieri locali. Sposò Rod McCornack a Reno, Nevada, il 14 luglio 1942. Morì nel 1966.

Si è diplomata alla Woodburn High School. McCornack ha vissuto a Eugene dal 1948 al 2001, quando si è trasferita a Homedale. Ha lavorato come impiegata e istruttrice presso il Jean's Knitting Center di Eugene. Ha anche lavorato come segretaria per il Dipartimento dell'Agricoltura dell'Oregon a Salem.

Era un membro dell'Ellen Hawkins Club e della Sacred Heart Volunteer Guild. McCornack era anche membro di un gruppo di jogging/camminata che dal 1967 si riunisce alla South Eugene High School tre mattine a settimana.

I sopravvissuti includono due figli, Gerald Ramage di Woodburn e Kevin McCornack di Eugene quattro figlie, Nancy Ackles di Seattle, Janet McCornack di Homedale, Karen Pritchard di Oak Park, California, e Terri Weston di Eugene un fratello, Gilbert Ramage di Beaverton una sorella , Gertrude Ramage di Portland 14 nipoti e 11 pronipoti.

McCoy è nato il 1 ottobre 1906 a Elk Point, S.D., da William e Catherine Manning Clifford. Ha sposato Bert McCoy a Pierre, S.D., il 31 dicembre 1942.

Ha frequentato le scuole a Vermillion, SD, e si è laureata all'Università del South Dakota nel 1939. McCoy ha insegnato nella scuola elementare nelle città del South Dakota di Madison e Dupree. Si è trasferita nella zona nel 1945 e ha insegnato in quinta elementare nelle scuole cattoliche St. Mary e O'Hara a Eugene. Le piaceva viaggiare e lavorare a maglia. McCoy era un membro della chiesa cattolica di St. Mary a Eugene.

I sopravvissuti includono suo marito una figlia, Mary Guldager di Coburg un figlio, Stephen di Virginia Beach, in Virginia e tre nipoti.

Alle 13.30 si terrà la recita del rosario. Lunedì alla casa funeraria Poole-Larsen di Eugene. La messa di martedì si terrà alle 7:00 presso la chiesa cattolica di Santa Maria. La sepoltura avrà luogo martedì al cimitero di Mount Calvary a Eugene.

McCoy è nato il 27 aprile 1957 a Boise da Stanley e Edna Chaffin McCoy. Ha sposato Jimi Mitchell a Dublino, California, il 22 luglio 1989.

Si è laureato alla Meridian High School in Idaho nel 1975. McCoy ha frequentato il Muscatine Community College in Iowa e la Boise State University. Ha lavorato come meccanico di auto nell'area locale e in California negli ultimi 20 anni.

I suoi interessi includevano la lettura, l'artigianato del legno, lo sci sulla neve, il paracadutismo, le hot rod, la caccia e la pesca. A McCoy piacevano i suoi cani, Jack e Simon. Ha vissuto nella zona per 13 anni.

I sopravvissuti includono sua moglie i suoi genitori di Meridian, Idaho due figlie, Deneil McCoy di Meridian e Christy Gates di Springfield un figlio, Keith Troughton di Fruitland, due fratelli dell'Idaho, Michael di Litchfield Park, Arizona, e David di Lake Jackson, Texas, tre sorelle, Barbara Hollingshead di Dallas, Oregon, Patricia Rohleder di Boise e Marthe Carey di Caldwell, Idaho.

La visita sarà dalle 18:00 alle 21:00 Mercoledì alla Major Family Funeral Home a Springfield. Il servizio di giovedì sarà alle 13:00. a Springfield Memorial Gardens.

McCoy è nato il 21 marzo 1956 in California.

Si è diplomato al liceo. Ha vissuto nel sud della California e nello Utah prima di stabilirsi a Cottage Grove nove anni fa. Era impiegato come addetto alla manutenzione stradale per il Dipartimento dei trasporti dell'Oregon.

Gli piaceva pescare, cucinare e leggere. Aveva una forte fede in Dio ed era un membro della Chiesa di Cottage Grove del Nazareno.

I sopravvissuti includono la sua compagna domestica di due anni, Jennifer Long, e sua figlia, Tenielle una figlia, Breeanna McCoy di Cottage Grove e un figlio, David Jr., di Cottage Grove e una sorella, Peggy Burke di Syracuse, Utah.

La messa di mercoledì si terrà alle 13:00. al Cottage Grove Chiesa del Nazareno. La sepoltura privata sarà al cimitero di Bemis a Cottage Grove. La cappella funeraria Smith-Lund-Mills a Cottage Grove si occupa degli arrangiamenti.

John Henry McCoy, 62 anni, di Springfield è morto l'8 aprile 2009 per complicazioni di cancro.

Il signor McCoy è nato il 2 dicembre 1946 ad Auburn, Neb., da John e Frances (McCowan) McCoy.

Ha prestato servizio nell'esercito degli Stati Uniti e ha conseguito una laurea in gestione dell'energia.

Il signor McCoy e la sua prima moglie, Lula, si sono sposati il ​​9 novembre 1973. È morta nel 2001. Ha sposato Maria Samson il 17 dicembre 2005 a Springfield.

Era un supervisore della manutenzione e delle strutture per i Servizi della comunità cattolica della contea di Lane.

Lascia sua moglie, Maria quattro figli, John McCoy Jr., James McCoy e Michael McCoy di Springfield e Robert McCoy di Medford due figlie, Lou Ann Manwarren e Susan McCoy di Springfield una figliastra, Tara Puyat delle Filippine cinque sorelle, Roberta Mershon Sherne Tompkins, Katie Boyle, Mary Smith e Lisa Yamin tre fratelli, George McCoy, Joseph McCoy e Chad McCoy e 21 nipoti.

È preceduto nella morte dalla prima moglie Lula e da un nipote, Matthew McCoy, nel 2005.

Un funerale è stato celebrato il 15 aprile presso la chiesa cattolica ucraina della Natività a Springfield. Una sepoltura ha seguito il servizio al cimitero di Mt. Calvary.

Contributi commemorativi possono essere fatti alla Natività Chiesa cattolica ucraina.

McCoy è nato il 31 agosto 1916 nel Missouri da Lewis e Arlena Garrett McCoy.

Ha prestato servizio nell'esercito per due anni.

McCoy ha vissuto a Cottage Grove per 50 anni e ha lavorato come falegname e appaltatore prima di andare in pensione nei primi anni '70. In seguito ha allevato, addestrato e corso cavalli.

Era un membro del Cottage Grove Riding Club e dell'Oregon Thoroughbred Breeders Association e apparteneva ai Veterans of Foreign Wars.

I sopravvissuti includono sua moglie, Helen Kopperman McCoy due figliastri, Herbert Kopperman di Duluth, Minnesota, e James Henderson dell'Alabama tre nipoti e un pronipote. La sua prima moglie, Rayme Henderson McCoy, è morta in precedenza. Un figlio, il tenente Meril "Skip" McCoy Jr., è stato perso in mare.

La visita sarà dalle 19:00 alle 21:00 Giovedì e dalle 9:00 a mezzogiorno venerdì presso la Smith-Lund-Mills Funeral Chapel a Cottage Grove. Il servizio di venerdì sarà alle 13:00. alla chiesa biblica di Cottage Grove.

Nacque il 17 novembre 1901 a Washington, Penn., da Eva Fulton e Robert McCracken Sr. Si trasferì a Walla Walla, nello Stato di Washington, all'età di 5 anni, ea Portland all'età di 17 anni quando andò a lavorare per gli Stati del Pacifico compagnia assicurativa

Ha sposato Florence Bradley di Portland nel 1922. Sono stati sposati 50 anni fino alla sua morte nel 1972.

McCracken ha anche lavorato per la Norwich Insurance Co. a Portland. Si trasferì a Eugene nel 1945 e acquistò A. D. Cambel Insurance Co. In seguito la rinominò McCracken Insurance co. La sua compagnia di assicurazioni si è fusa con Tromp McKinley nel 1969 e ha lavorato fino all'età di 85 anni.

Ha sposato Jean Reid Johnson di Eugene nel 1973.

È stato membro dell'Eugene Country Club per 45 anni. Il suo interesse includeva il golf: ha giocato la sua ultima partita all'età di 90 anni.

I sopravvissuti includono sua moglie, 10 figliastri, quattro nipoti e 14 nipoti.

I funerali di martedì si terranno alle 11 al Rest-Haven Memorial Park e alla casa funeraria di Eugene. La sepoltura è al Rest-Haven Memorial Park.

McCray è nato il 1 luglio 1911 a Corry, Pennsylvania. Ha sposato Jeanette Brill il 1 luglio 1935 a Toppenish, nello stato di Washington. La coppia si è trasferita a Westfir, dove ha lavorato nell'industria del legname per quasi 43 anni fino al suo pensionamento nel 1976 Dopo la morte della moglie, avvenuta il 22 aprile 1982, si trasferì a Marion.

I sopravvissuti includono un figlio, Gerald di Vancouver, una figlia di Washington, Lois Moody di Lincoln City e due nipoti.

È nato il 5 settembre 1954 ad Arcata, in California, da Paul e Lois Finch McCrory.

I sopravvissuti includono sua madre di Riverdale, California quattro figli, Robert of Davis, California, e Jeff, John e Stevan, tutti di Anderson, California una figlia, Jennie McCrory di Anderson una sorella, Stefene Blackburn di Riverdale e tre nipoti.

Helene Marjorie McCullough, 88 anni, di Springfield, è morta per insufficienza cardiaca.

Nata a Humansville, Mo., da Lorenzo e Nora (Miller) Jackson, sposò Simeon Felt McCullough il 4 dicembre 1936 a Van Nuys, in California. Morì il 4 aprile 1970.

Ha lavorato come contabile presso Mid Valley YMCA a Van Nuys, in California. Ha vissuto a Van Nuys e Grandad Hill, in California, per più di 70 anni prima di trasferirsi in questa zona.

Le piaceva leggere, fare cruciverba e giocare a bridge e pinnacolo. È stata membro della Prima Chiesa Metodista Unita di Van Nuys per 70 anni.

I sopravvissuti includono una figlia: Denise Oestreich (e suo marito, Paul) di Springfield, nonché due nipoti e un pronipote.

