Porta di Brandeburgo: una breve storia

Porta di Brandeburgo: una breve storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ottobre 1806: Napoleone ruba una statua
Costruita tra il 1788 e il 1791 dal re prussiano Federico Guglielmo II come punto di accesso chiave alla città di Berlino, la Porta di Brandeburgo era sormontata da una statua conosciuta come la "Quadriga", che raffigurava una statua della dea della vittoria alla guida di un carro trainato da da quattro cavalli. La statua rimase al suo posto per poco più di un decennio, prima di cadere nelle grinfie di Napoleone Bonaparte e della sua Grande Armata. Dopo aver occupato Berlino quella caduta e marciando trionfalmente sotto gli archi della Porta, Napoleone ordinò che la Quadriga fosse smantellata e rispedita a Parigi. Il cavallo e la dea furono imballati frettolosamente in una serie di casse e trasferiti attraverso il continente. Napoleone, forse preoccupato per lo sgretolamento del suo impero di recente costituzione, sembra aver dimenticato la statua e languiva nei depositi fino al 1814, quando la stessa Parigi fu catturata dai soldati prussiani in seguito alla sconfitta di Napoleone. La Quadriga fu restituita a Berlino e ancora una volta installata in cima alla Porta di Brandeburgo, questa volta con una modifica: come simbolo della vittoria militare della Prussia sulla Francia, alla statua fu aggiunta una croce di ferro. La croce fu successivamente rimossa durante l'era comunista e restaurata definitivamente solo nel 1990 durante l'unificazione della Germania.

Gennaio 1933: Hitler sale al potere
Dopo una fulminea ascesa al potere alla testa del suo partito nazista e una lotta di potere con il presidente tedesco Paul von Hindenburg, Adolf Hitler fu nominato cancelliere il 30 gennaio 1933. Quella sera, il nuovo cancelliere fu trattato con una fiaccolata processione attraverso Berlino, mentre migliaia di assaltatori in camicia marrone e membri delle SS passavano sotto la Porta di Brandeburgo al palazzo presidenziale, dove venivano acclamati Hitler e membri di alto rango del partito nazista. Fu il primo di molti eventi di propaganda su larga scala tenuti dai nazisti mentre rafforzavano il loro controllo sulla Germania negli anni precedenti la seconda guerra mondiale. La fine della guerra distrusse gran parte di Berlino, ma la Porta di Brandeburgo sopravvisse, sebbene con gravi danni. In una delle ultime misure di cooperazione prima dell'erezione del muro di Berlino nel 1961, le autorità di Berlino Est e Ovest hanno lavorato insieme al suo restauro. Una volta innalzato il muro, tuttavia, l'accesso alla Porta, situata nell'attuale Berlino Est, fu interrotto.

Giugno 1963: “Sono un berlinese”
Quasi due anni dopo l'erezione del muro di Berlino, John F. Kennedy tenne uno dei discorsi più famosi della sua presidenza a una folla di oltre 120.000 persone radunate davanti al municipio di Berlino Ovest, a pochi passi dalla Porta di Brandeburgo. Come Ronald Reagan dopo di lui, il discorso di Kennedy è stato largamente ricordato per una frase in particolare. Nel caso di Kennedy, era in tedesco, tedesco poco parlato, secondo alcuni. Kennedy aveva provato una variazione della frase "Io sono un berlinese" in un discorso precedente, e ha lavorato sui passaggi tedeschi con i suoi autori di discorsi e traduttori del Dipartimento di Stato per garantire la pronuncia corretta, arrivando al punto di scrivere foneticamente le frasi forse difficili . Nei 50 anni trascorsi dal discorso di Kennedy, i linguisti tedeschi sono intervenuti nel dibattito, insistendo sul fatto che la grammatica del presidente era essenzialmente corretta e che contrariamente alla credenza popolare, non ha cercato di trasformare un momento della Guerra Fredda in uno culinario annunciando erroneamente a la folla, "Sono una ciambella di gelatina".

