Mazza

Mazza


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Una mazza era un'arma simile a una mazza fatta di legno o acciaio. I colpi di una mazza possono uccidere o rompere le ossa di un cavaliere che indossa un'armatura di maglia. La mazza era preferita dai chierici a cui non era permesso portare armi con lame. Apparentemente Odo di Bayeux usò una mazza durante la battaglia di Hastings.


Mazza Storia famigliare

Inglese: da un nome personale medievale, un sopravvissuto dell'antico inglese Mæssa, che venne preso come una forma da compagnia di Matteo. Inglese: forse un nome professionale metonimico per un portatore di mazza, dal francese antico "mazza". Inglese: nome abitativo da Macé a Orne, Francia. Francese (Macé): variante di Massey anche una forma volgare del nome personale Mathieu (vedi Matteo).

Fonte: Dictionary of American Family Names © 2013, Oxford University Press


Mazza - Storia

Mississippi Action for Community Education, Inc. è un'organizzazione di sviluppo rurale minoritaria senza scopo di lucro creata dai leader della comunità nel 1967 per stimolare lo sviluppo fisico, sociale ed economico nel delta rurale del Mississippi. Molto presto nella sua storia, MACE ha appreso che al di là dei problemi di razza e povertà, esiste nelle comunità rurali meridionali il problema più ampio e strutturale del sottosviluppo che, affinché si verifichi un autentico sviluppo comunitario, devono prima essere sviluppate le capacità umane e organizzative necessarie, devono prima essere create le strutture sociali e politiche di base della comunità.

50 anni fa, 15 giovani uomini e donne, sostenuti dalle conquiste politiche fatte dal Comitato di coordinamento nonviolento degli studenti (SNCC) nella sua campagna di registrazione degli elettori nel Delta del Mississippi, decisero che il nuovo potere trovato schierato nel garantire i diritti di voto doveva essere usato per affrontare le questioni intrattabili della disuguaglianza e della discriminazione che avevano definito la regione sin dalla schiavitù. Hanno ragionato che un'istituzione permanente - una società di sviluppo della comunità - potrebbe essere usata per catturare e costruire sui guadagni realizzati dal movimento per i diritti civili.

È da questa visione che è nata MACE.

La maggior parte dei quindici uomini e donne che si unirono nel 1967 per formare MACE erano nati e cresciuti nel delta del Mississippi, e avevano sperimentato personalmente le sfide che devono affrontare le comunità rurali afroamericane e conoscevano l'umiliazione di non poter partecipare a nessuna decisione che influenzato le loro vite. Si sono impegnati a garantire che le comunità prive di diritti e i loro residenti ricevessero voce e potere. Influenzati dalla filosofia di SNCC di sviluppo della leadership di base, la spinta centrale dei loro sforzi si è concentrata sull'educazione della comunità e sulla creazione di un quadro di leader qualificati della comunità locale e sulla formazione e sulla dotarli delle competenze necessarie per costruire una base di istruzioni per la comunità.

MACE è stato strutturato come un'organizzazione di organizzazioni - un'affiliazione di gruppi con sede a contea. Il suo consiglio di amministrazione originale era composto dai membri fondatori e dai rappresentanti di queste organizzazioni.

Al suo apice, MACE ha creato una rete di otto organizzazioni affiliate guidate da attivisti della comunità locale attrezzati per sostenere le istituzioni associative e supervisionare gli sforzi di sviluppo della comunità. Queste organizzazioni non solo hanno promosso progetti comunitari, ma sono servite come loci per lo sviluppo e la formazione dei costituenti e sono state una forza all'interno della regione, rivendicando una base associativa totale contemporaneamente di oltre 5.000 persone.

In particolare, MACE ha preso la prima decisione di separare il suo lavoro di formazione e advocacy dalla sua attività di sviluppo economico, scegliendo invece di collocare tali attività in un'organizzazione separata, la Fondazione Delta. Tuttavia, i primi successi di MACE furono impressionanti e lo catapultarono in prima linea nel movimento nazionale CDC. In un lasso di tempo relativamente breve, MACE è stato in grado di:


Perché dovrei usare Steel Mace?

Steel Maces sono lo strumento perfetto per l'allenamento funzionale e i sostenitori del movimento naturale perché forniscono uno dei migliori allenamenti per tutto il corpo in circolazione.

Ecco alcuni dei principali vantaggi.

Spalle forti

Una delle zone più frequentemente ferite del corpo è la zona delle spalle. Il motivo è che il cingolo scapolare è l'articolazione più debole dell'intero corpo umano. Molti di noi hanno subito lesioni alla spalla che rendono difficile svolgere le attività quotidiane, figuriamoci ottenere un buon allenamento in palestra.

Quando ti alleni con il Mace LA FORMA CORRETTA è KING. Per evitare potenziali lesioni, assicurati di iniziare con un peso leggero prima di padroneggiare il movimento prima di salire con i pesi.

Il 360 è un esercizio che richiede di far oscillare il Mace attraverso una gamma completa di movimenti. Questi tipi di esercizi aumenteranno la flessibilità migliorando contemporaneamente la forza dei muscoli e del tessuto connettivo che circondano l'articolazione della spalla.

Forza di presa migliorata

Quando è stata l'ultima volta che ti sei concentrato sullo sviluppo della tua forza di presa? Dedichi abbastanza tempo a lavorare sugli avambracci e sulla presa?

Forse una delle cose più utili che puoi fare che avrà un impatto su tutta la tua vita è migliorare la tua forza di presa. La forza di presa è una combinazione di forza di dita, mano e avambraccio. Usi la tua presa ogni singolo giorno dalla raccolta di qualsiasi cosa, all'apertura di quel barattolo di sottaceti al trasporto della spesa all'interno.