È nata il 9 dicembre 1912 nella fattoria di famiglia vicino a Wilson, Kan., da genitori immigrati boemi Antone e Maria Fencl.

Ha sposato Amnel Eli (Mac) McCullough il 27 aprile 1935 a Salina, Kan.

La signora McCullough non ha mai perso il suo amore per le pianure. Dopo essersi diplomata nel 1931 alla Dorrance Rural High School, insegnò per due anni in una scuola di campagna di una sola stanza.

La signora McCullough e suo marito si trasferirono a Silverton nel 1941. Le piaceva collezionare poesie e detti saggi e spiritosi e spesso li condivideva con la sua famiglia. Era la sua gioia stare con i suoi figli, nipoti e pronipoti. Era un membro attivo della Silverton First Christian Church. Le piaceva cantare nel coro e partecipare alle riunioni di gruppo.

Nell'agosto del 2003 si è trasferita a Springfield per stare vicino a sua figlia.

Vera lascia il figlio e la nuora Norman e Valeta McCullough di Tangent, figlia e genero, Sharron Kay e Jim Womack, nipoti Matt McCullough, Tracy Brummett e Timothy, Stephen, Joseph e Marilee Womack e i pronipoti Sophia , Madison, John, James, Benjamin, Daniel, Gracie e Zoe. È stata preceduta nella morte dal marito e nipote Mark Amnel McCullough.

McCullugh è nato l'8 luglio 1925 ad Amidon, N.D., da Joseph e Celestine Koffler Picker.

Ha sposato Frank McCullugh a Eugene il 10 luglio 1948. Morì il 17 settembre 1995.

Si è trasferita in questa zona 50 anni fa e si è diplomata alla St. Mary's High School di Eugene.

McCullugh ha lavorato come segretaria per il servizio di spazzatura della sua famiglia, Franks Garbage Service e Eugene Garbage Service.

Le piaceva il giardinaggio e la cucina. A McCullugh piaceva particolarmente la sua famiglia.

Era un membro della Chiesa cattolica di San Pietro a Eugenio e un ex membro dell'Ausiliare Carmelitano. Henderson si è offerto volontario all'ospedale del Sacro Cuore.

I sopravvissuti includono un figlio, Frank di Eugene, quattro sorelle, Trudy Garland di Olympia e Dorothy Pittman, Marion Crabtree e Agnes Etchison, tutti di Eugene, cinque nipoti e due pronipoti. Un figlio e una figlia, David e Tara McCullugh, morirono entrambi nel 1978.

Il servizio di giovedì sarà alle 11 presso la chiesa cattolica di San Pietro a Eugene. Inurnment sarà a Lane Memorial Gardens a Eugene. L'impresa di pompe funebri Poole-Larsen di Eugene si occupa degli allestimenti.

John A. McCutchen, importante residente di Veneta, è morto nella sua casa, dove viveva da molti anni, giovedì mattina all'età di 72 anni.

Nacque in Irlanda il 12 febbraio 1865 e arrivò negli Stati Uniti all'età di 8 anni. Ha vissuto in California per un periodo ed è venuto in Oregon circa 52 anni fa e da allora risiedeva a Veneta.

Era sposato con Miss Lettie Stephens il 16 ottobre 1888 a Eugene. Il signor McCutchen era un membro della chiesa battista di Veneta.

Lascia sua moglie, due figli, RA McCutchen e EN McCutchen, entrambi di Veneta due figlie, la signora LL Turner di North Bend, e la signora AB Miller di Denver, Colo. tre nipoti un fratello, Charles McCutchen dell'Oregon orientale e due sorelle, la signora Sarah Crist di Veneta e la signora Minnie Yoder di Eugene.

I funerali saranno annunciati in seguito dalla cappella Branstetter-Simon.

Loretta McCutcheon, 84 anni, Veneta, è morta il 14 novembre a Eugene. Simon-Lounsbury Mortuary rilascerà necrologio e servizi.

mercoledì 15 novembre 1950

Loretta McCutcheon, Veneta morì il 14 novembre all'età di 84 anni. Nacque il 30 settembre 1866 a Crow ed era membro della chiesa battista di Veneta.

Sopravvivono due figlie, la signora Virgie Taylor di North Bend e la signora Violet Miller di San Marino, due figli della California, Ralph di Veneta ed Ernest di North Bend una sorella, la signora Lucy J. Withrow di Eugene, tre nipoti e due pronipoti. Suo marito è morto prima.

I funerali avranno luogo alle 13:30. Venerdì all'obitorio Simon-Lounsbury, con sepoltura nel cimitero di Stephens.

Era nato il 21 aprile 1912 a Johnston, Neb., da Jess e Iva McDaniel.

Ha prestato servizio nell'aeronautica militare durante la seconda guerra mondiale. Installatore di tubi, McDaniel ha lavorato presso i cantieri navali di Bremerton, WA., prima di trasferirsi a Veneta 25 anni fa. È ricordato come un uomo tranquillo e un devoto cristiano.

I sopravvissuti includono un fratello, Harvey di Gleneden Beach e una sorella Mary Owen di Hurricane, Utah.

McDerman è nato il 22 febbraio 1906 a Bronte, in Texas, da Thomas e Carrie Herron McDerman.

Sposò Leah Willmore a Eugene l'11 novembre 1952. Morì nel 1972.

Prima di trasferirsi a Veneta, ha vissuto a Los Angeles e San Francisco.

Ha prestato servizio nell'esercito. Ha lavorato come agricoltore biologico, saldatore ed elettricista.McDerman ha anche lavorato come costruttore di navi e aeroplani.

I suoi interessi includevano l'astrologia, la metafisica, la fotografia e l'apicoltura.

McDerman è stato uno degli artigiani al primo mercato del sabato quando è stato aperto in un vicolo di Eugene. È stato anche uno degli artigiani della prima Oregon Country Fair.

Era politicamente coinvolto ed era un collaboratore quotidiano e settimanale di talk show radiofonici locali.

McDerman era un membro dell'American Civil Liberties Union, dell'Eugene Astronomical Association e dell'Oregon Country Fair.

I sopravvissuti includono due fratelli, Y.C. e Ondee, entrambi di Roswell, N.M. due nipoti e un pronipote.

McDermott è nato il 24 dicembre 1921 a Edgeley, N.D., da James e Maude Wilson. Sposò Dale McDermott a Lewiston, nell'Idaho, nel 1947. Morì nel 1968.

Si è diplomata al liceo. Era una casalinga e ha lavorato alla King Charles Pie Shell Factory per 10 anni. A McDermott piaceva lavorare all'uncinetto, leggere e il suo gatto, Sam. Ha vissuto a Eugene dal 1954 fino al 2001, quando si è trasferita a Beaverton.

I sopravvissuti includono una figlia, Gayle Robinson di Beaverton, due sorelle, Marian Hays di Vancouver, Washington, e Nedra Hahn di Grand Island, Neb. e un nipote.

È morta a casa di sua nuora, la signora Florence Luther, a Eugene, lunedì sera, 16 gennaio. Il suo funerale si è tenuto presso la chiesa cristiana di Springfield, di cui era membro, alle 10:30 di ieri . Il Rev. S. E. Childers, parroco della chiesa, ha diretto i servizi. La sepoltura era nel cimitero di Laurel Hill. Marion Veatch, di Eugene, era responsabile dei preparativi per la sepoltura.

La signora McDivitt è venuta a Springfield circa 12 anni fa, da Des Moines, Iowa, per stare con suo figlio, George Luther, che, con suo figlio, Will Luther, allora conduceva una bottega di fabbro all'angolo tra la 5th e Main Street. Sia il figlio che il nipote morirono nei due anni successivi. La signora Divitt ha continuato a vivere a Springfield fino a poche settimane dopo la sua morte.

È nata in Massachusetts 89 anni fa. È stata sposata due volte. Il nome del suo primo marito era Lutero. Ha fatto la sua casa per molti anni su Des Moines, Iowa. Lascia una figlia in Nebraska e un fratello in Massachusetts.

Negli anni in cui "Nonna McDivitt", come veniva affettuosamente chiamata, ha vissuto a Springfield. Si è innamorata di tutti coloro che l'hanno conosciuta. Era una cristiana gioiosa e risoluta, un incoraggiamento vivente e un'ispirazione per molti di quelli provati. Amava la casa di culto e cercava la compagnia del popolo cristiano.

Alice Jean Matteson McDonald. 79, di Marcola, è morto di carcinoma del colon.

Nata a Eugene da Fred e Alice (Baker) Matteson, ha sposato D.J. "Spud" McDonald a Wendling il 26 giugno 1948. Morì il 29 agosto 1987.

Ha frequentato la scuola elementare a Wendling, si è diplomata al liceo di Marcola e in seguito si è diplomata al Western Oregon State College di Monmouth.

Era una casalinga e amava leggere, fare giardinaggio e passare il tempo con la sua famiglia.

I sopravvissuti includono una figlia: Molly Ann Talens (e suo marito, Jan) dei Paesi Bassi, due figli: Monte Jay McDonald (e sua moglie, Melody) dell'Alaska e John McDonald (e sua moglie, Robin Knight) di Portland e tre nipoti e un pronipote.

Si è tenuta una cerimonia privata in famiglia. La sepoltura è a Springfield Memorial Gardens. Buell Funeral Chapel si occupa degli allestimenti.

Un raduno di amici è previsto dalle 15:00 alle 19:00. Mercoledì 17 marzo presso la casa di famiglia, 39835 Wendling Road a Marcola.

Era nato il 5 novembre 1909 a Marshalltown, Iowa, da William ed Emma Arts McDonald. Ha sposato June Weiland a Los Angeles il 7 luglio 1949. Ha vissuto a Sacramento per 35 anni prima di trasferirsi a Eugene nel 1983. Era un revisore interno supervisore per il Dipartimento per lo sviluppo delle risorse umane dello stato della California. Gli piaceva camminare, fare escursioni e campeggiare.

I sopravvissuti includono sua moglie tre figli, Brian di Eugene, Bruce di Lake Oswego e Kevin di Aloha due figlie, Kathleen McDonald dell'India e Denise McDonald di Beaverton e cinque nipoti.

McDonald è nato il 27 aprile 1909 ad Harmon, Ark., da Oliver e Sarah Callison Lively. Ha sposato Darrell McDonald in Arkansas il 15 ottobre 1927. Morì il 19 marzo 1988.