Giugno 1987: La linea che quasi non si è verificata
Ronald Reagan aveva già visitato Berlino durante la sua presidenza, nel giugno 1982, quando si rivolse ai dignitari della Germania occidentale e a una folla fuori dal palazzo di Charlottenburg, affermando il sostegno dell'America alla città di Berlino e alla sua gente. Cinque anni (e tre leader sovietici dopo), Reagan si preparò a tornare a Berlino Ovest per celebrare il 750° anniversario della città. Gli anni precedenti avevano visto un'escalation della retorica da entrambe le parti (con Reagan che si riferiva notoriamente all'URSS come un "Impero del Male"), ma anche i primi notevoli "disgeli" nella Guerra Fredda in quasi un decennio, incluso il Vertice di Reykjavik a L'Islanda l'anno prima e i negoziati in corso che sarebbero sfociati in un trattato sulle armi alla fine del 1987. Sebbene la paternità della linea più famosa del discorso di Berlino del 1987 rimanga controversa, non c'è dubbio che i consiglieri di Reagan fossero quasi altrettanto profondamente divisi sull'opportunità o meno di usare il parole potenzialmente infiammatorie, come lo era la città di Berlino. Alcuni temevano di inimicarsi il leader sovietico Mikhail Gorbaciov, con il quale Reagan aveva instaurato un proficuo rapporto di lavoro. Altri della squadra di Reagan, timorosi di accuse secondo cui l'amministrazione era diventata "morbida", sostenevano che era giunto il momento per una sfida a tutto campo ai comunisti. L'avanti e indietro sul testo continuò per quasi un anno, ma alla fine Reagan prese la decisione finale di mantenere la linea e il 12 giugno 1987 si rivolse non solo alla folla di oltre 20.000 persone riunite alla Porta di Brandeburgo stesso, ma milioni di ascoltatori negli Stati Uniti, nell'Unione Sovietica e in tutto il mondo, che chiedono a gran voce a Gorbaciov di "abbattere questo muro".

Dicembre 1989: Lenny conquista Berlino
Uno dei momenti più emotivamente carichi nella storia della Porta di Brandeburgo ha coinvolto musicisti, non politici. Poche settimane dopo l'apertura del muro di Berlino nel novembre 1989, il direttore d'orchestra americano Leonard Bernstein tenne una serie di concerti nelle sale da musica su entrambi i lati del famoso spartiacque. Alla guida di un'orchestra internazionale composta da musicisti provenienti dai quattro paesi che avevano occupato Berlino dopo la fine della seconda guerra mondiale (Francia, Regno Unito, Stati Uniti e Unione Sovietica, che sarebbe crollata a sua volta solo due anni dopo), entrambi i concerti hanno visto esecuzioni della Nona Sinfonia di Beethoven. Bernstein, tuttavia, desideroso di onorare l'importante cambiamento storico in atto, apportò un cambiamento cruciale al famoso movimento finale dell'opera, noto come "Inno alla gioia". Modificando il testo originale del XVIII secolo del poeta Friedrich Schiller, Bernstein sostituì la parola tedesca Freiheit con la parola Freude e guidò un gruppo di cantanti di due importanti cori della Germania orientale e occidentale in un'interpretazione emotiva di quella che ora era l'"Inno alla libertà". " Il primo dei due concerti, tenutosi a Berlino Ovest, si è concluso alla mezzanotte del 23 dicembre, nello stesso momento in cui il muro di Berlino è diventato definitivamente e completamente aperto; la seconda si è tenuta due giorni dopo, la mattina di Natale, a Berlino Est. Entrambi i concerti sono stati trasmessi a decine di migliaia di spettatori riuniti alla Porta di Brandeburgo e in tutte le due Berlino, e sono stati i primi eventi televisivi trasmessi sia nella Germania orientale che occidentale in più di 30 anni.