La distribuzione non proporzionale del peso del Mace combinata con i movimenti oscillatori richiede una presa extra forte. Poiché l'allenamento di Mace è spesso composto da movimenti ripetitivi, la tua forza di presa continuerà a migliorare con il passare delle settimane e dei mesi.

Condizionamento cardiovascolare

Facendo oscillare la mazza o eseguendo altri movimenti durante un determinato periodo di tempo, la frequenza cardiaca aumenterà notevolmente, con conseguente miglioramento della produzione cardiovascolare. Proprio come il kettlebell, puoi incorporare il Mace nell'allenamento HIIT.

Rafforzamento totale del corpo

Gli esercizi e i movimenti che utilizzano il Mace sono quasi interamente movimenti composti che coinvolgono più gruppi muscolari all'interno dello stesso movimento. Mentre fai oscillare la mazza, allenerai tutta la parte superiore del corpo, inclusa la forza della presa.

Maggiore forza di rotazione del nucleo

La distribuzione non uniforme del peso del Mace attiva il tuo core per mantenere il Mace sotto controllo durante l'esecuzione dei movimenti oscillatori. Molti movimenti di Mace comportano movimenti oscillanti trasversali che attivano e impegnano il nucleo, specialmente gli obliqui.

Chi dovrebbe usare il Mazza?

Persone che cercano di integrare le loro normali routine di allenamento con un metodo antico e collaudato di allenamento per tutto il corpo. Inoltre, il Mace è ottimo per le persone che amano l'allenamento funzionale e per gli atleti che possono trasferire il loro allenamento nel loro sport.

Quando si utilizza il Mazza per esercitare assicurati di utilizzare una forma corretta e un peso che puoi controllare completamente. Oscillare una barra d'acciaio con una pesante sfera d'acciaio all'estremità può essere pericoloso se non eseguito correttamente o se eseguito in un'area che contiene passanti innocenti.

Altre risorse per la mazza d'acciaio:


Mace, Idaho

Mace, Idaho 1908

Dettagli mazza

Elevazione: 3.921 piedi ( 1.195 metri)

Data fissata: circa. 1884

Popolazione attuale: nessuno

Minerale primario: Argento, piombo

Storia della mazza

Mace era uno dei tanti insediamenti che furono stabiliti tra le miniere di Burke Canyon, tra Wallace e la città di Burke.

Come tutte le città del Burke Canyon, Mace era soggetta a disastri naturali. Il disastro peggiore fu la valanga del 27 febbraio 1910, che distrusse gran parte della città.


Mace, distruzione dell'Idaho dopo la valanga del 1910

La valanga del 1910 colpì diverse città del canyon, ma Mace fu la più danneggiata. Si stima che in totale più di 20 persone siano state uccise e centinaia siano rimaste ferite.


Gli uomini scavano dopo la mazza, valanga dell'Idaho 1910

Un articolo di giornale pubblicato poco dopo la valanga mortale riporta alcuni dettagli:

LA VALANGA DISTRUTTIVA DELL'IDAHO
Perdita di proprietà stimata in oltre $ 300.000 mentre la perdita di vite umane è stata pesante - già 18 corpi sono stati recuperati.

Diciotto sono noti per essere morti, 12 gravemente feriti e la perdita di proprietà stimata in oltre $ 300.000, sono il risultato di slavine e valanghe nelle città minerarie di Mace, Burke e Carbonate nel ricco distretto di Coeur d'Alene nell'Idaho settentrionale.

La perdita di vite umane è più pesante a Mace, dove ci sono 12 morti, mentre la perdita di proprietà più pesante è a Burke, dove lo scivolo è lungo un miglio e mezzo e il canyon è riempito a una profondità di trenta piedi.


Casa Ed Weekler demolita da una frana - Mace, Idaho 1910

Le case sono state spazzate via dagli scivoli come se fossero fatte di carte. I risultati totali sono solo supposizioni, poiché nessuno sa nemmeno quanti mancano o il numero dei morti. Si ritiene che la perdita di vite umane sia inferiore a quanto generalmente si suppone per tutto il giorno.


Tunnel attraverso la neve - mazza, Idaho 1910

Sebbene fosse diventato ovvio che i vari siti della città nel Burke Canyon erano soggetti a ogni sorta di disastri, le ricche miniere della zona assicuravano che le città sarebbero state ricostruite dopo ogni incidente. Mace è stato ricostruito dopo i disastri del 1910 e portato avanti per decenni a venire.

Sebbene la valanga del 1910 sia stata la più distruttiva, non è stata certamente l'unica a colpire Mace nel corso degli anni. Un articolo del 1956 rivela la morte di un bambino di dieci anni e di altri 14 intrappolati da una valanga nella primavera di quell'anno.

Le comunità di Burke Canyon sono state spesso segnate da disastri. Il 25 febbraio 1902, un incendio in una pensione uccise quattro minatori:

BLAZE IN BUNKHOUSE SOSTIENE LA VITA DI QUATTRO

Quattro uomini hanno perso la vita e una dozzina di altri sono rimasti feriti, tre probabilmente mortalmente, in un incendio di origine sconosciuta, che ha distrutto le pensioni e le cuccette della miniera Standard a Mace, nell'Idaho, poco dopo la mezzanotte scorsa. I morti: J.W. EDWARDS. D.R. MANN. EUGENE BANG. M.T. MOORE.

I feriti mortali: - T. J. Yarborough, E. McCallum e John Bowbay. Sessanta uomini dormivano nei due edifici quando fu scoperto l'incendio al secondo piano della pensione.

Oltre ai vari disastri che hanno colpito Mace nel corso degli anni, non è documentato molto sulla vita quotidiana della città. Oggi di Mace non è rimasto nulla.