Ha frequentato la scuola in Arkansas e poi si è trasferita nel sud della California. Si trasferì a Eugene nel 1942.

McDonald era una casalinga che amava l'uncinetto, il giardinaggio, l'inscatolamento, i suoi nipoti e pronipoti. Era un membro della Chiesa di Cristo e dello Springfield Faith Center.

I sopravvissuti includono una figlia, Lois Cooper di Springfield tre figli, LeRoy di Portland, Richard di Crooked River Ranch e John di Arkansas City, Kan. 13 nipoti e 11 pronipoti. Un figlio, Louis, morì nel settembre 1996. Un nipote, Mark McDonald, morì il 19 marzo 1978. Un altro nipote, Timothy McDonald, morì il 2 dicembre 1984.

McDonald è nato il 24 agosto 1919 a McAlester, Okla., da Marion e Halle Lazenby McDonald. Ha sposato Edith Spencer a Reno, Nevada, il 7 febbraio 1942.

Ha servito come tecnico di quinta elementare nell'esercito durante la seconda guerra mondiale ed è stato di stanza nelle Filippine e in Giappone. Ha lavorato alla Woolley Industries Plywood Mill. Gli piaceva cacciare, pescare, fare giardinaggio e ascoltare musica, in particolare Hank Williams. McDonald ha vissuto nella zona per 61 anni.

I sopravvissuti includono sua moglie quattro figli, James e Art, entrambi di Drain, Tony di Junction City e Randy di Montesano, nello Stato di Washington cinque figlie, Phyllis Dobson di Burns, Molly Dain di Drain, Bonnie Swearingen di Bend, Donna McDonald di Redmond e Valerie Baimbridge di Fall River 23 nipoti e 32 pronipoti.

Ronald, figlio di tre settimane dei coniugi E.F. McDonald del College Crest, è morto lunedì all'ospedale di Eugene. Il funerale si sarebbe tenuto alle pompe funebri di Veatch lunedì alle 15:30, presieduto dal capitano H.C. Boyd. L'inumazione doveva essere nell'I.O.O.F. cimitero.

McDonald è nato il 1 novembre 1899 a Fox, Oregon, da Jim e India Ledgerwood Allen. I genitori di McDonald erano entrambi pionieri. Sua madre è nata lungo l'Oregon Trail e suo padre ha costruito il Fox Store nel 1895. Ha anche lavorato come direttore delle poste della città dal 1895 fino al 1909, quando la famiglia si è trasferita a Salem.

Si trasferì a Eugene nel 1923. Nel 1927, si laureò al programma infermieristico al Pacific Christian Hospital (ora Sacro Cuore). Ha lavorato come infermiera chirurgica.

Sposò Jack McDonald il 7 maggio 1934. Si ritirò dall'assistenza infermieristica nel 1945. Nel 1947 fondò la Eugene Weaver's Guild. Suo marito morì il 7 febbraio 1977.

Gli interessi di McDonald's includevano la tessitura, la pittura, la ceramica e il giardinaggio. Le piaceva insegnare le sue abilità agli altri. Le piaceva anche condividere i fiori e le verdure del suo giardino. Era un membro della chiesa cristiana Norkenzie a Eugene.

I sopravvissuti includono un figlio, Steve di Springfield. Una figliastra, Jean Henricksen, è morta in precedenza.

McDuffy è nato il 14 agosto 1928 a Portland da Lee e Hazel Laughlin McDuffy. Ha sposato Elsie Ruth Jasper a Dairy il 17 novembre 1969.

Da sempre dell'Oregon, ha vissuto a Portland e Roseburg prima di trasferirsi a Yoncalla 18 anni fa.

Ha prestato servizio nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti in Corea.

Ha lavorato come idraulico. I suoi interessi includevano motociclette, animali, caccia e trascorrere del tempo con la sua famiglia.

I sopravvissuti includono sua moglie una figlia, Marjorie Hoyle di Yoncalla e due nipoti. Un nipote, Zachary Nelson, morì nel 1988 e un fratello, James McDuffy, morì nel 1999.

McElhaney è nato il 26 novembre 1926 a Fleetwood, Okla., da J.G. e Mae Pennington McElhaney.

Durante la seconda guerra mondiale prestò servizio in marina.

Ha lavorato per molti anni come falegname.

I suoi interessi includevano la caccia, la pesca e la costruzione di case per uccelli e ruote idrauliche. Apparteneva a diverse logge.

I sopravvissuti includono due figlie, Elta Carter di Vancouver, Washington, e Diane McElhaney di Salem un figlio, Eldon di Portland un fratello, Doyle dell'Alaska tre nipoti e otto pronipoti.

Mr. McElroy, residente nell'area di Springfield dal 1934, è nato ad Ainsworth, Neb. il 28 luglio 1911. Era un veterano della prima guerra mondiale.

COTTAGE GROVE, 3 agosto - (Speciale) - La signora Laura A. McFarland è deceduta sabato pomeriggio alle quattro nella sua casa di Birch Avenue, a seguito di un colpo di paralisi avvenuto alle prime ore del mattino. I funerali sono stati da casa lunedì pomeriggio. Ha officiato il Rev. Kenneth J. Husby. La sepoltura è stata nel cimitero di McFarland.

Laura A. Knox è nata a Booneville, Missouri, il 1 aprile 1850. All'età di tre anni ha attraversato le pianure su un carro coperto con i suoi genitori, il signor e la signora Samuel B. Knox, che hanno optato per una cospicua donazione rivendicare nella sezione ora conosciuta come Delight Valley. Si sposò il 23 ottobre 1868 con James Henry McFarland, che morì il 18 gennaio 1914. Da questa unione nacque una figlia, Lorena McFarland Edwards. Morì il 16 maggio 1920.

La signora McFarland lascia due nipoti, Warren A. Edwards di Portland e Herman F. Edwards di Cottage Grove, e due pronipoti, James McFarland Edwards e John Coffey Edwards di Portland. Lascia anche una sorella Sopronia Knox McFarland di Cottage Grove, che con il defunto era l'ultima della grande famiglia Knox.

McFry è nato il 26 gennaio 1918 a Surprise, Mo. Ha sposato Christine Strong a Hernando, Mississippi, il 26 ottobre 1966.

Mentre viveva nel Missouri, McFry possedeva una concessionaria di trattori Ford. Dopo essersi trasferito in Oregon, ha lavorato presso i concessionari di Medford e Roseburg. Prima di trasferirsi a Eugene nel 1998, McFry ha vissuto a Medford per otto anni ea Roseburg per 20 anni. I suoi interessi includevano il campeggio e i viaggi. È ricordato come un grande narratore di storie.

Ha fatto parte dei Lions Club di Medford, Roseburg ed Eugene ed è stato membro del Roseburg Barbershop Chorus.

I sopravvissuti includono sua moglie due figlie, Marilyn Heiken di Eugene e Kay Strong di Troutdale un figlio, Dale Strong di Portland una sorella, Tod Cline di Kennewick, Washington e quattro nipoti.

La guardia quotidiana di Eugene (Eugene, OR)

McGEE - Nella casa di famiglia a Mohawk, Or., venerdì 15 settembre 1916, alle 11, la signora Clara R. McGee, moglie di J. R. McGee.

La signora McGee aveva 39 anni e oltre a suo marito lascia quattro figli, Everett, Otis, Esther e Clifford. Le disposizioni per il funerale non sono ancora state prese.

I funerali per Robert Dale McGee, 19 anni, di 1080 Polk St., Eugene, morto giovedì a causa delle ferite riportate in un incidente automobilistico di febbraio, si terranno martedì a Corvallis.

I servizi saranno alle pompe funebri DeMoss-Durdan alle 10. La recita del Rosario sarà alle 19:30. lunedì nello stesso posto.

McGhee è nato il 17 novembre 1921 a Winner, S.D., da Arthur e Carrie Chastain McGhee.

Durante la seconda guerra mondiale, prestò servizio per tre anni nell'esercito e si guadagnò un Purple Heart e una Bronze Star.

Ha sposato Margaret Jenkins a Gooding, Idaho, il 1 settembre 1945.

McGhee ha vissuto a Gooding prima di trasferirsi a Eugene 50 anni fa. Ha lavorato 28 anni come autista per Lane Transit District.

I suoi interessi includevano la caccia, la pesca e il campeggio.

Era un membro della Chiesa di Santa Clara di Cristo e amava le attività della chiesa. McGhee apparteneva anche agli Eugene Eagles.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Kenneth e Chuck, e una figlia, Janet Brown, tutti di Eugene un fratello, Einer di Portland una sorella, Mildred Phillips di Nampa, Idaho e cinque nipoti.

Il servizio di mercoledì sarà alle 15:00. presso la Chiesa di Cristo di Santa Clara. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McGhehey è nato il 14 agosto 1924 a Medford da Arthur ed Ellen Johnson McGhehey. Ha sposato Betty Hebard a Eugene il 17 marzo 1946.

Si è diplomato alla Eugene High School nel 1942. McGhehey ha prestato servizio nella Marina nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale. In seguito ha lavorato come macchinista per la Southern Pacific Railroad ed è stato membro della Brotherhood of Locomotive Engineers di Eugene. Fu anche membro della Florence Elks Lodge.

I suoi interessi includevano la pesca e i viaggi. A McGhehey piaceva passare il tempo con la sua famiglia.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Steven of Sisters e Samuel of Marcola due sorelle, Eva Menduni e Jane Johnson, entrambi di Portland e tre nipoti.

McGlone è nato il 1 ottobre 1928 a Rainier da Oscar e Pearl Orcutt McGlone.

Si è diplomato al liceo a Rainier. McGlone ha vissuto ad Albany e Springfield prima di trasferirsi a Junction City. I suoi interessi includevano la pittura ad olio e i modellini di automobili.

I sopravvissuti includono una sorella, Patricia Kessell di Sonoma, in Arizona.

McGillvrey è nato il 3 dicembre 1934 ad Anlauf da William e Anna Lindsay McGillvrey. Si è trasferito a Springfield da bambino e si è diplomato alla Springfield High School.

Ha sposato Shirley Adams a Springfield il 5 dicembre 1952.