Berlino: la capitale della Prussia

Nel 1688, durante il periodo di Friedrich Wilhelm, poco dopo la Guerra dei Trent'anni, e un secolo prima della costruzione della Porta di Brandeburgo, Berlino era una piccola città fortificata a forma di stella. L'accesso a Berlino era possibile solo attraverso le seguenti porte, la Porta di Spandau, la Porta di San Giorgio, la Porta di Stralower, la Porta di Kőpenick, la Porta Nuova o la Porta di Lipsia. Pezzo relativo, una politica di tolleranza religiosa e lo status di capitale del Regno di Prussia facilitarono la crescita della città.


Breve storia

Nel 1800, la Porta di Brandeburgo era una delle porte della città di Berlino, che conduceva fino al Palazzo Reale prussiano lungo il Sotto den Linden Avenue. La struttura in arenaria, costruita alta e possente e ornata con una scultura di dea alata a cavallo di una quadriga, fu modellata sui Propilei costruito dagli antichi greci come porta d'accesso all'Acropoli di Atene. Il cancello misura 26 m di altezza, 65,5 m di larghezza e vanta pareti fino a 11 m di spessore. Le due versioni più piccole, su entrambi i lati, servivano all'epoca come corpi di guardia. Questa era solo una delle 18 porte costruite alla fine del 1700, tuttavia Brandeburgo è l'unica rimasta in piedi. Molti dei nomi degli altri cancelli sono stati trasferiti a strade o interi sobborghi in cui si trovavano un tempo.

Il carro in cima al cancello fu prontamente portato a Parigi dal cleptomane Napoleone nel 1806 e tornò al suo posto giusto solo 8 anni dopo, quando giunse il momento del capo militare francese. Eppure, di tutti i tempi della storia in cui questa porta era prominente, nessuna era più significativa degli oltre 30 anni trascorsi da Berlino come città divisa. Durante la costruzione del muro di Berlino, dopo la seconda guerra mondiale, la Porta di Brandeburgo fu lasciata in piedi nel bel mezzo della terra di nessuno. Una volta che il muro fu abbattuto cerimoniosamente nel 1989, la porta divenne quasi immediatamente IL simbolo della riunificazione della Germania, un titolo che detiene ancora oggi e probabilmente lo sarà sempre.


14 fatti che non hai mai saputo sulla Porta di Brandeburgo

È una delle scene più iconiche della recente storia tedesca: centinaia di migliaia di persone festeggiano davanti alla Porta di Brandeburgo la caduta del muro di Berlino il 9 novembre 1989.


I berlinesi in festa si sono radunati alla Porta per celebrare la caduta del muro. Foto: DPA.

Non solo è "un simbolo del divario tedesco-tedesco", ma "sta anche per la riunificazione" della Germania orientale e occidentale nel 1990, ha aggiunto Tänzler.


Nel 25° anniversario della caduta del Muro, sulla Porta fu proiettata la parola “Frieden” (“peace”). Foto: DPA

Nonostante sia stata pesantemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, la Porta ha resistito alla prova del tempo.

"Oggi, persone da tutto il mondo collegano la Porta di Brandeburgo con la libertà, la tolleranza e il cosmopolitismo", ha detto a Berliner Kurier un portavoce del Senato.

Ma c'è molto di più nel famoso punto di riferimento di quanto inizialmente sembri.

Ecco alcuni fatti che probabilmente non sapevi sulla Porta di Brandeburgo.

1. 6 agosto 1791 – quella è l'epoca in cui la Porta fu aperta, dopo essere stata voluta da Federico Guglielmo II. La Porta è stata eretta non come un simbolo politico, ma per un motivo più semplice: segnare la fine del viale Unter den Linden.

2. Il propileo dell'Acropoli di Atene È così che è stato modellato il cancello.

3. 1806 – quello's quando la Quadriga (la scultura del carro trainato da cavalli in cima alla Porta) fu rubata dai soldati di Napoleone e riportata in Francia come trofeo di vittoria. Ma dopo la sconfitta di Napoleone, la Quadriga tornò a Berlino.