La storia dimenticata di Mace, progettata da un 29enne e reinventata come arma della polizia

Nel maggio 1968, davanti a fotografi e telecamere, lo sceriffo Joseph Woods si asciugò una lacrima dall'occhio. Essendo un ex marine inflessibile che non aveva esitato a usare la forza contro i manifestanti a Chicago e nei suoi sobborghi, Woods non era proprio il tipo che piange. Stava piangendo perché era appena stato colpito da una mazza... che, secondo lui, "è un'arma molto umana".

Mace aveva solo quattro anni a questo punto e non aveva ancora raggiunto il mercato dei consumatori, ma nella sua breve vita era già stato trasformato da strumento di protezione privata a arma di prima linea di controllo delle sommosse. Stranamente, è iniziato come l'invenzione domestica di una giovane coppia di Pittsburgh che teneva un alligatore nel seminterrato. Nel tempo, da Los Angeles a D.C. a Ferguson, è diventato un simbolo onnipresente e potente sia di giustizia che di ingiustizia.

Mezzo secolo fa, Alan e Doris Litman vivevano a Pittsburgh. Doris era un'insegnante di scienze e Alan, 29 anni, era un inventore, il che presumibilmente significava che stava aspettando una grande pausa da uno dei suoi tanti brevetti in sospeso. Il giornalista Garry Wills ha ritratto Litman come un laureato entusiasta e stravagante dell'Università di Pittsburgh, dove tra le altre cose aveva fatto esperimenti sull'intelligenza animale. Questo spiegava perché, con stupore dei visitatori, lui e Doris tenevano un alligatore nel seminterrato. Si chiamava Ernesto.

Le prime creazioni di Litman sembrano uscite da uno scaffale di Sears. Nel 1961, presentò una domanda di brevetto per uno "scaldabiberon a infrarossi", un dispositivo che riscaldava il latte per neonati, e nel 1963 disegnò un "cuociuova senz'acqua" e un "cuocipancetta". tre invenzioni sembrano essere scivolate nell'aldilà di prodotti che non hanno mai visto profitti. Un anno dopo, tuttavia, la sua attenzione subì uno spostamento inaspettato. Nel 1964 presentò una domanda per un "Assailant Incapacitator" e un'altra per un "Dispositivo di sicurezza per aerosol", i due dei quali combinati in una piccola bottiglia per spruzzare prodotti chimici aggressivi. Litman era passato dalla progettazione di articoli per la casa alla progettazione di dispositivi per la "protezione personale tascabile". Alla fine avrebbe anche brevettato una "granata antiuomo".

Ciò solleva una domanda ovvia. Come diavolo ha fatto Alan Litman a passare da costruttore di cuoci pancetta a progettista di granate antiuomo?

Tutto è iniziato quando una delle colleghe di Doris Litman, una giovane insegnante, è stata rapinata per le strade di Pittsburgh. Secondo diversi resoconti di giornali, quando ha raccontato la storia ad Alan, la coppia ha iniziato a discutere degli strumenti che una donna potrebbe usare per difendersi. Esistevano spray al peperoncino tascabili, ma spesso colpivano involontariamente lo spruzzatore o impiegavano così tanto tempo per affondare che semplicemente non riuscivano a dissuadere gli aggressori.

Così i Litman iniziarono a condurre esperimenti nella loro casa. Hanno giocato con le bombolette spray, cercando di capire come dirigere meglio i liquidi. Hanno mescolato sostanze chimiche come cherosene, freon e acido solforico per dissolvere e spingere irritanti aggressivi. Dopo aver provato una serie vertiginosa di sostanze chimiche che bruciavano gli occhi e il viso, si stabilirono sul cloroacetofenone, una sostanza chimica che l'esercito americano aveva evidenziato come un potente gas lacrimogeno durante la seconda guerra mondiale. All'inizio lo chiamarono TGASI, che sta per "Strumento spray per aerosol di gas lacrimogeno", ma presto si inventarono il nome più accattivante di "Chemical Mace". Secondo i giornali, il nome implicava che le sostanze chimiche potessero produrre lo stesso effetto come una mazza medievale—un disegno agghiacciante di una mazza chiodata—ma senza causare le stesse ferite brutali. Alan ha inviato le domande di brevetto per una bomboletta spray, un ugello e la loro miscela chimica

"Chemical Mace" si è unito a un elenco crescente di tecnologie progettate per disarmare senza uccidere. Solo una manciata di sostanze chimiche sono considerate invalidanti ma non letali, ma sono imbrigliate nelle armi, dalle granate agli spray ai proiettili di artiglieria. Gli spray al peperoncino sfruttano tutti una singola sostanza chimica, la capsaicina, che è l'ingrediente attivo del peperoncino e produce immediatamente un'intensa sensazione di bruciore su tutto il viso. Le restanti sostanze chimiche, compreso il principio attivo di Chemical Mace, rientrano nella categoria dei gas lacrimogeni. Questi agiscono più lentamente degli spray al peperoncino e provocano particolari dolori alle mucose degli occhi e della bocca. Tutte queste sostanze chimiche, spray al peperoncino e una manciata di "gas lacrimogeni" non letali, producono lo stesso effetto di base: si attaccano ai recettori sensoriali sulle nostre terminazioni nervose e producono la sensazione di dolore bruciante.

Mace non era innovativo per via del suo principio attivo, già sintetizzato in laboratorio e discusso per le sue applicazioni militari. Era innovativo perché riconfezionava un'arma chimica come prodotto civile. Poiché non era considerato mortale, non violava le leggi federali a causa del design del suo flacone spray, poteva stare in tasca. E in questa forma, la mazza è stata quasi immediatamente un successo. Il prototipo del flacone spray è diventato la base della nuova attività di Alan Litman, la General Ordnance Equipment Corporation. 