McGillvrey ha vissuto nell'area di Eugene-Springfield fino al 1973. Dal 1980 al 1999 ha lavorato come venditore di ricambi per camion e proprietario di GAMO Truck Parts.

Era un membro della Chiesa Cristiana di Eugene e apparteneva alla Experimental Aircraft Association.

I sopravvissuti includono sua moglie un figlio, Michael di Calgary, Alberta due figlie, Ruth Ward di Winlock, Washington, e Cathy Villasenor di Grants Pass un fratello, William Jr. di Springfield una sorella, Ellen Skidmore di Othello, Washington e cinque nipoti .

Il servizio di giovedì si terrà alle 13:00. presso la Chapel of the Valley Funeral Home a Grants Pass.

McGlamery è nato il 29 settembre 1953 a Ginevra, N.Y., da Robert McGlamery e Barbara Luckham McClurg. Lui e sua moglie, Corrine, si sono sposati a Parigi il 13 dicembre 1977.

Si è laureato in ingegneria elettrica alla Brigham Young University di Provo, nello Utah. Ha prestato servizio nell'aeronautica militare tra il 1972 e il 1977. Ha lavorato presso la Sheet Metal di Al a Springfield per quattro anni.

Prima di trasferirsi in Francia, ha vissuto a Rochester, New York, Denver e Orem, nello Utah.

McGlamery era un vigile del fuoco e supervisore della protezione. Gli piaceva pescare, imparare il greco e l'ebraico e studiare la Bibbia.

È stato un boy scout per 10 anni e ha vinto il premio "God and Country" dopo due anni di studio. Come vigile del fuoco, ha ricevuto un "Encomio salvavita" per essere entrato in una casa in fiamme e aver salvato tre bambini.

I sopravvissuti includono sua madre e suo patrigno, Barbara e Robert McClurg di Springfield suo padre dello Utah sua moglie due figli, Daniel e James, entrambi di Banbury, Inghilterra due figlie, Jennifer McGlamery e Rachel McGlamery, entrambi di Banbury un fratello, David di Clearfield, Utah una sorella, Patricia Bailey di Springfield e un nipote.

Il servizio di martedì sarà alle 14. a Eugenio Prima Chiesa del Nazareno. La sepoltura si è svolta in Francia.

Nona Geraldine McGilvra, 74 anni, di Springfield, è morta di infarto.

Nata a Dallas, Oregon, da Glenn e DeLora (Anson) Willis, ha sposato Richard McGilvra il 5 luglio 1974, ad Alderwoods Manor, nello stato di Washington. Morì l'11 marzo 2000.

È cresciuta a Washington e ha lavorato per molti anni nell'industria cinematografica a Seattle.

Si è trasferita da Lynwood, nello stato di Washington, a Springfield nell'ottobre 2000.

Le piaceva andare in barca, giocare a bowling e prendersi cura di suo figlio.

I sopravvissuti includono sua madre, DeLora Willis di Springfield, una figlia: Dee Dee Murphy (e suo marito, Charlie) di Reedsport un figlio: Glenn Anderson di Springfield due figliastri: Ron McGilvra di Seattle e Allan McGilvra (e sua moglie, Tammy) di Snohomish, Washington. una figliastra: Vickie Arneson di Newport, Washington. una sorella: Sharon Miller di Springfield e diversi nipoti.

Un servizio commemorativo si terrà alle 11:00 di sabato 3 gennaio presso il New Life Center, 2080 19th St.

Buell Funeral Chapel si occupa degli allestimenti.

Nacque in Indiana, il 21 agosto 1861. I suoi genitori si trasferirono, quando era piccolo, a Searsboro, Iowa, e in seguito a West Liberty, Iowa, dove fu principalmente allevato. Arrivò in Oregon all'inizio degli anni ottanta e visse per un po' nei dintorni di Mitchell, nella contea di Crook. In seguito visse per lunghi periodi in Nebraska, Kansas e Alaska. Era sposato con la signora Lida D. Wheeler, a Sigourney, Iowa, l'11 luglio 1907. Il signor e la signora McGowan e il signor e la signora HA Korf (figlia e genero della signora McGowan) vennero a Eugene nel 1909. Nel novembre 1910, i signori McGowan e Korf acquistarono l'attività di drogheria di Flegal e Rychards, a Springfield, e la condussero per circa due anni sotto il nome della ditta HS McGowan & Co. Nel 1912, rimossero le azioni a West Stayton, e vi svolse l'attività per un po' di tempo. Nel novembre 1920 il signore e la signora McGowan tornarono a Springfield.

Lo scorso luglio, il signor McGowan ha avuto un incidente molto singolare, che lo ha portato alla morte. Stava lavorando alla sua catasta di legna. Vedendo alcuni blocchi cadere dal mucchio, alzò il braccio sinistro per proteggersi il viso e l'angolo di un blocco ferì il nervo dell'ulna. Tutti i tentativi di ottenere un trattamento o un sollievo di successo sono stati inutili. Il nervo è stato distrutto e rimpicciolito. Il signor McGowan ha sofferto un'agonia atroce per la maggior parte del tempo fino alla sua morte, avvenuta domenica mattina, il 15.

Il funerale è stato nella cappella di Walker, alle 15:00. Martedì, ed è stato condotto dal Rev. Frank Fay Eddie, pastore unitariano a Eugene. La sepoltura era nel cimitero di Laurel Hill.

Oltre alla moglie e alla figlia qui, il defunto lascia questi fratelli e sorelle: E. C. McGowan e Mrs. Cora Lamborn, di West Liberty, Iowa Mrs. H. C. Fellows, Henryetta, Oklahoma D. E. McGowan, Silsbee, Texas.

Dara Elizabeth McGrady, 67 anni, di Springfield, è morta per un'aritmia cardiaca.

Nata ad Ashland da Ernest F. e Gladys E. Cooper, ha sposato Gene Charles McGrady a Eugene il 27 dicembre 1958. Morì il 27 giugno 1994.

È cresciuta a Springfield, diplomandosi alla Springfield High School nel 1954. Si è laureata in economia aziendale presso l'Università dell'Oregon nel 1958.

Ha vissuto a Tracy, in California, prima di tornare in questa zona. Ha lavorato per l'Ufficio per l'Impiego dello Stato dell'Oregon e lei e suo marito possedevano e gestivano Atlas Truss Co. Ha anche lavorato per il servizio forestale degli Stati Uniti, Willamette National Forest per cinque anni. Al momento della sua morte era impiegata presso l'Office of Personnel Management per il governo degli Stati Uniti.

Amava il giardinaggio, la cucina, il punto croce, il campeggio e la pesca con il suo compagno di vita. Era un'appassionata camminatrice e lettrice ed era un membro di TOPS.

I sopravvissuti includono il suo compagno di vita: Kenneth McAdams di Eugene, due figlie: Kathleen E. Stejskal di Springfield e Tracy McGrady-Barnes di Golden, Colorado, nonché tre nipoti.

La visita è dalle 16:00 alle 19:00. Venerdì 5 marzo presso la Cappella Funeraria Buell. Il funerale è previsto per le 11:00 di sabato 6 marzo presso la Buell Funeral Chapel. Al servizio segue anche la visita.

Era nato il 27 marzo 1918 a Tamo, Ark., da Otis e Mamie Rice McGraw. Lui e la sua prima moglie, Barbara Jean, si sposarono il 9 ottobre 1941 a Tamo, nell'Arca. In seguito morì. Ha sposato Alta Williams il 5 aprile 1980 a Bend.

McGraw prestò servizio nell'aeronautica militare dal 1942 al 1965, incluso il servizio nella seconda guerra mondiale, nella guerra di Corea e nella guerra del Vietnam, raggiungendo il grado di colonnello. Dopo essersi ritirato dall'esercito, allevò bestiame e cavalli.

I sopravvissuti includono sua moglie un figlio, Charles di Madras una figlia, Mollie McGraw Tulley di Port Ludlow, Washington un figliastro, Wesley Forgey Jr. di Vancouver, Washington due figliastre, Tammi Knight e Kelly Farmer, entrambi di Juneau, Alaska e nove nipoti. Un figlio, John, è morto in precedenza.

McGregor è nato il 10 dicembre 1917 a Texarkana, TX. Ha studiato a San Antonio, TX. Ha sposato June Anshus a Seattle il 10 agosto 1940. Ha prestato servizio nella Marina e nell'Aeronautica militare durante la seconda guerra mondiale ed è stato di stanza in Spagna, nel Pacifico meridionale e in Alaska. Ha lavorato nella manutenzione della refrigerazione e dell'aria condizionata.

A McGregor piaceva il canto e le attività in famiglia e in chiesa. Apparteneva al gruppo di canti Sharps and Flats ed era un membro della chiesa avventista del settimo giorno di Sprinfield. La Marina gli ha conferito il premio di padre dell'anno.

McGregor è nato il 10 luglio 1907 a Marshfield da David e Nettie Haskell Roberts. Sposò Harold McGregor a Portland il 5 dicembre 1935. Morì il 18 maggio 1941.

Ha lavorato come infermiera professionale per molti anni e ha vissuto a Salem e Corvallis, nonché a Eugene e Silverton.

I sopravvissuti includono due figli, David di Silverton e Sandy dell'Oregon, Wisconsin e una figlia, Mollie McGregor di Kennewick, nello stato di Washington.

McGuire è nato il 19 gennaio 1926 a Fort Collins, in Colorado, da Frank ed Emma McDaniel McGuire.

Si è diplomato alla Tulelake High School di Tulelake, in California. Ha prestato servizio nella Marina a bordo di una nave da trasporto truppe durante la seconda guerra mondiale. Ha sposato Hazel Beddows a Klamath Falls il 5 ottobre 1947. Hanno vissuto a Eugene dal 1963 al 1979.

McGuire ha lavorato come imprenditore edile e possedeva la L.W. McGuire Construction Co. Era un membro del Willamette Christian Center. Gli interessi di McGuire includevano la lavorazione del legno, la pesca e la caccia.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Frank di Sacramento e Randy di Canby una sorella, Rose Chapman di Klamath Falls tre nipoti e un pronipote. Una figlia, Glenda Coombs è morta in precedenza.

McHenry è nato il 10 agosto 1933 a Rice, Kan.