4. 30 gennaio 1933 – quello's quando i nazisti tennero una fiaccolata attraverso la Porta per celebrare la presa del potere di Hitler.

5. 1945 fino al 1957 – quello's quando la bandiera sovietica fu issata in cima alla Porta. Tuttavia, la bandiera è stata strappata durante le proteste pacifiche del 17 giugno 1953, quando i manifestanti hanno protestato contro le condizioni politiche ed economiche nella DDR.

6. 12 giugno 1987 – questo è quando l'allora presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan pronunciò il suo entusiasmante discorso davanti alla Porta, esclamando: “Finché questa porta è chiusa […] non è solo la questione tedesca che rimane aperta, ma la questione di libertà per tutta l'umanità […] Sig. Gorbaciov, apra questa porta! Signor Gorbaciov, abbatta questo muro!”.

7. Dicembre 1989 – quello's quando la Porta fu aperta come valico di frontiera dal cancelliere della Germania occidentale Helmut Kohl e dal premier della Germania orientale Hans Modrow.

8. 2000 fino al 2002 – è stato quando la Porta è stata ristrutturata dalla Fondazione per la Protezione dei Monumenti di Berlino, con un costo di ben 6 milioni di euro.


Le luci sono state spente durante le manifestazioni di Pegida Foto: DPA

10. 26 metri – è l'altezza della Porta, che è composta da sei colonne doriche per lato, che sorreggono una trave trasversale profonda 11 metri. Ci sono cinque passerelle attraverso il cancello.

11. 130,000 Questo è il numero di persone che si sono radunate al Gate dopo gli attacchi a un gay club di Orlando nel 2016. Il Gate è stato illuminato con i colori dell'arcobaleno per commemorare le 49 vittime.


The Gate dopo gli attacchi di Orlando Foto: DPA

12. Il lussuoso Adlon Hotel, le ambasciate di Francia e USA – questi sono gli edifici che circondano la Porta, nella sua posizione privilegiata a Pariser Platz, altrimenti nota come la "gute Stube" di Berlino ("stanza migliore").

13. Il Märkisches Museum di Berlino – quello's dove puoi vedere la testa del cavallo dalla scultura della Quadriga.

14. Circa un milione È questo il numero di persone che ogni anno affollano il Gate per la sua famosa festa di Capodanno, con tanto di musica e fuochi d'artificio.


Porta di Brandeburgo: un punto di partenza storico a Berlino

2 novembre 2020 Di Gina Lascia un commento
I post su questo sito possono contenere link di affiliazione. Leggi l'informativa completa qui.

La Porta di Brandeburgo (Brandenburg Tor in tedesco) è uno dei siti più famosi di Berlino per diversi motivi. Innanzitutto, è stato costruito nel XVIII secolo come simbolo di pace ed è un eccellente esempio di classicismo tedesco. Sono magnifiche da vedere le statue della Quadriga della Vittoria sulla struttura di colonne in arenaria. In secondo luogo, la Porta di Brandeburgo si trovava proprio al confine tra Berlino Est e Ovest durante l'era del Muro di Berlino e invece di essere un simbolo di pace, divenne un simbolo di una nazione divisa.

La quadriga della Porta di Brandeburgo

La Quadriga della Vittoria, che consiste nella dea della vittoria su un carro trainato da una flotta di cavalli, ha un suo pezzo di storia. La statua è stata collocata in cima alla Porta di Brandeburgo quando la struttura è stata costruita per la prima volta, ma è rimasta lì solo un decennio. Nel 1806, Napoleone Bonaparte prese l'occupazione di Berlino (dopo essere entrato in città marciando attraverso la Porta di Brandeburgo) e successivamente ordinò di abbattere la Quadriga e di trasferirla in Francia. Fu solo nel 1814, quando un esercito prussiano scese su Parigi dopo la sconfitta di Napoleone, che la Quadriga fu riconquistata e tornò alla sua legittima dimora in cima alla Porta di Brandeburgo. La croce di ferro che vedi essere tenuta dalla dea della vittoria è stata aggiunta anche in questo momento per commemorare la vittoria della Prussia su Parigi.