Solo due anni dopo, con le domande di brevetto ancora in sospeso, Litman accettò un'offerta di $ 100.000 per l'azienda da Smith & Wesson, il famoso produttore di armi e munizioni. Il suo nuovo datore di lavoro, che lo ha nominato direttore della ricerca sulle armi non letali, ha colmato i due mercati chiave per le armi che non uccidono: i consumatori privati ​​e le forze dell'ordine. Mace era nel bel mezzo di una trasformazione. 

Brevettare "Chemical Mace" si è rivelato molto più difficile di quanto Litman avesse previsto. Poiché la sostanza chimica era già stata identificata dagli scienziati, non è mai riuscito a brevettare una miscela chimica per i suoi dispositivi. Nemmeno il suo primo progetto di spruzzatore è stato brevettato e solo dopo anni di modifiche, nel 1969, è arrivato a un progetto di spruzzatore brevettabile che riconosciamo ancora oggi.

Il che ci riporta allo sceriffo Joseph Woods della Contea di Cook, Illinois, uno dei tanti potenti membri delle forze dell'ordine che osservano le nuove tecnologie per rivoluzionare la battaglia per l'ordine civile.

Come Woods ben sapeva, la fine degli anni Sessanta fu un periodo violento per le città americane. Le proteste contro la disuguaglianza razziale e la guerra del Vietnam stavano divampando in tutto il paese e le forze di polizia si stavano militarizzando in risposta. Sulla scia delle rivolte di Watts, la polizia di Los Angeles stava valutando l'acquisto di un veicolo antiproiettile da 20 tonnellate, in grado di trasportare una mitragliatrice e schiacciare una barricata di auto. La polizia di Detroit aveva integrato le pistole standard con 500 fucili, 300 fucili a pompa e 1200 granate lacrimogene. L'approccio dello sceriffo Woods è stato quello di sfidare un ordine del tribunale distrettuale del suo stato e creare una squadra antisommossa composta da volontari civili. I suoi agenti di polizia della zona di Chicago erano dotati della più recente tecnologia per le forze dell'ordine, vale a dire lo spray per macis che ha immediatamente suscitato polemiche.

Nel 1967, la mazza veniva testata su folle indisciplinate in tutta la nazione. Norman Mailer ha menzionato la mazza nei reportage dei raduni contro la guerra a Washington. Come una storia di novembre nel Pittsburgh Reading Eagle ha suggerito che il concetto di un'arma a spruzzo fosse ancora una sorpresa: "La polizia di Scituate, RI a Chula Vista, in California, ha aggiunto una nuova arma ai suoi arsenali—una bomboletta spray di gas." Ma anche se la mazza era sperimentale, stava rapidamente diventando un'arma di prima linea.

Il Leggere l'Aquila ha continuato: "È stato usato di recente su una banda che ha trasformato un corridoio di una scuola di Pittsburgh in un vicolo della violenza, su manifestanti contro la guerra che hanno combattuto contro la polizia in un centro di induzione di Oakland, in California, su un prigioniero che è impazzito nella sua cella di New Orleans, e su un opossum spaventato che ha preso il controllo di una W. Va., un'auto della polizia."

"Non è riuscito a controllare uno dei disordini - l'opossum", ha concluso l'articolo con leggerezza, come se l'uso della mazza su prigionieri e studenti non fosse degno di nota.

Lo era, ovviamente, e le critiche si rivelarono feroci. Diversi studi medici del 1968 hanno segnalato potenziali rischi per la salute a lungo termine come danni agli occhi, reazioni allergiche e attacchi di asma. Questi timori sembrano ancora ragionevoli: il CDC afferma che l'esposizione al cloroacetofenone può restringere le vie aeree e causare l'accumulo di liquidi nei polmoni, entrambi i quali possono esacerbare le condizioni respiratorie esistenti. Una grave esposizione agli occhi può causare opacità corneale e, se le particelle spruzzate viaggiano abbastanza velocemente, persino cecità. Altre critiche si sono opposte per principio: poiché le armi chimiche sono vietate nella guerra internazionale, le forze dell'ordine dovrebbero distribuire uno spray chimico duro contro i cittadini americani? Dal momento che la brutalità della polizia è già una preoccupazione per le armi convenzionali—e poiché la protesta fa parte di una sana democrazia—ha senso armare gli ufficiali con un'altra classe di armi? 

A Chicago, lo sceriffo Woods ha risposto con la sua acrobazia televisiva. Ha chiesto di essere colpito con una mazza da circa 15 pollici di distanza, con infermiere in attesa di monitorare i suoi segni vitali. Sebbene gli agenti di polizia mirino spesso agli occhi, il flusso lo ha colpito al collo. Riferì che lo spray era freddo ma si vaporizzava rapidamente e provocava un forte bruciore al petto e agli occhi. "Ci è voluto uno sforzo per tenere gli occhi aperti", ha detto Woods a un giornalista della United Press International. Ma ha detto che gli effetti erano temporanei e minori.