Si è laureata in economia domestica alla Oregon State University. McHenry era un maestro giardiniere e ha vissuto a Springfield per 60 anni.

I sopravvissuti includono due fratelli, Robert McHenry e William McHenry e una sorella, Phyllis Keeler.

McHolick è nato il 22 luglio 1927 a Isabel, S.D., da Ray e Leona Henry Raymond. Ha sposato William McHolick a Portland il 26 giugno 1948.

È cresciuta nelle Black Hills del South Dakota e ha vissuto a Greeley, in Colorado, prima di trasferirsi a Portland. Si è diplomata alla Grant High School di Portland nel 1945. Lei e suo marito, un chirurgo ortopedico, si sono trasferiti a Eugene nel 1956.

McHolick ha conseguito una laurea in giornalismo presso l'Università dell'Oregon nel 1969. Ha lavorato come scrittrice e giornalista per The Register-Guard dal 1970 al 1976. Ha poi insegnato come professore a contratto presso la UO Journalism School dal 1976 al 1982. Come giornalista, è stata elencata in Who's Who of American Women nel 1975.

McHolick era un anziano ordinato e diacono della Chiesa presbiteriana. Ha cantato con il coro della chiesa presbiteriana di Westminster a Eugene per 25 anni. Ha anche servito un mandato di tre anni nel consiglio di una rivista nazionale della Chiesa Presbiteriana.

È stata attiva in molte organizzazioni comunitarie ed è stata presidente della Junior League of Eugene, l'Eugene Fortnightly Club, Chapter BV del P.E.O. Sisterhood, il Summer Music Festival (ora Oregon Bach Festival) e il Monday Book Club. Ha anche fatto parte di numerosi consigli e comitati locali e statali, tra cui l'Eugene Symphony Board, la Marist Foundation, la Lane County Auditorium Association, l'UO Journalism and Communications Advancement Council e l'Oregon Arts Council del Governatore.

I sopravvissuti includono le due figlie del marito, Sandra Ryden e Rebecca Martelli, entrambe di La Canada, California, e un figlio, William di Houston.

Il servizio di venerdì sarà alle 11 presso la chiesa presbiteriana di Westminster a Eugene. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McIntire è nato il 6 aprile 1921 a Roscoe, Mo., da James e Mary Keeton Richey. Ha sposato Charlie McIntire a Osceola, Mo., il 29 dicembre 1943. Morì il 31 luglio 1981.

Prima di trasferirsi a Oakridge nel 1964, ha vissuto nelle contee di St. Claire e Vernon nel Missouri.

Era una casalinga. Le piaceva lavorare con i puzzle, fare giardinaggio, trapuntare e lavorare all'uncinetto i tappeti.

I sopravvissuti includono tre figli, Charles di Lakewood, Washington, James di Creswell e Larry di Oakridge quattro figlie, Alene Hadley di Oakridge, Marilyn Lavender e Patricia Tompkins, entrambi di Springfield, e Sharon Looney del Missouri una sorella, Addie Lappine di Oakridge 12 nipoti e 11 pronipoti.

Il servizio di lunedì sarà alle 10 presso l'Oakridge Chapel of the Woods Funeral Home. La sepoltura sarà privata al Forestvale Memorial Park di Oakridge.

McKay è nato il 13 maggio 1918, a maggio, Okla., da Earl e Loma Proctor Hargis. Ha sposato Arthur "Mac" McKay a Colorado Springs, in Colorado, il 25 novembre 1945. In seguito morì.

Ha lavorato come supervisore con la compagnia telefonica prima del suo matrimonio. McKay era allora una casalinga e le piaceva lavorare all'uncinetto, musica, ballare e fare esercizio. I suoi interessi includevano la politica. McKay ha vissuto nella zona per 39 anni.

I sopravvissuti includono una figlia, Claudia McKay di Eugene.

McKee è nato il 14 dicembre 1914 a Caney, Kan., da Joseph e Inez Burkhart McKee. Ha sposato Gertrude Bohard a Greeley, in Colorado, il 14 ottobre 1940.

È cresciuto in Kansas e Colorado. Ha frequentato la scuola in Kansas.

McKee prestò servizio nella seconda guerra mondiale come ingegnere privato nella 39a unità di combattimento dell'esercito. Nel 1945 si trasferì a Eugene e frequentò la scuola del G.I. Fattura.

Ha lavorato trasportando legname e segatura a Greeley e poi ha lavorato per International Paper a Noti. In seguito si ritirò dalla Coak's Radiator & Wheel Alignment a Eugene.

I suoi hobby includevano passare il tempo con la famiglia e i nipoti, creare borse e altri oggetti con la pelle, lavorare su puzzle di parole e leggere.

I sopravvissuti includono sua moglie una figlia, Claudette Hooker di Junction City un figlio, Jerry della California una sorella, Charlotte Allison di The Dalles quattro nipoti e cinque pronipoti.

McKee è nato il 7 gennaio 1951 a Pontiac, nel Michigan, da Carl e Dorothy Bird. Ha sposato Ralph McKee a Pontiac il 27 agosto 1977.

Si è laureata all'Università del Michigan. Ha vissuto a Portland, nell'area delle Tri-Cities di Washington e Denver, prima di trasferirsi a Eugene nel 1998. Ha lavorato come infermiera professionale nel pronto soccorso e nella revisione dell'utilizzo presso il Sacred Heart Medical Center.

I sopravvissuti includono suo marito e le due figlie, Elizabeth "Betsy" McKee di Pullman, Washington, e Kathryn "Katie" McKee di Eugene e tre sorelle, Jeanne Overweg di Flushing, Michigan, Barrie Myers di Newark, Ohio e Linda Fenimore di West Chester , Papà.

Lascia quattro figli, Orris McKeegan di Eugene, Lawrence di Twin Falls, Idaho, Donald di Pendleton, e la signora Mildred Dennis di Carnation, Washington. Era un membro della Chiesa cattolica.

McKenzie è nato il 2 marzo 1930 a Oklahoma City da Wesley e Beulah Allen McKenzie.

Ha servito nell'esercito durante la guerra di Corea ed è stato di stanza a Panama. Ha lavorato in tutto l'Oregon come taglialegna, piantatore di alberi, segheria e frutteto. McKenzie si divertiva a raccontare storie colorate, giardinaggio e modi da cowboy. Gli piacevano particolarmente gli uccelli, i cavalli e il suo cane, Furbie. McKenzie ha frequentato le scuole e ha vissuto a Keno, Ashland e Talent prima di trasferirsi a Eugene 20 anni fa.

I sopravvissuti includono quattro fratelli, Markus e James, entrambi di Ashland, Wesley della California e Gerald del Montana.

Nessun servizio è stato pianificato. La Chapel of Memories Funeral Home di Eugene si occupa degli allestimenti.

McKernan è nato l'8 dicembre 1912 a Seattle da Henry e Caroline Jacobsen Mathiesen. Ha sposato Ralph McKernan a Seattle il 5 aprile 1933. Morì l'11 febbraio 1992.

Casalinga, ha vissuto a Eugene per 30 anni. I suoi interessi includevano il giardinaggio.

I sopravvissuti includono due figlie, Carole Karrigan di Scappoose e Sharon Paget di Portland, quattro nipoti e un pronipote.

McKibben è nato il 28 gennaio 1914 a Oriska, N.D., da Samuel e Bertha Paeper McKibben. Ha sposato Jane Epperson a Portland il 1 febbraio 1942.

Ha lavorato alla Boeing Aircraft e nelle industrie del lavaggio a secco e dell'automotive. McKibben amava il giardinaggio, il golf e il bowling. Ha vissuto a Eugene per 52 anni.

I sopravvissuti includono sua moglie, una figlia, Jan Moninger di Springfield e due nipoti.

La sepoltura sarà al Rest-Haven Memorial Park a Eugene. Rest-Haven Memorial Park & Funeral Home a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McKim è nato il 10 maggio 1929 a Inglewood, in California, da Earl e Lena Brabbin McKim. Ha sposato Jeanice Fleming a Harrisburg il 24 ottobre 1952.

Ha servito come caporale nell'esercito durante la guerra di Corea.

A McKim piaceva la famiglia, correre maratone, corse di cavalli di resistenza, barche a vela, aeroplani radiocomandati, cacciare, pescare e stare all'aria aperta.

È stato membro dell'Oregon Track Club Masters, un club equestre e dell'Academy of Model Aeronautics.

I sopravvissuti includono sua moglie due figlie, Dana Miley di Silverton e Kelly McKimmy di Eugene un fratello, Victor di Santa Maria, California, una sorella, Corky McAllen di Yucca Valley, California e due nipoti. Un figlio, Marty, morì il 27 ottobre 1967.

La visita sarà dalle 11 alle 13:30. Martedì alle pompe funebri Poole-Larsen di Eugene. Il servizio di martedì sarà alle 13:30. all'impresa di pompe funebri. Seguirà la sepoltura al Rest-Haven Memorial Park di Eugene.

McKinley è nato il 29 gennaio 1930 a Huron, S.D., da Carmi e Jennie Mae Edwards McKinley. Ha sposato Norma Lamoreaux a Eugene il 18 settembre 1953.

Ha vissuto ad Albany e McMinnville prima di trasferirsi a Junction City nel 1946. Si è diplomato alla Junction City High School, dove ha giocato a basket e baseball ed è stato un quarterback nella squadra di football. Ha frequentato l'Università dell'Oregon.

Ha servito nell'esercito degli Stati Uniti presso il Presidio di San Francisco.

In seguito, ha lavorato come tipografo per l'azienda di famiglia, The Junction City Times, un settimanale. Quando è stato venduto, possedeva e gestiva la McKinley Printing.

È stato attivo negli anni della formazione del Festival Scandinavo e ha fatto parte della commissione urbanistica. Apparteneva alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, al Lions Club e allo Shadow Hills Country Club.

I suoi interessi includevano lo sci, la caccia, la pesca e il golf. Era un fedele fan degli UO Ducks, in particolare di calcio e basket maschile e femminile.

I sopravvissuti includono sua moglie quattro figli, Brian di Eugene e Steve, Scott e David, tutti di Junction City due figlie, Lori McKinley di Eugene e Sheila Mullins di Junction City una sorella, Marilyn Anderson di Portland e quattro nipoti. Una figlia gemella, Libby, morì il 17 aprile 1968.