Prenditi del tempo per attraversare la Porta di Brandeburgo

Camminare attraverso la Porta di Brandeburgo è un buon promemoria della libertà di cui godono tutti i berlinesi oggi, poiché non molto tempo fa la gente di Berlino non poteva muoversi liberamente da una parte all'altra. Quando cadde il muro di Berlino, la Porta di Brandeburgo fu il luogo di gran parte della celebrazione poiché le persone si muovevano liberamente tra i lati est e ovest della porta per la prima volta da decenni. Questo lo rende anche un luogo eccellente per iniziare la giornata a Berlino, come ho menzionato nel mio itinerario di un giorno a Berlino, in quanto ti offre una buona prima base per la tumultuosa storia di Berlino, che continuerai a conoscere mentre esplori Berlino .

A proposito di Gina

Sono un ex direttore marketing di un'agenzia di viaggi diventato scrittore di viaggi freelance. Il mio lavoro editoriale e di copywriting è stato pubblicato su e in USA TODAY, Travel + Leisure, l'app Travel Channel Cities, TripSavvy e molte altre pubblicazioni online e cartacee. Mi piace soprattutto condividere le mie conoscenze sui viaggi con un tempo di vacanza limitato, sfruttare al meglio i porti di scalo delle crociere e andare in vacanza con i bambini. Mi piace anche condividere la mia attrezzatura da viaggio e i miei prodotti preferiti per rendere il viaggio più facile!

Lascia un commento cancella risposta

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.


Una breve storia di Potsdamer Platz

Senza dubbio, Potsdamer Platz è uno dei luoghi più iconici di Berlino. Conosciuta oggi per la sua architettura più grande della vita, gli hotel lussuosi e le vivaci aree commerciali, questa piazza ha anche una storia lunga e movimentata come una caratteristica importante della capitale della Germania. Ecco tutto ciò che devi sapere al riguardo in un solo minuto.

Situato all'esterno delle mura della città vecchia che racchiudevano Berlino, i suoi inizi furono umili. Già nel 1685, l'attuale Potsdamer Platz fungeva da stazione commerciale tra le aree rurali a sud-ovest del centro storico di Berlino. La piazza prende il nome da Potsdam perché quando fu creata, la strada che collegava le due città attraversava questa piazza. Federico il Grande in seguito ha favorito questa zona durante la metà del XVIII secolo perché ha segnato la congiuntura con il suo palazzo a Potsdam, che ha portato alla sua superiore manutenzione e notorietà.

Poiché Potsdamer Platz era tecnicamente situata al di fuori dei confini della città, tuttavia, non era soggetta alle rigide linee guida di pianificazione come il resto dell'Hauptstadt, consentendole di sviluppare il carattere spontaneo, frenetico e stravagante per il quale divenne nota. Nel 1838 qui fu istituita una fermata della ferrovia, che aggiunse alla sua importanza come area popolosa con molte persone diverse e merci che andavano e venivano. Alla fine del XIX secolo, molti grandi edifici, ristoranti e negozi erano pieni di vita nella piazza.

Durante gli anni '20, l'ormai elegante Potsdamer Platz era il luogo ideale per liberali, giovani avventurosi, intrattenitori e creativi. A quel tempo, era uno dei luoghi più trafficati di tutta Europa, con più traffico che lo attraversava che in qualsiasi altra parte del continente. Eppure, tutto questo ebbe vita breve. La piazza fu quasi interamente demolita durante la seconda guerra mondiale. In seguito, ha funzionato come il triangolo di confine tra le forze di occupazione sovietiche, americane e britanniche. È interessante notare che Potsdamer Platz servì anche come mercato nero della città durante gli anni del dopoguerra.