La storia ha fatto notizia nazionale insieme ad argomenti leggermente più rigorosi a favore dell'uso della mazza da parte della polizia. A metà degli anni '60, oltre 100 poliziotti furono fucilati in disordini in tutto il paese e gli ufficiali giustamente chiedevano a gran voce migliori metodi di autodifesa. L'affermazione più forte e persistente era che la mazza consentiva agli agenti di polizia di inabilitare un sospetto senza dover rischiare di sparare con una pistola. In altre parole, puoi vedere la mazza come parte della militarizzazione della polizia, ma puoi anche sostenere che ha contribuito a fermare la corsa agli armamenti interna. Ha fornito alla polizia un'alternativa affidabile alle armi più dure
 
In un momento così turbolento, l'ispirazione originale per il modesto spray di Litman è passata silenziosamente in secondo piano. Un prodotto che era iniziato come uno strumento per responsabilizzare gli individui, come l'insegnante rapinato a Pittsburgh, veniva ora accusato di privare i cittadini americani del loro diritto di protestare. Secondo Garry Wills, Litman ha gradualmente smesso di discutere del prodotto con l'aumentare delle controversie. Anche 50 anni dopo l'invenzione della mazza, queste critiche rimangono rilevanti. Se sono in gran parte sbiaditi dalla mappa, è solo perché negli anni '70 migliaia di dipartimenti di polizia avevano reso la mazza mainstream.

Mace ha guadagnato la sua identità gemella nella cultura americana, come strumento sia di protezione privata che di applicazione della legge, solo negli ultimi decenni. Sorprendentemente, la mazza non è stata ampiamente venduta per uso privato fino al 1981, anno in cui i membri delle forze dell'ordine stavano discutendo contro di essa. L'uso privato della mazza, temevano, potrebbe mettere a rischio gli agenti di polizia

In una società che abbraccia le armi da fuoco mentre combatte la violenza armata, la sicurezza e l'autodifesa possono diventare concetti relativi in ​​modo sconcertante. La definizione di autodifesa di un uomo è la definizione di brutalità di un altro uomo. E con questo in mente, forse non c'è da meravigliarsi che gli usi della mazza siano stati contestati fin dall'inizio. A volte la stessa tecnologia che ci rende sicuri può metterci a rischio.

Informazioni su Daniel A. Gross

Daniel A. Gross è un giornalista freelance e produttore di radio pubbliche con sede a Boston.


Citazioni di Mace

Non c'è piacere più grande che servire la grazia del re. Se fossi ritenuto degno di unirmi al tuo consiglio reale, non troveresti nessuno più leale o sincero. ⎗]

C'è qualcosa di così inutile come un re senza regno? No, è chiaro, il ragazzo deve abbandonare le Terre dei Fiumi, unire le sue forze a quelle di Roose Bolton ancora una volta e gettare tutte le sue forze contro Moat Cailin. Questo è quello che farei. ⎘]

Mazza: Quando Paxter Redwyne spazzerà via gli uomini di ferro dai mari, i miei figli riprenderanno gli scudi. Le nevi andranno bene per Stannis, o per Bolton. Quanto a Connington.

Randyll: Se è lui.

Mazza: . quanto a Connington, quali vittorie ha mai vinto perché lo temessimo? Avrebbe potuto porre fine alla ribellione di Robert a Stoney Sept. Ha fallito. Così come la Golden Company ha sempre fallito. Alcuni potrebbero precipitarsi a unirsi a loro, aye. Il regno è ben sbarazzato di questi sciocchi. ⎹]

Missili tattici dell'aeronautica americana

Ora disponibile on line su Amazon.com e Lulu.com!

Dai redattori di questo sito web!

Oltre la pagina web. L'unico libro dedicato esclusivamente ai missili tattici Matador e Mace. Il libro rivela la storia dall'idea iniziale che divenne il primo bombardiere senza pilota degli Stati Uniti, attraverso lo sviluppo politicamente travagliato dei metodi di dispiegamento in continua evoluzione dei missili tattici Matador e Mace. Copre le Unità, i Gruppi, gli Squadroni e l'Ala che hanno messo in campo i missili. Dai siti di test di Stati Uniti, Europa, Asia e Nord Africa non viene tralasciato nulla. Sono incluse tutte le fasi dell'applicazione di questi due missili da parte dell'aeronautica statunitense (e della Luftwaffe della Germania occidentale), dai primi lanci provvisori dell'XSSM-A-1 Matador nel gennaio 1949, al teso servizio di allerta della crisi missilistica cubana. , e il lancio finale di un MQM13A nel maggio del 1977. La manutenzione, la logistica e il lancio, gli uomini, l'equipaggiamento e la tattica sono tutti lì.

"Bob, George, ho finito il tuo libro 2 giorni dopo averlo ricevuto. Non potevo metterlo giù. È stata una lettura incredibile e informazioni incredibilmente dettagliate."

Kent Washburn ([email protected]) Mace B, Kadena, Okinawa

"George e Bob. Voglio che entrambi sappiate quanto mi è piaciuto leggere e quanto ammiro e apprezzo ciò che avete realizzato sviluppando e pubblicando "The Pioneers". È davvero un'opera eccezionale, che riflette il tempo e gli sforzi necessari per produrlo, ma è anche un formidabile contributo alla nostra storia militare. In una corrispondenza precedente ho accennato al fatto che ero un po' deluso dalla quantità relativamente piccola di informazioni riguardanti la sede operativa/i siti di orientamento, ma hai ampiamente compensato con questo magnifico libro."

Dale Lake ([email protected]) 601° Squadrone di controllo tattico, 38th TMW, Hamm, Germania

"Ho appena finito il tuo libro, The Pioneers, et al. Per favore accetta il mio " lavoro ben fatto!" Non solo è informativo, ma è anche molto leggibile. Vorrei anche complimentarmi con te su come l'hai annotato bene. Hai dimostrato che un'opera accademica può essere allo stesso tempo istruttiva e divertente. "

Michael Roof ([email protected]) SGM USA (Ret.)