Il servizio dell'8 marzo sarà alle 15:00. presso la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni a Junction City. Seguirà un ricevimento presso lo Shadow Hills Country Club. La sepoltura era privata al West Lawn Memorial Park a Eugene. La cappella funeraria Murphy-Musgrove a Junction City si occupa degli arrangiamenti.

McKinley è nato il 29 gennaio 1930 a Huron, S.D., da Carmi e Jennie Mae Edwards McKinley. Ha sposato Norma Lamoreaux a Eugene il 18 settembre 1953.

Ha vissuto ad Albany e McMinnville prima di trasferirsi a Junction City nel 1946. Si è diplomato alla Junction City High School, dove ha giocato a basket e baseball ed è stato un quarterback nella squadra di football.

Ha frequentato l'Università dell'Oregon e ha prestato servizio nell'esercito degli Stati Uniti presso il Presidio di San Francisco.

Successivamente, ha lavorato come tipografo per l'azienda di famiglia, The Junction City Times, un settimanale. Quando è stato venduto, possedeva e gestiva la McKinley Printing.

È stato attivo negli anni della formazione del Festival Scandinavo e ha fatto parte della commissione urbanistica. Apparteneva alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, al Lions Club e allo Shadow Hills Country Club.

I suoi interessi includevano lo sci, la caccia, la pesca e il golf. Era un fedele fan degli UO Ducks, in particolare di calcio e basket maschile e femminile.

I sopravvissuti includono sua moglie quattro figli, Brian di Eugene e Steve, Scott e David, tutti di Junction City due figlie, Lori McKinley di Eugene e Sheila Mullins di Junction City una sorella, Marilyn Anderson di Portland e quattro nipoti. Una figlia gemella, Libby, morì il 17 aprile 1968.

Il servizio dell'8 marzo sarà alle 15:00. presso la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni a Junction City. Seguirà un ricevimento presso lo Shadow Hills Country Club. La sepoltura privata era al Rest Lawn Memorial Park a Junction City.

Oltre a suo marito, che era nel commercio di generi alimentari qui ea Springfield per molti anni. La signora McKinney lascia una figlia, la signora Rosie M. Stewart di Redondo Beach, Cal. due figli, Wendell McKinney e Ivan B. McKinney di Portland, suo padre, J. J. Browning di San Pedro, e una sorella, la signora W. C. Myers di Hayden Bridge. Era un membro della chiesa cristiana.

COTTAGE GROVE, 19 agosto - (Speciale) - La signora Sophia E. McKinney, che era stata residente in questa contea per gran parte della sua vita, è morta martedì a casa di sua figlia, la signora Basil Parker di Dexter. Era stata in cattive condizioni di salute per diversi mesi e il cancro allo stomaco era la causa della morte. Aveva 84 anni, due mesi e un giorno.

I funerali si terranno mercoledì pomeriggio alle 3 nella chiesa metodista e l'internamento è stato nel cimitero di McFarland.

Il nome da nubile della signora McKinney era Sophia E. Tibbetts ed è nata nell'Indiana il 16 giugno 1842. Ha attraversato le pianure con i suoi genitori nel 1852 quando aveva 10 anni. La famiglia si stabilì a Portland, per poi trasferirsi a Oakland, dove si stabilirono una donazione fondiaria. Suo padre era uno dei predicatori metodisti pionieri di questo paese. La signora McKinney era sposata con James L. McKinney nel 1859.

McLean è nato il 15 febbraio 1914 a Coalville, nello Utah, da Charles e Reva Ball McLean. Sposò Ethel Hooper a Ogden, nello Utah, il 4 settembre 1936.

Si è diplomato alla Weber High School di Ogden e si è trasferito a Eugene nel 1942. Ha lavorato come meccanico per la ferrovia del Pacifico meridionale fino al suo pensionamento nel 1975.

Era un radioamatore e un appassionato di sport e si divertiva anche a pescare. Era un membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, Secondo Rione di Santa Clara, e ha lavorato nel tempio di Portland della chiesa per nove anni.

I sopravvissuti includono sua moglie una figlia, Anita Bliss di Eugene un figlio, Jim di Eugene un fratello, Carl di Blackfoot, Idaho una sorella, Ruela Clarke di Ogden sette nipoti 13 pronipoti e tre pronipoti.

George Nathan McLean, 93 anni, residente a vita nella contea di Lane e fondatore di un'agenzia di assicurazioni di Eugene, è morto domenica sera a Eugene.

McLean, che si è ritirato dalla McLean-Sanders Insurance Agency circa 20 anni fa, era l'ultimo membro sopravvissuto degli Octogenarians, un gruppo di cantanti di anziani conosciuti in tutto l'Oregon.

I funerali avranno luogo mercoledì pomeriggio a Eugene.

McLean, figlio di coloni pionieri nell'area di Camp Creek, nacque lì il 1 gennaio 1869. Aveva una fattoria a Camp Creek fino all'inizio del 1900, quando si trasferì a Eugene ed entrò nel settore immobiliare con la ditta di Miller -McLean.

Negli anni '20, fondò la compagnia di assicurazioni ora conosciuta come McLean-Sanders.

Era un membro della Chiesa Battista, Eugene Masonic Lodge No. 11, l'Ordine della Stella d'Oriente, Elks Lodge No. 357, l'Eugene Gleemen e vari altri gruppi.

Ha cantato con i Gleemen per più di 10 anni.

Nel 1895 sposò Agnes Millican, che morì nel 1958. I sopravvissuti includono un figlio, Mac M. McLean di Eugene, e diverse nipoti.

McLeod è nato il 4 gennaio 1913 a Osage City, Kan., da Jack e Rosalie Smith McLeod.

Ha sposato Genevieve Forge a San Diego il 4 luglio 1938.

Si è diplomato alla Clarkston High School di Clarkston, nello stato di Washington, e ha frequentato il college a Lewiston, nell'Idaho. McLeod è stato un aviatore navale di 30 anni di carriera. Si trasferì in zona nel 1963.

Gli piaceva creare gioielli, fare giardinaggio e fare volontariato al Willamalane Senior Center. McLeod era un membro di Eugene Elks e della Silver Eagles Association e membro a vita della Masons and Retired Officers Association.

I sopravvissuti includono sua moglie un figlio, Norman di Kingsville, Texas, una figlia, Sylvia Donoho di Springfield un fratello, Ivan di Spruce Pine, NC cinque nipoti e sette pronipoti.

La cerimonia commemorativa si terrà alle 13:00. 19 giugno alla Buell Chapel di Springfield. American Burial & Cremation Alternatives a Springfield si occupa degli arrangiamenti.

McMahan è nato il 30 settembre 1937 a Yachats da Jack ed Elaine Emmons McMahan. Ha vissuto a Portland, Grants Pass, Salem e Creswell prima di trasferirsi a Eugene nel 1980.

I suoi interessi includevano la pesca e le corse automobilistiche. Gli piaceva anche giocare a basket e softball della City League e frequentava la Immanuel Baptist Church a Springfield.

I sopravvissuti includono la sua compagna di vita, Cathy Barton cinque figli, Lester dell'Oregon, Gary di Creswell, Tim e Jeff, entrambi di Eugene, e Mark di Cottage Grove quattro figlie, Sherry McMahan del Libano, Twila McMahan di Albany, Diana McMahan di Eugene e Shaldamar McMahan quattro fratelli, Jerry Lee di Creswell, David Bachelder di Warrenton, Mo., Neal Bachelder di North Bend, Washington, e Dale Bachelder di Montana tre sorelle, Ila Cannaday di Springfield, Barbara Williams di Castle Rock, Colo., e Rebecca Bachelder di Seattle e 23 nipoti.

Il servizio di oggi sarà alle 12:30. alla chiesa battista di Immanuel a Springfield. Il servizio funebre sarà alle 13:00. Mercoledì allo Yachats Memorial Park. La Chapel of Memories Funeral Home di Eugene si occupa degli allestimenti.

La signora Patience McMaster è morta il 17 marzo a Salem all'età di 78 anni.

I funerali si terranno giovedì 19 marzo alle 14. presso la chiesa Lowell con sepoltura nel cimitero Lowell. Il Rev. Bert McIntyre officierà e la cappella di Branstetter si occupa degli arrangiamenti.

McMillan è nato il 22 settembre 1953 a Cottage Grove, da Danny R. McMillan e Kay Maricle.

Ha frequentato la Tillamook High School e la Church High School di Eugene. Ha lavorato come assistente infermieristico certificato in diverse strutture di assistenza locali. Ha completato il programma di macchinista al Lane Community College e ha lavorato come macchinista alla Pacific Wood Systems. McMillan era un battista. Gli piaceva la pesca, gli sport professionistici e armeggiare con le auto. Gli è piaciuto particolarmente il suo cane.

I sopravvissuti includono la sua compagna di vita di sette anni, Becky Smith, suo padre di Hawthorne, Nev. sua madre e suo patrigno, Wil Maricle di Eugene un fratello, Eric di Turlock, California e una sorella, Suzanne Davis di Taylors, S.C.

Il servizio di giovedì sarà alle 13:30. al Rest-Haven Memorial Park & Funeral Home a Eugene. La sepoltura sarà al Rest-Haven Memorial Park.

McMullin è nato il 18 dicembre 1908 a Salem da William ed Ellen Runyon Wechter. Ha conseguito una laurea in economia.

Ha sposato Merl McMullin a Salem il 2 ottobre 1931. Morì il 23 maggio 1999.

McMullin ha vissuto a Salem, Springfield ed Eugene prima di trasferirsi a Veneta. Ha lavorato 15 anni come governante esecutiva in vari hotel.

I suoi interessi includevano birdwatching, viaggi, giardinaggio e balli quadrati.

I sopravvissuti includono un figlio, Hugh di Medford una figlia, Joan DeCamara di Vancouver, Washington, quattro nipoti e otto pronipoti. Una figlia, Linda McMullin, morì nel 1957.

Il servizio di sabato sarà alle 14. al cimitero di Greenwood a Leaburg. L'impresa di pompe funebri Poole-Larsen di Eugene si occupa degli allestimenti.

McMurray è nato il 6 settembre 1914 a Thief River Falls, Minnesota, da Christ e Clara Evenson.