A causa dell'insurrezione popolare contro la DDR, la piazza fu ridotta in macerie nel 1953, e in queste condizioni rimase per decenni al confine tra est e ovest. Dopo la caduta del Muro, molto è stato fatto per la rinascita di Potsdamer Platz ai suoi primi giorni di gloria. Con la costruzione dell'enorme Sony Center, Daimler City e altro ancora, è di nuovo uno dei luoghi più vivaci di Berlino.


Architettura – Pariser Platz

La Porta di Brandeburgo si affaccia Piazza Pariser, considerata una delle piazze più belle della città. Alla fine della seconda guerra mondiale, gli edifici intorno a questa piazza storica erano in rovina. La ricostruzione in questa posizione privilegiata è iniziata solo negli anni '90 dopo la riunificazione tedesca e gli edifici ora includono eleganti case di città, ambasciate e l'imponente Hotel Adlon a cinque stelle.

La Max Liebermann Haus e la Haus Sommer, posizionate a sinistra e a destra della Porta di Brandeburgo, sono state progettate come una coppia coordinata in uno stile ispirato all'architettura del capomastro e architetto di corte prussiano Friedrich August Stüler. Questa posizione storica è anche sede di altri due importanti edifici che ospitano le ambasciate di Francia e Stati Uniti.


Geografia

Il paesaggio dell'attuale Brandeburgo è in gran parte il prodotto della glaciazione. La maggior parte dello stato è costituito da una pianura sabbiosa che è intervallata da numerose aree fertili e distese di foreste di pini e abeti. A causa dei suoi terreni sabbiosi, era precedentemente conosciuta popolarmente come la "sabbiera del Sacro Romano Impero". Tuttavia, è attraversato dagli affluenti dei fiumi Elba e Oder e vanta più di 3.000 laghi. Circa la metà dell'area dello stato è utilizzata per l'agricoltura e circa un altro terzo della regione è coperto da foreste. Il Parco Nazionale della Bassa Valle dell'Oder, istituito nel 1995 nella parte più nord-orientale del Brandeburgo, fa parte di uno sforzo congiunto polacco-tedesco per aiutare a preservare la flora e la fauna distintive della regione. Ironia della sorte, l'ecologia della regione ha beneficiato di decenni di relativo abbandono economico dell'area. Lo stato si trova interamente all'interno della pianura nordeuropea (vedere Pianura Europea) ed ha un clima temperato, determinato sia da influenze marittime, che predominano nelle zone ad ovest, sia da influenze continentali, che interessano ad est.

Il Brandeburgo è uno degli stati meno densamente popolati della Germania. È abitato principalmente da tedeschi etnici, un piccolo gruppo indigeno slavo, i sorbi (concentrati nella parte sud-orientale dello stato) e una popolazione immigrata relativamente piccola. A differenza degli altri stati della Germania orientale, il Brandeburgo ha registrato un tasso di crescita della popolazione positivo dal 1995 al 2000, in gran parte a causa della suburbanizzazione delle attività economiche e della popolazione di Berlino. Dal 2000, tuttavia, la traiettoria della popolazione per il Brandeburgo si è invertita, sebbene la crescita sia continuata nelle aree suburbane vicino a Berlino, che erano tra le pochissime aree all'interno della Germania orientale che sono cresciute all'inizio del secolo. Potsdam, Cottbus, la città di Brandeburgo e Francoforte sull'Oder sono le uniche città significative del Brandeburgo, nessuna delle quali è grande.

Sebbene sia ancora un fattore dominante sul paesaggio, l'agricoltura svolge un ruolo relativamente piccolo in termini di produzione economica e occupazione nel Brandeburgo. La segale, il frumento, l'orzo, le patate, le barbabietole da zucchero, la colza e le colture foraggere sono le principali colture coltivate. Importanti sono anche l'allevamento del bestiame e l'orticoltura di frutta e verdura, in particolare mele, ciliegie, asparagi, piselli e cetrioli. L'attività lattiero-casearia, soprattutto per la produzione di burro e formaggio, è un'altra importante attività economica.