"Ottimo lavoro con grandi dettagli"

Col. Charlie Simpson, USAF, in pensione
Direttore esecutivo
Associazione dei missilistici dell'aeronautica militare

"George, il libro è arrivato martedì mentre ero in viaggio per la Francia. Naturalmente, ho letto velocemente il capitolo sul "passo silenzioso della Germania nel regno degli armamenti nucleari". Sai, questo è ancora un fatto ampiamente ignorato da queste parti.
. Per me è affascinante vedere cosa fosse veramente il quadro negli anni Cinquanta e Sessanta rispetto a ciò che la comunicazione ufficiale dell'epoca voleva far credere alla gente. Un libro affascinante che fa luce sugli albori dei missili nucleari tattici e sul background politico che ancora oggi è in gran parte nascosto dietro la propaganda dell'epoca. Non vedo l'ora di leggere il resto."

Burkhard Domke
Harsefeld, Germania

Disponibile ora!, Clicca qui per ordinare
"USA Missili tattici 1949-1969 I pionieri"

"Ho il tuo eccellente libro sui missili tattici USAF. In realtà ho assistito allo smantellamento dei Maces a W scheim nel 1966."

Paolo Offen
Talitha, Tye Common Road
Billericay
Essex CM12 9PX
UK

"Volevo solo scriverti una riga e dirti quanto mi è piaciuto il libro che hai scritto tu e Bob. La storia è stata di particolare interesse per me e mio fratello che era professore di storia all'Università del Wisconsin. Pensava anche che il libro fosse scritto bene, e ora sa cosa ha fatto il suo fratellino (io) mentre era in Germania per tre anni."

George Joseph Snyder ([email protected])
71° TMS, Steinborn, Germania

". a proposito, ho letto il tuo libro, è stato fantastico, grazie per averlo scritto."

Hack Hunton ([email protected]) Mace B, Kadena, Okinawa

Missili tattici dell'aeronautica statunitense "2008 - George Mindling e Robert Bolton"

Ispirati dal sito Web 38th TMW, George Mindling e Robert Bolton sono stati co-autori di Missili tattici dell'aeronautica americana 1949 - 1969: The Pioneers -2008, la storia dei primi missili operativi americani, dal Matador al Mace, da Taiwan, Corea e Da Okinawa alla Germania, tra cui Lowry, Orlando, Holloman, l'isola di Santa Rosa a Eglin e persino Camp Happiness!

I primi missili da crociera

Nel luglio 1944, tre settimane dopo che le "Buzz Bombs" tedesche V-1 avevano colpito per la prima volta l'Inghilterra il 12 e 13 giugno, gli ingegneri americani spararono una copia funzionante del motore a getto d'impulso V-1 tedesco, "reverse-engineered" dalle bombe ronzio V-1 tedesche che si schiantarono. sono stati rispediti a Wright Field, Ohio, per essere analizzati. Il reverse engineering, chiamato all'epoca "Copia cinese", fornì la progettazione del primo missile guidato prodotto in serie in America, il JB-2. Il primo missile guidato senza equipaggio nell'arsenale americano. Il primo lancio di un JB-2 avvenne all'Eglin Army Air Field in Florida nell'ottobre 1944.

Oltre al gruppo di Eglin, un distaccamento della Special Weapons Branch, Wright Field, Ohio, arrivò a Wendover Field nello Utah nel 1944 con la missione di valutare i sistemi missilistici catturati e sperimentali, incluso il JB-2. Il test si è svolto in un sito appena a sud del sito tecnico di Wendover.

Furono stipulati contratti per la produzione di 2.000 armi, designate JB-2, per "Jet Bomb"-2. Alimentato da un motore Ford IJ-15-1 da 770 libbre di spinta a getto d'impulso che è stato decodificato dal pulsejet tedesco Argus-Schmidt catturato nel V-1, la cellula doveva essere costruita dalla Republic Aviation, ma ha subappaltato la cellula a Willys -Via terra.

La produzione del JB-2 terminò dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel settembre 1945, con 1.385 JB-2 consegnati all'USAAF. Sono proseguiti i lanci di prova, sia a Wendover che a Eglin. Il 26 gennaio 1946, le forze aeree dell'esercito crearono il primo gruppo sperimentale di missili guidati per sviluppare e testare missili a Eglin Field. Negli anni dell'immediato dopoguerra, questa organizzazione ha lanciato e valutato il JB-2 e ha svolto un ampio lavoro con i droni.

L'US Army Air Force ha continuato lo sviluppo del JB-2 come Project MX-544, con due versioni: una con guida interna preimpostata e un'altra con controllo radar. Sono state sviluppate diverse piattaforme di lancio, comprese rampe permanenti e portatili e il lancio mobile da sotto le ali dei bombardieri B-17G o B-29. Dopo la seconda guerra mondiale, il JB-2 ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo di sistemi missilistici terra-superficie. I test continuarono dal 1944 al 1946 presso l'Eglin Army Air Field, in Florida, per migliorare il lancio e la guida.

La US Navy sviluppò una versione lanciata da sottomarini, KUW-1 Loon, in seguito chiamata LTV-N-2, che veniva trasportata sul ponte di poppa in contenitori stagni.

L'SS 337 Carbonero, nella foto, è stato il secondo sottomarino statunitense a lanciare il Loon. La prima fu la SS 348 Cusk che lanciò con successo il suo primo Loon il 12 febbraio 1947, al largo di Point Mugu, in California.