Ha sposato James McMurray a Thief River Falls il 6 novembre 1937. Morì l'11 febbraio 1996.

McMurray si trasferì a Walterville nel 1938. Lavorò molti anni presso Agripac prima di ritirarsi nel 1978.

I suoi interessi includevano il campeggio, i viaggi e la caccia alla roccia. Le piaceva anche giocare a bingo e visitare Reno, Nevada, con i suoi amici.

McMurray era un membro del Thurston Grange and the Teamsters, Local 656. Ha frequentato la Thurston Christian Church.

I sopravvissuti includono una figlia, Karen Jones di Springfield due figli, Don di Springfield e James di Seattle due sorelle, Anne Borgaard e Mayme Aune quattro nipoti e cinque pronipoti.

Il servizio di martedì sarà alle 13:00. al cimitero di Mount Vernon a Springfield. Buell Chapel a Springfield si occupa degli arrangiamenti.

Il signor McMurren è morto in un ospedale locale il 4 gennaio.

Residente a Springfield negli ultimi 17 anni, è nato a Van Wyck, Idaho, il 18 marzo 1892 ed è stato sposato con Goldie Keys a Cascade, Idaho, il 20 aprile 1920.

Il signor McMurren era un veterano della prima guerra mondiale, in servizio nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

I funerali si sono svolti lunedì a Sweet Home per un ex residente di Eugene, Glenn Fielden McMurry, figlio di una famiglia di pionieri di Eugene.

McMurry, 71 anni, è morto giovedì all'ospedale Veterans Administration di Vancouver, nello stato di Washington. L'inumazione sarà martedì alle 11 al Willamette National Cemetery, a Portland.

McMurry è nato a Eugene il 9 gennaio 1890 e ha vissuto a Eugene fino al 1906. Ha vissuto a Sweet Home negli ultimi 20 anni. Era un veterano della prima guerra mondiale ed era un membro della Chiesa avventista del settimo giorno di Sweet Home.

McNatt è nato il 5 maggio 1917 a Daisy, Okla., da Albert e Rita Weatherd McNatt. Sposò Bobbie Yarbrough a Menard, in Texas, il 31 luglio 1937.

Si è trasferito da McMinnville a Creswell nel 1954 e ha lavorato per la Georgia Pacific Railroad a Junction City come selezionatore per 28 anni. Gli piaceva dipingere paesaggi, pescare e costruire le sue canne da pesca.

I sopravvissuti includono sua moglie tre figli, Tony di Cottage Grove, Tom di Firenze e John di La Pine due fratelli, Hubert di Eugene e Jesse di Creswell due sorelle, Louise Purdue di Creswell e Billie Vaughn di Sweet Home cinque nipoti 13 pronipoti e due bis-bis-nipoti. Un nipote, Joseph McNatt, morì nel 1991.

Non sono previsti servizi. Inurnment sarà a Lane Memorial Gardens & Funeral Home a Eugene.

I suoi interessi includevano l'artigianato, la stampa su gomma e lo studio della Bibbia. Era un membro dello Springfield Faith Center e apparteneva alla PEO Sisterhood e alle associazioni dietetiche dello stato americano e di Washington.

I sopravvissuti includono suo marito sua madre, Phyllis DuShane di Eugene sua nonna, Marie Jacobson di Portland quattro sorelle, Kathleen Callicrate di Lakeview, Karen Neimyer di Salem, Krista Thompson di Medford e Karlyn DeBow di Eugene e cinque fratelli, Karl Jacobson di Salem, Kraig Jacobson e Kirk Jacobson, entrambi di Eugene, Kent Jacobson di Beaverton e Kris Jacobson di Medford.

Il servizio di martedì sarà alle 13:00. al Centro Fede di Springfield. Inurnment sarà privato. L'obitorio della famiglia Musgrove a Eugene si occupa degli arrangiamenti.

McNeil è nato il 21 novembre 1952 a Roseburg. Ha vissuto a Eugene per 12 anni.

Ha servito quattro anni nell'Air Force e 16 anni nella Air National Guard.

McNeil ha sposato Linda Schoonmakei a Portland nel 1978.

Ha lavorato come addetto alla conformità del carburante diesel per l'Internal Revenue Service.

I suoi interessi includevano la caccia, il campeggio e il golf.

I sopravvissuti includono sua moglie suo padre, Ervin McNeil di Eugene una figlia, Keeley e due figli, Tim e Andy, tutti di Portland un fratello, David di Eugene due sorelle, Louise Whitman di Eugene e Carolyn Bondy di Springfield e un nipote.

COTTAGE GROVE, 17 aprile - (Speciale) - Doyle McNew, figlio di Mr. e Mrs. C. McNew, è morto [?] mattina in questa città. Era uno studente al liceo.

McNurlin è nato il 22 luglio 1949 a Unionville, Mo., da Thomas e Twilah Brummitt McNurlin. Ha sposato Corina Holt il 29 dicembre 1990 a Springfield.

Ha servito nella Marina degli Stati Uniti durante la guerra del Vietnam, di stanza al largo della costa vietnamita. Si è trasferito in Oregon dal Missouri nel 1968 e ha lavorato come impiegato di spedizione per la Borden Chemical Co. per 22 anni.

Era un membro della Moose Lodge e un ex membro dei Veterans of Foreign Wars. I suoi hobby includevano la pesca e la ricerca dell'oro.

I sopravvissuti includono sua moglie e quattro fratelli, Ronald di Veneta, Roger di Cornelius e Albert e Lanny, entrambi di Eugene.

Il servizio di venerdì sarà alle 10 presso la Buell Chapel a Springfield.

McNURLIN - Twilah McNurlin, 65 anni, di Eugene, è morta il 6 marzo. Buell Chapel, Springfield, responsabile degli allestimenti.

Venerdì pomeriggio è stata condotta un'inchiesta dal coroner Veatch sui resti di James M. McPherson, morto cinque minuti dopo aver avuto un alterco con Delbert Bucknum, un collega impiegato presso la segheria Booth-Kelly mercoledì pomeriggio, con il risultato che la giuria scoprì che nessuno era responsabile della sua morte. La testimonianza dei testimoni oculari del disturbo esonerava Bucknum da ogni colpa. L'inchiesta è stata fatta su richiesta dei membri della famiglia McPherson per fugare ogni dubbio in merito.

Il giorno successivo alla morte di McPherson, i membri della famiglia hanno consultato il coroner Veatch e il procuratore distrettuale Devers in merito a un'inchiesta. Entrambi i funzionari hanno sconsigliato di avviare un'inchiesta poiché la dichiarazione dei testimoni presa subito dopo la morte di McPherson ha mostrato che è morto per cause naturali, ma un fratello del defunto ha deciso che doveva essere condotta un'inchiesta ufficiale, ritenendo che potessero essere forniti dettagli fuori che all'inizio mancavano.

Durante l'inchiesta furono esaminati James Casteel, Norman Howard, C. A. Hoag, il dottor Rebhan, il dottor Mortensen e altri testimoni. La testimonianza era sostanzialmente quella data al medico legale subito dopo la morte. Il certificato era il seguente:

Noi della giuria incaricata e debitamente giurata da Marion Veatch, medico legale di Lane County, Oregon, di indagare sulla morte di James M. McPherson, scopriamo che è morto per cause naturali e che nessuno è ritenuto responsabile della morte che avvenuta il 15 dicembre 1915.

McPherson è nato il 19 luglio 1922 a Lewiston, nell'Idaho, da Lee ed Eunice Wade McPherson. Ha sposato Ellen Bosserman a Clarkston, nello stato di Washington, nel 1945.

È cresciuto a Lewiston, dove si è diplomato al liceo. Ha servito nella Guardia Costiera per tre anni in Alaska durante la seconda guerra mondiale.

McPherson possedeva e gestiva due supermercati a Clarkston e Lewiston per 25 anni. Ha lavorato come venditore di rotte per Blue Bell a Portland prima di ritirarsi e trasferirsi a Springfield nel 1985.

Gli piaceva cantare e frequentare la chiesa. Gli piaceva soprattutto passare il tempo con la sua famiglia. McPherson era un membro della Christian & Missionary Alliance Church di Eugene.

I sopravvissuti includono sua moglie due figli, Ed di Richland, Washington, ed Ernie di Coburg due figlie, Carolyn di Clarkston e Joyce di Bothell, Washington. due fratelli, Vernon di Leavenworth, Washington, e Paul di Clarkston 13 nipoti e quattro grandi -nipoti.

Informazioni tra parentesi [ ] si basa su altre fonti esterne e non era presente nella fonte originale.


Maccartismo oggi significa negare il giusto processo e le libertà civili

Oggi, maccartismo è sinonimo di qualsiasi attività governativa percepita che sopprime le opinioni politiche o sociali sfavorevoli limitando o minando i diritti e le libertà civili vitali con il pretesto di mantenere la sicurezza nazionale. Come capito, è un mezzo di molestia del governo che include la lista nera con l'intento di fare pressione sulle persone affinché seguano le credenze politiche popolari. Pertanto, chiunque faccia accuse non sufficientemente sostenute o si impegni in indagini squilibrate contro persone nel tentativo di zittirle o screditarle si dice che pratichi il maccartismo. Questa pratica in effetti rappresenta sia un diniego del giusto processo sia una violazione fondamentale delle libertà civili, violando così il primo e il quattordicesimo emendamento alla Costituzione.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha fatto riferimento al maccartismo in molte delle sue decisioni del Primo Emendamento. Ad esempio, la Corte ha spiegato nella decisione sul filtro delle biblioteche, Stati Uniti contro l'Associazione delle biblioteche americane (2003), che l'American Library Association ha adottato il suo Library Bill of Rights in risposta al maccartismo.

Il giudice William O. Douglas era un critico coerente del maccartismo. Ha criticato specificamente il fenomeno nella sua opinione concordante nella decisione di libera espressione dello studente universitario Healy v. James (1972) e nel suo parere concorrente nella decisione politica sulla radiodiffusione Columbia Broadcasting System contro Comitato Nazionale Democratico (1973).