La principale risorsa industriale nel Brandeburgo è la lignite, che viene estratta nel campo della Lusazia, situato nella parte sud-orientale dello stato e nella vicina Sassonia. La produzione e l'occupazione in questo settore sono cresciute sotto le politiche economiche autarchiche della Germania dell'Est, ma in seguito all'unificazione sia la produzione che l'occupazione sono crollate drasticamente, quest'ultima di circa nove decimi. Tuttavia, il campo di Lusazia produce circa un quinto di tutta la lignite tedesca, che serve come risorsa per la produzione di energia, prodotti chimici e altri prodotti. Due impatti positivi della riduzione dell'estrazione del carbone sono stati i lavori in corso per rivegetare le vaste miniere a cielo aperto e la qualità dell'aria notevolmente migliorata, derivanti sia dalla chiusura di molti impianti che vomitano inquinamento sia dall'installazione di altri con filtri che riducono lo scarico nell'aria.

Il Brandeburgo è uno degli stati più poveri della Germania. Dopo l'unificazione molte fabbriche hanno chiuso, l'occupazione è diminuita e la disoccupazione è aumentata drammaticamente, fino a circa un sesto della forza lavoro, un livello che è cambiato poco tra la metà e la fine degli anni '90 e nei primi anni del nuovo secolo. Il Brandeburgo ha una base industriale variegata, con l'ingegneria, la produzione di acciaio, la lavorazione dei metalli, la produzione della carta, la lavorazione degli alimenti, la raffinazione del petrolio, l'estrazione mineraria e la produzione di energia dalla lignite più ben rappresentata. La regione Brandeburgo-Berlino, inclusa in particolare Potsdam nel Brandeburgo, è il sito di un gruppo emergente di attività di ricerca e sviluppo biotecnologico. I nodi urbano-industriali nel Brandeburgo includono Cottbus, Francoforte sull'Oder, Schwedt, Eissenhüttenstadt, Eberswalde, Oranienburg, Potsdam, Fürstenwalde e la città di Brandeburgo.

Le città più grandi del Brandeburgo fungono da centri regionali per le attività di servizio, mentre l'importante Studio Babelsberg di Potsdam produce sia film che programmi televisivi per una clientela più ampia. Lo stato ha anche guadagnato posti di lavoro nel settore dei servizi nei settori dei trasporti, all'ingrosso e al dettaglio come risultato della crescita e della suburbanizzazione nella regione di Berlino. Il Brandeburgo ha un settore turistico di modeste dimensioni che serve in gran parte i tedeschi, in particolare i berlinesi, piuttosto che i visitatori stranieri. Oltre al Parco Nazionale della Bassa Valle dell'Oder, le principali attrazioni naturali includono l'incantevole Spreewald a sud-est e la regione dei laghi a nord. Nella città di Potsdam, più di 1.200 acri (500 ettari) di splendidi parchi contenenti giardini e 150 edifici storici, tra cui una residenza imperiale prussiana, il Nuovo Palazzo (Neues Palais) il drammatico Palazzo Sanssouci e il Cecilienhof, in cui la guerra mondiale Si è tenuta la II Conferenza di Potsdam, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Il Brandeburgo è servito da molte delle principali vie di trasporto est-ovest, compresi i collegamenti ferroviari e le autostrade tra la Germania orientale e occidentale e l'Europa orientale e occidentale. Inoltre, diversi fiumi e canali navigabili attraversano il Brandeburgo, sempre principalmente con un orientamento est-ovest, compresi i canali Elba-Havel, Oder-Spree e Oder-Havel, che collegano i principali fiumi della regione per il traffico di chiatte. (Guarda anche Fiumi Havel, Sprea ed Elba.) La maggior parte di questi percorsi è stata migliorata ed ampliata dall'unificazione. Inoltre, l'aeroporto di Schönefeld, che serve Berlino e si trova vicino al confine tra i due stati, ha subito un'espansione a partire dalla fine degli anni '90.