Dieses Buch ist ein Muss f r alle, die im Rahmen ihres Dienstes bei der US Air Force mit den fr hen Marschflugk rpern zu tun hatten, aber auch f r deutsche Milit rarch ologen, die in der Eifel, im Hunsr ck oder im Pf lzer Wald schon ber r tselhafte Hinterlassenschaften gestolpert sind. Più avanti 40 Jahren wird endlich eine F lle von Fakten, Informationen und Geschichten zu den zwischen 1954 und 1969 in Deutschland stationierten, mit Automwaffen ausger steten amerikanischen Matador und Mace auf den Tisch gelegt. Ausf hrlich und lebendig erz hlen George Mindling und Bob Bolton von den jungen Missilemen, die im M rz 1954 erstmals in Bitburg ankamen - noch ganz gr n im Gesicht, weil auf dem Atlantik schwerer Sturm geherrscht hatte. Von den T-33-Flugzeugen, die aus bungsgr nden so taten, als w ren sie Matador-Flugk rper, ber die Startstellungen hinweg in Richtung deutsch-deutsche Grenze donnerten und sichft von der Gegenseite nurschen lassen nicht . Oder von der Kuba-Krise, als die US Air Force Europe auf DEFCON 3 ging und an die Mechaniker in Bitburg Munition f r ihre Karabiner ausgegeben wurde.

Augenzeugen sagen dazu: "Wir h tten die V gel auf jeden Fall innerhalb von 15 Minuten in der Luft haben m ssen!" Es ist lebendige Milit rgeschichte, die nun nicht der Vergessenheit anheimf llt, sondern jedermann zug nglich - auch f r die ortsans ssige Bev lkerung, die heute endlich erf hrt, was sich damals in ihrer Nachbarschaft zugetragen hat. Den beiden Autoren geb hrt der Dank.

Klaus Stark ([email protected])
Berlino, Germania

Dopo che l'Aeronautica degli Stati Uniti divenne un braccio completamente indipendente dell'establishment militare nazionale (in seguito ribattezzato Dipartimento della Difesa) il 18 settembre 1947, la ricerca continuò con lo sviluppo di velivoli senza pilota e bombardieri senza pilota, incluso il già disponibile JB-2 and the sub-sonic, 500 mile range XSSM-A-1 which had been specified in December of 1945. The contract for developing the XSSM-A-1 was awarded to the Glenn L. Martin Company of Baltimore, Maryland and was known as the MX-771 project. The XSSM-A-1 would become the B-61 Matador, the U.S. Air Forces first operational missile.

The USAF Air Materiel Command reactivated the JB-2 as Project EO-727-12 on 23 April 1948, at Holloman AFB, New Mexico, the former Alamogordo Army Air Field. The JB-2 was used for development of missile guidance control and seeker systems, testing of telemetering and optical tracking facilities, and as a target for new surface-to-air and air-to-air missiles. The JB-2 project used the North American Aviation NATIV (North American Test Instrument Vehicle) Blockhouse and two launch ramps at Holloman: a 400-ft, two-rail ramp on a 3 degree earth-filled slope, and a 40-ft trailer ramp.

Air Force Manual 52-31 artist's depiction of a JB-2 Ramp Launch

The earth-filled ramp was scheduled for completion in January 1948. The first firing of a JB-2 at Holloman Air Force Base occurred on 3 May 1948, and the last took place 10 January 1949, after 11 missions.

The last JB-2 launch occurred just 10 days before the first launch of the new Martin XB-61 Matador. The JB-2 program was concluded after successful development of a radio guidance system which could launch, turn, circle, and skid-land a JB-2 under the control of an airborne or ground transmitter.

There are over twenty five of the remaining JB-2/LTV-N-2 airframes that have been restored by aviation museums around the country, including the US Air Force Museum in Wright Patterson Air Force Base, Ohio.

The US Register of Historic Places lists two sites on US Air Force property at Eglin Air Force Base. 8OK246 and 8OK248, both on Santa Rosa Island, that include the wreckage and remnants of 18 JB-2 missiles that crashed in the sand and are still part of the Florida landscape. The airframe of at least one other unlaunched JB-2 is believed to be also buried somewhere in the dunes.
( Newell O. Wright and Corinne D. Hollon Graves - The Recent Past on Eglin Air Force Base )

The Book, U.S. Air Force Tactical Missiles, 1949-1969, The Pioneers , George Mindling and Robert Bolton, 2008

JB-2 Ramp at Holloman AFB


"The JB-2 launch ramp was completed ca. 1947 in the MTSA (see Figure 12 and Appendix C). The structure does not have a facility number and no real property records were located. The structure consists of a long, earthen ramp (Figure 74). Without a Real Property Accountable Record, there is no record of functions for the ramp after the JB-2 test program ended in 1948. Archival research by Mattson and Tagg (1995) and Weitze (1997) indicate the ramp was modified for other missile testing in 1949 and 1950. As described earlier, Hughes Aircraft Company is apparently responsible for the modifications of the loading pit and the addition of the concrete and wooden features at the north end of the ramp, as well as for many of the concrete pads on either side of the ramp. Currently the JB-2 Ramp is abandoned."

The Author purchased this AMC 172nd scale plastic model of a JB-2 Loon on e-bay. The box cover is a representation of the photo above.


" Figure 74. JB-2 Ramp in 1995, west profile (HAFB Environmental Flight, Cultural Resources Photo Archives). Original 1947 drawings show a 440' long earthen ramp with a concrete loading pit (Figure 75). The ramp ranges in width from 10' at the south end to 80' at the north end and faces 330 degrees. The ramp bed is inclined at a 3 degree slope, starting at the existing ground level (south end) and rising to a height at the north end of approximately 24'. Two parallel, 75 pound ASCE (American Society of Civil Engineers) rails are set 4'11" apart and run for 392'2" along the top. The track sits on 18" tall steel I-beams resting on 77 standard 8" x 1' x 7' wood cross-ties. A bed of 10" thick reinforced concrete was poured over a compacted subgrade between I-beams. The rails were apparently transferred from JB-2 test facilities at Wendover AAF in Utah and used in the construction of this ramp. At the north end of the ramp a concrete stairway leads down to a 20' x 40' concrete pad cut into the ramp. The pad is elevated about 4 feet above the present ground surface with two sets of concrete steps running to the ground. A partially obscured, semisubterranean cable trench runs from beneath this feature southeast to Building 1116. A 5' x 10' concrete pad sits at the north end of the ramp beyond the rails, and 2" x 10" wood planks extend from this feature to a metal tower situated just off the end of the ramp. A wood flume runs from a channel between the end of the rails and this pad to three concrete pads situated below the ramp. A wooden stairway also runs off the west side of the ramp (Mattson and Tagg 1995:38-43)."