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel 2009. Il Dr. Marc G. Pufong è uno specialista in diritto pubblico e professore di politica, diritto pubblico e tribunali presso la Valdosta State University. L'interesse didattico e di ricerca del Dr. Pufong si concentra sul diritto costituzionale e sulla politica giudiziaria, sul diritto e sulla politica internazionale, sui diritti umani e sui conflitti. È anche coautore di tre libri tra cui Georgia State Politics: The Constitutional Foundations, 7a edizione (2016) con Lee M. Allen e Researching Constitutional Law, 4a edizione (2013) con Albert P. Melone.


Scarica Beautiful America's Atlanta fb2, epub

ISBN: 0898026660
Autore: Dennis Eugene Engleman
Lingua: inglese
Editore: Beautiful Amer Pub Co (1 luglio 1996)
Pagine: 112
Categoria: Americhe
sottocategoria: Storia
Valutazione: 4.7
Voti: 182
Taglia Fb2: 1980 kb
Dimensione ePub: 1293 kb
Dimensione Djvu: 1788 kb
Altri formati: doc txt doc rtf

Bellissimo libro di Atlanta in America.

Bellissimo libro di Atlanta in America. Dettagli (se altro): Annulla.

di Dennis Eugene Engleman. Editore: Beautiful America Publishing Company. 30 libbre. Dimensioni: 0. Seleziona Formato: Copertina rigida. Americhe Arte, musica e fotografia East South Central History Photography South State & Local Travel World.

Dennis Eugene Engleman, ingegnere elettrico americano. Avocazioni: musica popolare, fotografia. M C. Direttore della St. Cyril's Village Orchestra, membro 1987-1991 dell'Atlanta Balalaika Society Orchestra, 1984-1987 membro dell'Atlanta Mandolin Society Orchestra, dal 1994 presidente Christian Cmty.

Francis Xavier Waldron (10 agosto 1905 – 31 gennaio 1961), meglio conosciuto con lo pseudonimo di Eugene Dennis e Tim Ryan, è stato un politico e sindacalista statunitense.

Francis Xavier Waldron (10 agosto 1905 – 31 gennaio 1961), meglio conosciuto con lo pseudonimo di Eugene Dennis e Tim Ryan, è stato un politico comunista americano e organizzatore sindacale, ricordato soprattutto come il leader di lunga data del Partito Comunista USA e come parte nominata in Dennis v. United States, un famoso caso della Corte Suprema dell'era McCarthy. Francis Xavier Waldron è nato il 10 agosto 1905 a Seattle, Washington

Spiacenti, non sono state trovate citazioni per Dennis Eugene Engleman. Dennis Eugene Engleman.

Spiacenti, non sono state trovate citazioni per Dennis Eugene Engleman.

Libro di Engleman, Dennis Eugene. Beautiful America's Orange County EAN 9780898026627. Intrattenere con Betsy Bloomingdale: una raccolta di consigli culinari e tesori dai migliori hostess e hostess del mondo EAN 9780898026337. Il mistero di Melody: El Misterio De Melodia (serie Rivendell nature) EAN 9780898026047. Cal 98 California EAN 9780898026856. Cal 98 Seattle EAN 9780898026887. Bella America's Wyoming EAN 978089802. 33 руб. Contattaci. Non vendiamo né produciamo né forniamo. Entrando Dennis: poesie di Dennis Rhodes. Difesa del diavolo Opere raccolte di Eugene Halliday. Correlati epub fb2 eBook: Hablik, 1881-1934: Designer, architetto utopico, espressionista (catalogo). Le ultime commedie di Eugene O'Neill. Casi di finanza manageriale. Coraggio di cambiare: conversazione personale sull'alcolismo con Dennis Whole. Dennis la minaccia e il suo amico Joey. Dio secolarizzazione e storia. Dennis la minaccia: Happy Half-Pint

Nessuna conversazione corrente di Talk su questo libro.

Il tuo amico, Dennis Engleman, non posso iniziare a descrivere il potere dell'esperienza che . Whole Foods Market Il negozio di alimentari più sano d'America. Withoutabox Invia ai festival cinematografici.

Il tuo amico Dennis Engleman non posso iniziare a descrivere il potere dell'esperienza che segue, ma basti dire che riceve un "dono. Trovare la speranza e la fede che erano state perse molto tempo fa. Quando ho preso in mano questo libro, ho pensato è stato progettato per essere letto ad alta voce ai bambini, ma i genitori (o qualsiasi adulto) dovrebbero davvero leggerlo prima. L'autore di questo piccolo libro, Dennis Engleman, ha visitato la tomba di San Nicola a Bari, in Italia, ed è stato chiaramente oggetto di un miracoloso intervento di San Nicola.


Celebrazioni storiche dell'emancipazione

In Oregon, i legislatori hanno votato all'unanimità il 1° giugno per riconoscere il giorno come festa di stato a partire dal 2022, ma i neri dell'Oregon hanno celebrato la loro libertà sin dall'inizio, ha spiegato Zachary Stocks, direttore esecutivo degli Oregon Black Pioneers.

"I giornali hanno riportato un primo raduno a Salem nel 1867, a cui hanno partecipato i famosi pionieri neri Cora Cox di Brownsville, Ben Johnson della contea di Jackson e Amanda Gardiner di Albany", ha detto Stocks.

Regalata a Lydia Corum come regalo di nozze dopo il suo matrimonio con Anderson Deckard, Gardiner venne per la prima volta in Oregon nel 1853 dopo che i Deckard decisero di trasferirsi nello stato. Johnson era sulla stessa carovana.

Dopo essere stato liberato, Gardiner si trasferì ad Albany nel 1858 e si assicurò un lavoro presso il J.H. Casa adottiva. Si riunì con Johnson alla celebrazione di Salem del 1867 e la coppia si sposò tre anni dopo. Secondo gli archivi di stato, Johnson divenne un importante fabbro ad Albany e la coppia trascorse il resto della loro vita all'angolo tra Elm Street e 7th Avenue SW ad Albany.

Stocks ha aggiunto che poiché il proclama di emancipazione è entrato in vigore il giorno di Capodanno del 1863, il "giorno dell'emancipazione" è stato celebrato più spesso il 1 gennaio in Oregon.

Un ritaglio del Weekly Oregon Statesman pubblicato il 4 gennaio 1871 cita il Bend Bulletin che afferma che "le persone di colore di Portland devono celebrare adeguatamente il loro giorno di emancipazione".

E nell'Oregon Daily Journal del 2 e 3 gennaio 1911, il giornale riportava di una celebrazione dell'anniversario della proclamazione di emancipazione tenutasi presso l'auditorium dell'YMCA in Oregon.

"Gli afroamericani di Portland e dell'Oregon celebreranno il giorno dell'emancipazione il 2 gennaio", si legge sul giornale. "Il governatore eletto Oswald West ha accettato di essere presente e il comitato è molto soddisfatto della promessa in quanto sarà la prima volta che un governatore della costa del Pacifico terrà un discorso nel giorno dell'Emancipazione".

La celebrazione includeva anche i discorsi del deputato eletto A.W. Lafferty e Lou Dawley, secondo l'Oregon Daily. Inoltre, secondo quanto riferito, gli inviti sono stati estesi ai circa 2000 residenti neri della contea di Multnomah in quel momento, così come ad altri residenti neri nelle contee vicine.

Altri giorni, tuttavia, venivano celebrati anche come Giornata dell'Emancipazione.

"Almeno una volta, la festa è stata celebrata ad agosto", ha detto Stocks.

&ldquoSalem ha solo una piccola popolazione di colore, ma ogni lustrascarpe è di proprietà o gestito da un uomo di colore. Erano tutti chiusi ieri e celebravano il giorno dell'emancipazione in omaggio alla liberazione degli schiavi africani negli Stati Uniti", riferì lo Statesman Journal il 5 agosto 1920.

Juneteenth non è stato ampiamente celebrato in Oregon fino a più tardi.

"È stato fino a quando il boom del lavoro industriale della seconda guerra mondiale ha portato migliaia di lavoratori e famiglie neri dal sud che la commemorazione del Texas di Juneteenth è stata ampiamente presentata agli abitanti dell'Oregon", ha affermato Stocks. "Da lì, la festa è cresciuta grazie alla leadership di Clara Peoples e Juneteenth Oregon, diventando infine lo stato, insieme alla nazione, unica data in cui segneremo la fine dell'era della schiavitù americana."

Peoples, una lavoratrice dei Kaiser Shipyards di Portland, si trasferì nello stato nel 1945 e si rese conto che le celebrazioni del Juneteenth con cui era cresciuta a Muskogee, in Oklahoma, erano sconosciute in Oregon.

Nello stesso anno, ha introdotto la tradizione ai colleghi e ha chiesto del tempo durante la pausa per celebrare la giornata. Anni dopo, ha contribuito a dare inizio alla celebrazione annuale del Juneteenth di Portland nel 1972.


Tutti i loghi sono marchi e proprietà dei rispettivi proprietari e non di Sports Reference LLC. Li presentiamo qui per scopi puramente educativi. Il nostro ragionamento per presentare loghi offensivi.

I loghi sono stati compilati dal fantastico SportsLogos.net.

Copyright e copia 2000-2021 Sports Reference LLC. Tutti i diritti riservati.

Gran parte delle informazioni play-by-play, dei risultati del gioco e delle transazioni, mostrate e utilizzate per creare determinati set di dati, sono state ottenute gratuitamente da RetroSheet e sono protette da copyright.

Calcoli di Win Expectancy, Run Expectancy e Leverage Index forniti da Tom Tango di InsideTheBook.com e coautore di The Book: Playing the Percentages in Baseball.

Valutazione totale della zona e struttura iniziale per le vittorie sopra i calcoli di sostituzione forniti da Sean Smith.

Statistiche storiche della Major League per l'intero anno fornite da Pete Palmer e Gary Gillette di Hidden Game Sports.

Alcune statistiche difensive Copyright © Baseball Info Solutions, 2010-2021.

Alcuni dati del liceo sono per gentile concessione di David McWater.

Molti colpi alla testa di giocatori storici per gentile concessione di David Davis. Molte grazie a lui. Tutte le immagini sono di proprietà del titolare del copyright e vengono visualizzate qui solo a scopo informativo.


Guarda il video: Dennis v. United States Case Brief Summary. Law Case Explained


Commenti:

  1. Voodoojas

    Argomento infinito

  2. Gagrel

    Certamente. Quindi succede.



Scrivi un messaggio