Il governo dello stato del Brandeburgo è dominato da un Landtag (parlamento statale) e da un ministro-presidente, che è generalmente un membro di spicco del partito più forte del Landtag. Le università del Brandeburgo includono un'università tecnica a Cottbus e università di nuova fondazione a Potsdam e Francoforte sull'Oder, quest'ultima in stretta collaborazione con un'università polacca come passo verso l'avvicinamento di tedeschi e polacchi.

Il principale centro culturale del Brandeburgo è Potsdam, con i suoi numerosi edifici architettonicamente significativi associati alla regalità prussiana, alcuni dei quali ospitano importanti collezioni d'arte. La città ospita l'annuale Potsdam Sanssouci Music Festival. Altri festival musicali degni di nota si tengono ogni anno presso il Palazzo di Rheinsberg nella parte settentrionale dello stato e presso le rovine dell'abbazia di Chorin nel nord-est.


I clienti che hanno letto questo libro hanno letto anche

  • ASIN &rlm : &lrm B0788B1M2B
  • Editore &rlm : &lrm Charles River Editors (12 dicembre 2017)
  • Data di pubblicazione &rlm: &lrm 12 dicembre 2017
  • Lingua &rlm : &lrm inglese
  • Dimensione file &rlm : &lrm 4055 KB
  • Sintesi vocale &rlm : &lrm abilitato
  • Lettore schermo &rlm: &lrm supportato
  • Composizione migliorata &rlm : &lrm abilitato
  • Raggi X &rlm : &lrm non abilitato
  • Word Wise &rlm : &lrm abilitato
  • Lunghezza di stampa &rlm : &lrm 73 pagine
  • Prestito &rlm : &lrm abilitato
  • Posizione nella classifica Bestseller: #1.930.684 nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 nella categoria Kindle Store)
    • #3.005 in Storia della Germania
    • #4.390 in Letture brevi di storia di due ore
    • #11.730 in Storia tedesca (Libri)

    Altri fatti:

    • La Porta di Brandeburgo è stata ristrutturata dalla Fondazione per la protezione dei monumenti di Berlino fino al 2002.
    • Nel 2006, circa 130.000 persone si sono radunate al Gate in seguito agli attacchi a un gay club di Orlando per esprimere il loro risentimento. La Porta è stata illuminata con i colori dell'arcobaleno in memoria di 49 vittime.

    La Porta di Brandeburgo illumina la comunità gay, thetimes.co.uk

    • Il lussuoso Adlon Hotel, le ambasciate francese e americana sono gli edifici che circondano il Gate, nella sua posizione privilegiata a Pariser Platz.
    • Quasi 1 milione di persone si radunano alla Porta di Brandeburgo ogni anno per i festeggiamenti di Capodanno con tanto di musica e fuochi d'artificio.

    Si diceva che la porta fosse stata pesantemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, ma in seguito ogni anno che passava veniva rinnovata. Oggi la Porta di Brandeburgo è popolare in tutto il mondo come simbolo di libertà, pace, tolleranza e universalismo. Visitare la Porta di Brandeburgo di notte è un piacere speciale e senza dubbio una delle migliori cose gratis da fare a Berlino.


    Guarda il video: GIULIETTO CHIESA: CHI HA COSTRUITO IL MURO DI BERLINO?


Commenti:

  1. Cynn

    Dove davvero qui contro il talento

  2. Johnny

    Tui hai torto. Posso dimostrarlo. Scrivimi in PM, lo gestiremo.

  3. Huarwar

    Chi può aiutarmi a capirlo in modo più dettagliato?

  4. Langdon

    Secondo me non hai ragione. Posso dimostrarlo. Scrivimi in PM, lo gestiremo.

  5. Grokus

    Mi dispiace, ma secondo me, hai torto. Dobbiamo discutere.

  6. Daman

    Bravo, una frase..., idea geniale



Scrivi un messaggio