" The loading pit, situated at the south end of the ramp, is rectangular with a flared apron at the south end. The pit is 20 feet x 16 feet x 3 feet 3" deep with 8" thick concrete walls and the apron is 20 feet long and 34 feet wide at its widest point. The pit was apparently once open to the south but has been enclosed with a concrete wall a 6'4" x 5'4" entryway is now situated in the center of this wall. The height of the pit walls has also been extended 4 feet, encasing the southern ends of the rails. A &ldquoreinforced concrete structure&rdquo is shown just west of the south end of the track by the loading pit (CE File IE 232). A 1948 photograph verifies this feature as being U-shaped (see Figure 64). An identical structure is now located on the east side of the track. It has 8" thick concrete walls and floor and inside dimensions of 6 x 4 x 4 deep (Mattson and Tagg 1995:39-43). The original architectural drawings, labeled as-built, were provided by the War Department, U.S. Army Corps of Engineers, Office of the District Engineer (Albuquerque, New Mexico). The builder is unknown."

" The JB-2 Ramp retains its original size and shape and maintains historic integrity. Most of the original materials used to construct the earthen ramp are still visible, although some modifications have occurred. Only 105 ft of rail at the south end and a single rail in the center of the ramp remain intact. The remainder has been cut off and removed. The loading pit and north end of the track have been modified with concrete and wood features, and these features are deteriorating and responsible for erosion of the earthen ramp. The addition of these features has not obscured original workmanship, however. They contribute to the ramp&rsquos early Cold War period of significance."

Figure 75. JB-2 Ramp profile, plan view, and cross section, ca. 1947, and plan view with later modifications as it appeared in 1996. a launching area on a 1957 base map and locally known as the MTSA (see Figure 12). Contemporary facilities and features such as Building 1116, which was used as the observation shelter for the JB-2 and Falcon missile programs, and numerous concrete pads and features still remain in the vicinity. The structure was used for its original purpose until missile testing was no longer conducted at the MTSA in the late 1950s. Since that time it has been abandoned. The structure continues to exhibit its historic character as a test vehicle launch ramp and retains its integrity of association with early Cold War missile testing"

Facility Assessment Form/JB-2

"Airplanes, Combat and Maintenance Crews and Air Bases", Martyn D. Tagg, Cultural Resources Manager, Wright Patterson AFB

Our Thanks for the use of the JB-2 Loon Launch Ramp photograph from the publication "Airplanes, Combat and Maintenance Crews and Air Bases", Martyn D. Tagg, Cultural Resources Manager, Wright Patterson AFB


"I am an eBay seller and picked up the scrapbook of a soldier in the 321st Squadron Armament group who was part of the group who tested the JB-2 at Ladd Field in 1946-47. Please see attached USAF photo of JB-2 test plane (sic)."

"Shortly after takeoff or during take off the JB-2 exploded and the soldier had photos of the wreckage."

"The soldier also had several photos of the firing of this JB-2 engine at -58 and -62 degree farenheit and the soldier apparently worked on version 7 of the JB-2 Engine personally."

"Ladd field was used for the land lease plane program with Russia during WWII and also was a cold weather testing facility of not only the JB-2 but also several other planes and a helicopter outfitted with tank treads. A very interesting scrapbook which was falling apart and I am selling piecemeal."

"You may wish to expand this website to include the Ladd Field experiments."

Bob Baillargeon([email protected])


Contenuti

Skins

Nome Rarity Immagine How to obtain
Panzer Rare Unobtainable
Apis Epico Bundle Mace: Desert Marauder
Metal Phantom Leggendario Bundle Mace Operator Bundle
Ofrenda Leggendario Bundle Mace: Dia de los Muertos
The Armorer Leggendario Bundle The Executive Armorer
Lapide Leggendario Bundle Mace Guns Blazing

Quips

Nome Rarity How to obtain
Ain't Nothin' Rare Unobtainable
Easy Kill Rare Unobtainable
Enough Outta You Rare Unobtainable
Gotcha Rare Unobtainable
Hooah Rare Unobtainable
Too Easy Rare Unobtainable
All Day Epico Bundle Mace: Desert Marauder
An Operator Epico Bundle Mace Operator Bundle
Fuck Off Now Epico Bundle Mace Guns Blazing
Stack 'Em Up Epico Bundle The Executive Armorer

Finishing Moves

Nome Rarity How to obtain
Mace to the Face Epico Bundle Mace Operator Bundle
Run Through Epico Bundle Mace Guns Blazing
Universal Finishing Moves

Mace being the first woman to graduate from the Corps of Cadets program of The Citadel she received a degree in business administration. She later proceeded to earn a master’s degree in journalism and mass communication from the Henry W. Grady College of Journalism and Mass Communication at the University of Georgia, a public land-grant research university with its main campus in Athens, Georgia.

Mace started The Mace Group in 2008, a consulting business. She worked for the Donald Trump 2016 presidential campaign in South Carolina.


Guarda il video: Proses bunga pala


Commenti:

  1. Vosho

    È una buona idea. È pronto a supportarti.

  2. Sani

    oh... che bello...



Scrivi un messaggio